cronaca

Covid-19, a Marsciano 45 positivi e 2 ricoverati. Appello alla responsabilità

venerdì 23 ottobre 2020
Covid-19, a Marsciano 45 positivi e 2 ricoverati. Appello alla responsabilità

Sono 45 le persone positive al Covid-19 sul territorio comunale di Marsciano e 2 sono ricoverate. Il sindaco, Francesca Mele, ricorda l’estrema importanza che chi è risultato positivo al tampone resti in isolamento, anche in mancanza di una ordinanza contumaciale del Comune, che può intervenire con alcuni giorni di ritardo a causa della grande mole di lavoro che la Usl si trova ad affrontare, per l’aumentato numero di contagi, e che rallenta le comunicazioni ufficiali tra il Servizio sanitario e l’Ente. Altro aspetto sottolineato dal primo cittadino è il nuovo protocollo delle Usl umbre per lo svolgimento dei tamponi, che saranno fatti solo alle persone entrate in contatto con un soggetto positivo e che presentino sintomi.

In relazione, infine, alla situazione di alcune positività riscontrate a San Valentino della Collina, il Centro operativo comunale ha verificato nel pomeriggio di mercoledì 21 ottobre, l'infondatezza della notizia di un ricovero di una persona di 41 anni. Tale persona, titolare di un’attività, si trova invece in isolamento fiduciario da tre giorni e in attesa di tampone.

Lo stesso titolare ha inoltre provveduto a far fare, in via precauzionale, tamponi a tutto il personale pur non presentando, nessuno di essi, sintomi di sorta. 18 test molecolari dai quali è poi successivamente emersa (con referti in data 22/10/2020 e 23/10/2020) la positività di due dipendenti del supermercato presente nella frazione. Pertanto l’azienda in questione ha attivato, come per legge, i protocolli di sicurezza Covid-19 in ambiente lavorativo effettuando la chiusura temporanea e la sanificazione certificata dei locali nonché posto in isolamento fiduciario i contatti stretti dei positivi rispettando le vigenti normative.

"Come emerge da questa vicenda - afferma Mele - è molto importante evitare il diffondersi di informazioni allarmanti spesso infondate o del tutto false. È il momento della massima prudenza e responsabilità che sta in capo a ciascun cittadino. Solo con il rispetto scrupoloso delle regole sarà possibile scongiurare un nuovo lockdown generalizzato".