cronaca

A quarant'anni dal rogo, cerimonia davanti al Palazzo del Vignola per ricordare le vittime

lunedì 25 aprile 2022

Lunedì 25 aprile ricorrono i quarant’anni dall’incendio della mostra dell’antiquariato che si svolgeva a Todi nel Palazzo del Vignola lo stesso giorno del 1982, definito uno dei più luttuosi eventi italiani dalla fine della Seconda Guerra Mondiale, facendo registrare un bilancio finale di 35 morti e oltre 40 feriti. In memoria delle vittime viene celebrata una messa in Duomo ed organizzata una cerimonia per la deposizione di una corona di fiori sulla lapide apposta sulla facciata del Palazzo del Vignola.

In tale circostanza verrà simbolicamente posizionata una “scala italiana” da parte dei Vigili del Fuoco e, alla presenza del sindaco di Todi e delle altre autorità civili e militari verranno letti i nomi delle vittime.  Questo grave incendio, insieme a quello del cinema statuto di Torino accaduto l’anno successivo, ha dato una vigorosa accelerazione alla normativa di prevenzione incendi con particolare riferimento alla parte relativa alla reazione al fuoco dei materiali.

Nel 1984, infatti, viene emanato il primo decreto che disciplina il comportamento al fuoco dei materiali; quest’ultimo costituisce una misura di prevenzione in grado di rallentare la propagazione dell’incendio, la produzione dei fumi, consentendo quindi di favorire l’esodo in sicurezza delle persone, prima che i locali vengano invasi dal fumo. 

Negli anni successivi sono state aggiornate ed emanate specifiche norme di prevenzione incendi sia per gli edifici storici e artistici destinati a musei, gallerie, esposizioni e mostre che per le attività di pubblico spettacolo le quali prevedendo presenze considerevoli di pubblico forniscono precise indicazioni anche in merito alle caratteristiche che devono possedere le vie di fuga per assicurare l’esodo in sicurezza degli occupanti.

All’epoca della tragedia nella città di Todi era presente un Distaccamento dei Vigili del Fuoco volontari e, nel 1987, il Ministero dell’Interno ha disposto l’apertura della sede permanente con circa 30 Vigili del Fuoco che garantiscono l’operatività 24 ore su 24 per tutti i giorni all’anno. Oggi, grazie alla collaborazione con l’Amministrazione Comunale, sono in fase di completamento le procedure per la realizzazione di una nuova caserma, in grado di offrire migliori soluzioni logistiche e strategiche al fine di garantire un efficace e tempestivo soccorso alla popolazione del territorio.