cultura

Teatro Boni, "Avanti tutta!". Nathalie Caldonazzo alza il sipario sulla nuova Stagione

giovedì 15 ottobre 2020
di Davide Pompei
Teatro Boni, "Avanti tutta!". Nathalie Caldonazzo alza il sipario sulla nuova Stagione

"II buon marinaio si conosce nelle tempeste. Lascia che il vento gonfi le tue vele. Esplora. Sogna. Scopri". Mutua il linguaggio dal mondo nautico, con la giusta dose di poesia e spirito d'avventura – necessario in un anno così complicato – il Teatro Boni, per alzare il sipario sulla nuova Stagione realizzata dall'Associazione TeBo in collaborazione con il Comune e il sostegno della Regione Lazio. Al timone, anche quest'anno, "capitan" Sandro Nardi.

Al grido di "Avanti tutta!", la ribattezzata "piccola perla della città di Acquapendente" si appresta ad inaugurare così la prima parte del cartellone che da ottobre a gennaio propone un variegato campionario di dieci proposte, alcune delle quali in più repliche, oltre a tre concerti nel periodo natalizio. Artisti affermati ed emergenti, nel segno della qualità. Posti limitati e prenotazione obbligatoria, con accesso, accoglienza e sedute organizzati nel rispetto delle normative anti Covid.

"La partenza – suggerisce il direttore artistico – è la prima fase di qualsiasi viaggio, breve o lungo che sia. Il Teatro Boni ha coraggiosamente deciso di issare le vele del suo bastimento carico di proposte, idee e progetti, metafora dell'irrefrenabile desiderio di muoversi, conoscere, evadere per trovare nuovi punti di riferimento. Abbiamo così deciso di ripartire, lasciando che il vento gonfi le nostre vele, perché il buon marinaio si conosce nelle tempeste".

Senza la tradizionale presentazione e senza più remore, si inizia domenica 18 ottobre alle 17.30 con "Parlami d'Amore", commedia in due atti di Philippe Claudel nella traduzione di David Conat, che porta sul palco Nathalie Caldonazzo e Francesco Branchetti al servizio della storia di un rapporto di coppia che, attraverso fragilità e debolezze a tratti terribili, ma con humour e ironia, mette allo scoperto i due profili psicologici dei personaggi.

Quanto basta per riflettere sul fatto che in una relazione può diventare difficile uscire da certi schemi comportamentali e a volte anche sociali. Un testo con straordinaria capacità di indagare l'animo umano e le tortuose relazioni con se stessi e con gli altri, "come una danza che muta di ritmo e come una lama che affonda nelle pieghe più intime e a tratti inconfessabili". Secondo appuntamento, sabato 24 ottobre alle 21 con Manuele Morgese e "Il Caso Dorian Grey".

"Posso offrire un caffè?", invece, è il titolo della pièce con Carlo Di Maio che andrà in scena sabato 31 ottobre alle 21 e domenica 1° novembre alle 17.30. "Pezzi. Si vive per imparare a restare morti tanto tempo", spettacolo vincitore di Roma Fringe Festival 2019, diretto da Laura Nardinocchi, con Ilaria Fantozzi, Ilaria Giorgi e Claudia Guidi fa tappa al civico 9 di Piazza della Costituente domenica 8 novembre alle 17.30.

Atacama porta qui, domenica 15 novembre alle 17.30, "La Danza della Realtà" con Marco Cappa Spina, Nicholas Baffoni, Valeria Loprieno, Cristina Meloro e Camilla Perugini. Ideazione, coreografia, regia e luci Patrizia Cavola e Ivan Truol. Doppia recita, sabato 21 novembre alle 21 e domenica 22 novembre alle 17.30 per Valentina Elia, impegnata in "Lampedusa Beach" di Lina Prosa. Doppia anche per "L'amore è una scusa" con la supervisione artistica di Max Vado.

In scena, sabato 28 novembre alle 21 e domenica 29 novembre alle 17.30 Alessandro Molinari, Federico Scribani e Maria Carolina Salomè, che firma anche la regia. Emilio Celata è protagonista della produzione del Teatro Boni "Il Minotauro", il cui debutto nazionale è avvenuto al 22esimo Velia Teatro Festival di Ascea Marina e che torna ad Acquapendente sabato 5 dicembre alle 21, lunedì 7 dicembre alle 21 e martedì 8 dicembre alle 17.30 con la regia di Sandro Nardi.

Ritorno al Boni anche per Roberto Ciufoli, sabato 12 dicembre alle 21 e domenica 13 dicembre alle 17.30 con "Tipi". A cinque giorni da Natale, domenica 20 dicembre alle 17.30 largo a "La mia vita vorrei scriverla cantando". L'omaggio a Napoli ha la voce di Miriam Scarcello accompagnata dalla chitarra del Maestro Gennaio Venditto. "Musica e Cori" nell'ultimo mese dell'anno anche con "Viva Vivaldi" della Corale Ensemble Francigena, domenica 6 dicembre alle 17.30.

Immancabile il Concerto di Natale affidato sabato 19 dicembre alle 21 a Banda, Majorettes e Cheerleaders della Città di Acquapendente e sabato 26 dicembre alle 17.30 alla formazione "Vox Antiqua". Il 2021, invece, si aprirà con la nuova produzione della Compagnia Retropalco, in scena martedì 5 gennaio alle 21, mercoledì 6 gennaio alle 17.30, venerdì 8 gennaio alle 21, sabato 9 gennaio alle 21 e domenica 10 gennaio alle 17.30. È il teatro, bellezza.

I biglietti sono già in vendita anche sul circuito Vivaticket.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:
0763.733174 – 334.1615504
www.teatroboni.it