cultura

"Moon, Trek and Food". A caccia di storie, sotto la Luna Piena di Ferento

mercoledì 1 luglio 2020
di Davide Pompei
"Moon, Trek and Food". A caccia di storie, sotto la Luna Piena di Ferento

"Quando non c’erano i lampioni e l’unica luce notturna era quella della Luna, un astro che ha illuminato un mondo passato che forse non ci appartiene più". Per Experience Tuscia Trek & Walk, La Madia del Cardinale, Midas Art & Craft quel mondo esiste ancora ed è pronto a restituire le sue storie ad orecchie moderne che hanno la pazienza di ascoltare. E piedi che hanno la voglia di mettersi in cammino.

Sono "piccole storie non scritte – spiegano gli organizzatori – perché sono le storie degli sconfitti, a partire da una vecchia strada dove gli abitanti del posto più di 800 anni fa trovarono la salvezza da un nemico prepotente ed implacabile". L'invito a percorrerla in notturna – e in tutta sicurezza – giunge puntuale per venerdì 3 luglio, con partenza alle 19.30 dalla Stazione di Grotte Santo Stefano grazie all'iniziativa "Moon, Trek and Food".

Un percorso ad anello di circa 12 chilometri, difficoltà E (Escursionistico), che copre un dislivello di 200 metri con guado. Per questo sono obbligatori scarponcini da trekking, pantaloni lunghi e lampada frontale. Consigliati, invece, bastoncini che agevolano la camminate e almeno un litro d’acqua a persona. L'arrivo a Ferento, antica città alle porte di Viterbo, è atteso prima del tramonto e seguito dalla visita del sito archeologico.

"Tremarono in quella notte di terrore, dando per certa la loro imminente fine, le donne che piansero tutte le lacrime possibili, mentre correvano con i propri figli stretti nel grembo, senza i propri uomini restati indietro a farsi ammazzare per permettere loro di mettersi in salvo. Pregarono, nel silenzio della notte, quelle stesse donne senza aprire bocca per non farsi sorprendere e con i cuori ad un passo dall’esplodere.

Forse in quel tragico evento le loro preghiere furono ascoltate proprio dalla Luna che mossa a compassione diede loro, illuminandogli il cammino. La forza di trovare scampo in un posto impervio e pieno di insidie. Quel posto, così tanto inospitale, ora è un paese pieno di vita, che prese il nome dall’unico rifugio possibile. Grotte, divenuto poi di Santo Stefano, a ricordo delle proprie origini. Oggi non rimane molto che ricordi quegli sventurati".

Uniche eccezioni, la Luna e la strada di salvezza che rese percorribile. Le stesse che percorsero i nostri antichi progenitori. I racconti di vita al tempo dei Romani saranno preludio al momento del ristoro a base di street food – pasta fredda, panino con salsiccia e acqua – e al ritorno a Grotte Santo Stefano con il cammino irradiato dalla Luna Piena. Il costo, complessivo di assicurazione giornaliera, è di 15 euro.

Per ulteriori informazioni e prenotazioni:
338.4220222 – 327.4696269 – 347.5463979