cultura

In archivio "Est Film Festival 2020", il punto dei direttori già al lavoro per "Civita Cinema"

lunedì 26 ottobre 2020
In archivio "Est Film Festival 2020", il punto dei direttori già al lavoro per "Civita Cinema"

Si è conclusa venerdì 23 ottobre la 14esima edizione di Est Film Festival. Il Festival cinematografico di Montefiascone, uno degli eventi culturali di riferimento della Tuscia, ha premiato con l’Arco d’Oro - Premio Creval e 1.000 euro l’opera prima di Phaim Bhuiyan “Bangla” come Miglior Film, mentre l’Arco d’Argento - Premio C.I.C. Centro Iniziative Culturali e 500 euro è andato ad Alessandro Di Ronza con “Il principe delle pezze” Miglior Documentario.

Tutti i premi di Est Film Festival sono stati realizzati, come ogni anno, da Fratelli Marmo - It's Stone. Un’edizione diversa dalle precedenti sia per l’inedita versione autunnale (il festival si svolge notoriamente a luglio) sia per la location, tutte le proiezioni si sono svolte infatti al Cinema Multisala Gallery di Montefiascone. I direttori Vaniel Maestosi e Glauco Almonte tracciano un resoconto dell’evento. 

Il direttore organizzativo Maestosi ha voluto raccontare il cambiamento per chi opera nella creazione di eventi: “Realizzare un Festival o un evento è una cosa bella. Un lavoro mentalmente faticoso, ricco di incertezze, volubile, ma bello, pieno di originalità, di forte impegno sociale, di incontri interessanti, soprattutto quando ti muovi sul piano culturale. Un lavoro che svolgo da oltre quindici anni, che mi ha insegnato tante cose e continua a farlo. Quest'anno però ammetto che è stato davvero difficile, a volte quasi un incubo, come per moltissimi altri settori, l'entusiasmo si è trasformato in fatica, in dubbi, in paure. Abbiamo davvero dovuto lottare per riuscire a realizzare il 15° JazzUp Festival a Viterbo, il 4° Cinema & Terme sempre a Viterbo, il 14° Est Film Festival, che si è appena concluso a Montefiascone e continueremo a lottare per chiudere la nostra stagione a dicembre con il 4° Civita Cinema.

Abbiamo dovuto stravolgere tutto, creare nuove idee, cambiare le date, ripensare ogni evento, ricostruire rapporti con sponsor ed artisti, adeguarci a quello che stavamo vivendo. In fondo un Festival si alimenta di condivisione, di contatti, di confronti e soprattutto, come dice la stessa parola, esprime una Festa, ovvero una gioia. Per questo tutta questa 'distanza' da questi principi è stata la cosa più dolorosa e difficile. Ma ce l'abbiamo fatta, perché la Cultura ha dimostrato, oggi più che mai, che è un bene necessario, che rende le persone migliori, ancor più adesso in questa emergenza così lunga e devastante per l'animo umano. Tutto questo lo abbiamo potuto fare grazie a chi ha creduto in noi e nei nostri eventi, tutte le Istituzioni, gli Sponsor, dai Main ai Partner e soprattutto al Pubblico, che ha deciso di essere sempre presente nonostante il Covid. Attenderemo il 2021, più forti e più pronti, ma in realtà speriamo che tutto diventi solo un lontano, brutto ricordo, perché non vediamo l'ora di tornare ad offrire la nostra lunga, splendida Estate di eventi, fatta di sorrisi, incontri, piazze gremite, persone e abbracci.” 

Almonte, direttore artistico della manifestazione, parla della fase di costruzione del programma e di come la pandemia abbia influenzato anche questo aspetto:  “Est Film Festival è fin dalla prima edizione una festa, un'occasione di incontro tra autori e pubblico, di crescita per la città. Nel 2020 questo lavoro si è bruscamente arrestato pochi giorni dopo la pubblicazione dei bandi di concorso e, con il passare dei mesi, abbiamo capito che l'unico obiettivo realistico sarebbe stato riuscire a fare la 14ª edizione; quando abbiamo avuto la certezza della nuova collocazione autunnale, a luglio inoltrato, era chiaro che il programma sarebbe stato deciso nei 15 giorni dopo la fine del Festival di Venezia, visto che da agosto a metà settembre tutto il settore si blocca.

Non abbiamo esteso inviti sia per questioni di tempo, sia perché il festival non avrebbe potuto godere della splendida cornice di Piazzale Frigo, perdendo quasi il 90% della capienza; ci siamo dunque affidati alle iscrizioni pervenute per scegliere i 9 film in concorso e alla presenza di un amico quale Claudio Giovannesi, che ha deciso di venire a Montefiascone durante la serata inaugurale, per ritirare l’Arco di Platino - Premio Italiana Assicurazioni nonostante il periodo, per far sentire la sua vicinanza a una manifestazione che è cresciuta di pari passo con la sua carriera. Le iscrizioni sono state poche per motivi diversi: sono state aperte e chiuse più volte, con deadline e date del festival spostate, con pochi fondi per pubblicizzarle e un regolamento, di cui andiamo fieri, che impone a chi partecipa la presenza a Montefiascone per il dibattito con il pubblico e le giurie.

In questa situazione siamo riusciti a proporre in concorso 4 documentari e 5 lungometraggi tra opere prime e seconde di altissimo livello: nonostante la rinuncia, come ogni anno, a qualche film per l'impossibilità di incastrare le date del festival con le disponibilità degli autori, è stata una delle edizioni dalla qualità media più elevata. Il festival è appena finito ma non ci faremo sorprendere nel 2021: abbiamo fiducia che la 15ª edizione possa tornare a svolgersi nel periodo estivo e quindi siamo già al lavoro nell'opera di monitoraggio, in modo da diffondere capillarmente, ma anche verso obiettivi mirati, i bandi di partecipazione che apriremo in primavera. La situazione che viviamo, così indefinita, potrebbe spingerci a fare di meno in attesa di tempi migliori nei quali tornare ad investire; la stima, l'affetto e la solidarietà che abbiamo ricevuto nelle ultime settimane ci spingeranno invece a fare di più, per restituire il prima possibile al pubblico di Est Film Festival ciò che merita: un evento a misura della voglia di crescita individuale, di confronto collettivo, di nuova conoscenza, di bellezza.” 

L’Associazione Culturale Factotum non si ferma, con grande coraggio e determinazione, e salvo stravolgimenti o divieti, chiuderà la stagione eventi 2020 con il 4° Civita Cinema - dal 17 al 20 dicembre - a Bagnoregio e Civita di Bagnoregio (www.civitacinema.it) in attesa di uno sperato ritorno alla normalità per il 2021. Est Film Festival è stato realizzato grazie al sostegno e al contributo di: Italiana Assicurazioni, Creval, Terme dei Papi, Mibact, Regione Lazio, Comune di Montefiascone, Fondazione Carivit, Università degli Studi della Tuscia, UIL Scuola Viterbo, Nuovo Imaie, KIA Autopremium, Cantina di Montefiascone, Caffè Fida, IDM Assicura, Fratelli Marmo, Centro Medico Bartoleschi, AEM, Civico Zero Resort, Gruppo Carramusa, Ergonet, Manzi Petroli, Etikart, Grotta di Sale dell’Himalaya, Cinema Multisala Gallery, C.I.C. - Centro Iniziative Culturali, Foto Ottica Breccola, Hotel Urbano V, Il Caminetto Resort, Hotel Altavilla.  

Per visionare video e foto del Festival:
www.estfilmfestival.it