cronaca

Appello all'Amministrazione. "Un passo fondamentale per un Comune Pet Friendly"

giovedì 24 novembre 2022

In una lettera aperta rivolta alla cittadinanza di Orvieto e del suo comprensorio, le organizzazioni di volontariato "Gli Amici di Charlie" e "Tribù delle Code Etrusche", insieme a LAV Orvieto desiderano condividere alcune riflessioni e preoccupazioni circa le intenzioni del Comune di Orvieto in merito alle possibilità di destinazione d’uso dei locali del Canile Municipale di Fontanelle di Bardano, attualmente occupati da "Gli Amici di Charlie", a cui è affidata la gestione del canile stesso. Di seguito in forma integrale:
 
A seguito del prossimo trasferimento dei cani presso il Rifugio di Montetonico, nel Comune di Castel Giorgio, il Comune di Orvieto ha previsto di destinare i locali in via di sgombero al Servizio di Igiene alimenti di origine animale Usl Umbria 2, per il conferimento e l’ispezione di parti anatomiche di maiali e di cinghiali uccisi durante le battute di caccia, fonti potenziali di malattie infettive virali, batteriche e parassitarie trasmissibili anche all'uomo.
 
Da oltre vent’anni, dalla nascita della struttura del Canile Municipale di Orvieto, i volontari che hanno costituito l’Associazione "Gli Amici di Charlie" si sono dedicati in modo continuativo alla tutela, alla cura e al benessere dei cani randagi ospitati negli anni nella struttura, promuovendo le adozioni attraverso una serie di attività, iniziative e progetti.

Gli stessi volontari si sono al contempo occupati del problema del randagismo felino, interessandosi al censimento di molte colonie da parte della Usl veterinaria e provvedendo alla cattura dei gatti da sterilizzare. Sono stati raggiunti risultati importanti ma il problema continua ad essere particolarmente diffuso sul territorio e adesso, su questo fronte, stanno operando con impegno e in modo costante anche la nuova associazione "Tribù delle Code Etrusche" e "LAV Orvieto", sede locale della Onlus nazionale che da 45 anni è impegnata nella salvaguardia della vita e dei diritti degli animali.
 
Da circa due anni il Comune di Orvieto ha di nuovo messo a disposizione della Usl alcuni locali del Canile Municipale per la sterilizzazione dei gatti delle colonie feline, consentendo la ripresa di un servizio imprescindibile nel territorio, dove il randagismo felino continua purtroppo ad essere una piaga tristemente diffusa.

Considerando la notevole frequentazione del posto, riteniamo che la scelta del Comune di Orvieto di destinare i locali adiacenti a quelli in cui si svolgono le sterilizzazioni al Servizio di Igiene alimenti di origine animale non sia prudente per la salute pubblica e impedirebbe inoltre che la struttura possa ritornare ad essere un’importante risorsa per tutto il territorio orvietano. Infatti, possedendo già i requisiti di legge, dovrebbe essere convertita a canile sanitario comprensoriale.
 
Vista l'aumentata sensibilità della cittadinanza nei confronti del benessere animale e più in generale dei diritti degli animali quali esseri senzienti, ci facciamo portavoce di un’opportunità che invitiamo a cogliere, in quanto coinvolgerebbe in modo significativo il territorio e porterebbe notevoli vantaggi alla collettività.
 
In passato Orvieto e il suo comprensorio hanno potuto beneficiare della struttura di accoglienza e ricovero di Fontanelle di Bardano per i cani rinvenuti vaganti sul territorio, sia randagi che smarriti, i quali attualmente vengono trasferiti nel Canile Sanitario di Schifanoia-Narni, distante e scomodo da raggiungere per i cittadini e causa di maggiore stress per gli animali accalappiati per via dei lunghi viaggi. Tale soluzione non è certo priva di rilevanza anche per ciò che concerne l’aspetto economico della gestione del servizio, che inevitabilmente si traduce in un significativo incremento di spesa sia per il Comune che per la Usl.
 
Pertanto, previo parere positivo della Usl, offrire la disponibilità dei locali che saranno liberati e delle aree esterne recintate esistenti (le quali, ove confermata la decisione di ospitare il Servizio di Igiene alimenti di origine animale, rimarrebbero inutilizzate) per realizzare un canile sanitario comporterebbe un immediato e considerevole vantaggio economico per il bilancio comunale e il recupero di un importante servizio per tutta la cittadinanza. Poiché nella struttura si effettuano regolarmente gli interventi di sterilizzazione dei gatti randagi, sarebbe opportuno l’utilizzo di alcuni spazi per la degenza dei felini.
 
Reputiamo fondamentale che sul territorio sia garantita la presenza di un ambulatorio veterinario per le visite di controllo e in emergenza di cani e gatti e per il servizio di microchippatura degli animali d'affezione di privati cittadini.

Inoltre, considerato il numero elevatissimo di felini sul territorio, si potrebbe prevedere anche la presenza di un gattile sanitario, assente nel territorio orvietano, nonostante ve ne sia necessità.
Sono stati informati delle nostre considerazioni e proposte i responsabili Usl e tutti i sindaci dell'Orvietano e lunedì 28 novembre è previsto un incontro con il sindaco di Orvieto.

Auspichiamo pertanto che vi sia, da parte di tutti, una nuova fase di concertazione, al fine di garantire la tutela e il benessere degli animali d’affezione e di offrire alla comunità un sistema completo di servizi efficiente ed efficace, capace al contempo di rafforzare il legame affettivo tra le persone e gli animali da compagnia.
 
Grazie per l’attenzione,
 
Gli Amici di Charlie
Tribù delle Code Etrusche
LAV Orvieto