cronaca

In ricordo del dottor Ermanno Freschini

venerdì 15 ottobre 2021
di Marcello Tomassini

Si è spento nella sua residenza nel comune di Marsciano il dottor Ermanno Freschini, medico condotto che per tanti anni ha svolto la propria attività nel Comune di Castel Viscardo e più specificatamente nella frazione di Monterubiaglio. Fin dal 1978, anno che ha segnato l’arrivo ufficiale nel piccolo paese dell’orvietano, ha svolto anche la professione di ufficiale sanitario intensificando così la profilassi dei vaccini.

Sempre pronto a rispondere a tutte le richieste sia dei mutuati che degli abitanti di Monterubiaglio ha collaborato a stretto contatto con il parroco dell’epoca, Don Marzio Miscetti. L’Istituto San Domenico Savio, fondato dallo stesso sacerdote, ha usufruito gratuitamente di tutte le professionalità del dottor Freschini.

Professionalità che spaziavano dall’ambito medico a quello di consulente di don Marzio per le varie iniziative che metteva in piedi, per arrivare ad essere talvolta accompagnatore nei viaggi intrapresi dal sacerdote per risolvere i vari problemi dell’Istituto. Erano tempi in cui per usufruire del dentista bisognava per forza andare ad Orvieto. 

Il dottor Freschini si era specializzato anche in questo settore e numerose erano le richieste di intervento che arrivavano, tanto che il giornalista Maso Biggero lo descrisse in un articolo di giornale mentre curava alcuni pazienti. Le foto furono riportate sui giornali del periodo e sono ancora conservate nei locali dell’Istituto dove ne spicca una che ritrae don Marzio e il dottor Freschini insieme ai 6 figli della famiglia reale d’Etiopia quando il Negus venne spodestato e i ragazzi furono ospitati a Monterubiaglio.

Nella quotidianità dell’Istituto si può tranquillamente dire che don Marzio, la direttrice Antonietta Caporalini, la collaboratrice Assunta Fini e il dottor Freschini formassero una vera famiglia. A pranzo e a cena si ritrovavano insieme e non si iniziava se mancava qualcuno. Quelle volte in cui il dottore ritardava, per impegni in ambulatorio, don Marzio prendeva tempo impegnandosi in altre attività, per aspettarlo e mangiare insieme.

E’ stato anche per questo che il dottor Freschini è sempre rimasto in contatto con loro anche quando, al termine del servizio, è ritornato nella propria città, Marsciano. Alla moglie Patrizia e ai tre figli giungano le condoglianze dell’Istituto San Domenico Savio, nella certezza che don Marzio lo accoglierà in cielo ringraziandolo ancora per tutto quello che ha fatto per l’Istituto, per gli ospiti e per gli abitanti di Monterubiaglio.