cultura

Inaugurata la Passerella di San Pietro, 31 metri sospesi con affaccio panoramico

lunedì 3 agosto 2020
di Davide Pompei
Inaugurata la Passerella di San Pietro, 31 metri sospesi con affaccio panoramico

Costruita in acciaio corten e vetro e illuminata a led, si inserisce dignitosamente nel contesto architettonico urbano andando ad arricchire un angolo già suggestivo, grazie alla presenza del dipinto del Perugino che raffigura Sant'Antonio Abate tra San Paolo Eremita e San Marcello. Dopo lunga gestazione, sabato 1° agosto, Città della Pieve ha finalmente inaugurato la Passerella di San Pietro che consente di godere di un affaccio panoramico sul Monte Cetona.

Trentuno i metri di passaggio pedonale sospeso che, abbracciando l'omonima chiesa, consente a chi li attraversa di evitare i pericoli connessi alla curva stradale, notoriamente pericolosa, e di ammirare meglio quella veduta sulla Val di Chiana definita, non a sproposito, "mozzafiato" dai rappresentanti delle tre amministrazioni comunali che, negli anni, si sono succedute nella progettazione superando le lungaggini burocratiche e portando a termine l'ambizioso progetto.

Come noto, nella fase successiva all'ideazione si era anche ipotizzato un intervento meno invasivo, con il passaggio interno nel corridoio laterale e uscita sotto il campanile della Chiesa di San Pietro. Nel passaggio, attraverso ampie vetrate, si sarebbe resa possibile sia la visita dell’affresco del Perugino che della vallata sottostante. Purtroppo, però, l’iter già avviato non ha consentito la modifica che aveva riscosso anche il benestare dell'Arcidiocesi di Perugia-Città della Pieve.

A marzo 2019 la Regione aveva riassegnato i fondi necessari, 217.000 euro, ed ora che è stata ufficialmente consegnata alla cittadinanza, la passerella che consente ai pedoni di aggirare in sicurezza l’edificio, nel primo fine settimana di fruibilità ha comprensibilmente attirato la curiosità di visitatori e fotografi amanti di paesaggi e natura. A vantaggio di chi ancora non ne ha avuto occasione, il Comune ha diffuso sui social un video realizzato con tanto di drone.

E l'innovazione tecnologica è supporto del turismo grazie anche al City Brand con cui Città della Pieve punta a rilanciare a livello internazionale la sua immagine attraverso la realtà virtuale. Anticipando sui tempi anche Roma che lancerà un analogo progetto prossimamente, è stato presentato "Città della Pieve VR", assaggio accattivante e totalizzante che permette a chiunque e da qualunque posto del mondo di scoprire la città in modo ravvicinato, intuitivo ed inedito. Un vero e proprio virtual tour.

"La tecnologia Vr City – sottolinea il sindaco, Fausto Risiniè in evoluzione ed estremamente dinamica, dunque consente di aggiungere ulteriori funzioni e servizi a potenziamento, adattandola sempre di più alle esigenze e ambizioni che si riterranno in linea con i valori e l'identità della comunità". L'Amministrazione Comunale si sta già interessando ad un'evoluzione del progetto che permetterà di effettuare degli educational a livello tecnologico, turistico e didattico.