sport

Orvietana, Chiumarulo acciuffa il Ducato al 94°

domenica 1 dicembre 2019
di Roberto Pace
Orvietana, Chiumarulo acciuffa il Ducato al 94°

E’ tempo di battaglie e, dopo quella sostenuta sul campo della Trasimeno è arrivata la seconda, con la Ducato. Partite terminate, entrambe, in parità, nelle quali il pubblico non si è annoiato, dove l’arbitro è ripartito con tante annotazioni di ammoniti, laddove l’Orvietana ha saputo gestire le situazioni da vera squadra. Con gli spoletini non era facile, perché lamentava assenze importanti a falcidiare l’asse centrale. Non c’erano De Vitis, Dida e Danieli, di fronte ad una formazione con individualità di spicco, rigenerata dalla cura Brevi.

La classifica non deve trarre in inganno, la Ducato merita più della posizione attuale, a giustificare la rabbia dei supporter, privati dell’impresa all’ultimo giro d’orologio. Sono trascorsi 94’ + 10” quando la palla, calciata da Chiumarulo, passando attraverso una serie di gambe, filtra alle spalle dell’ottimo Carsetti, facendo esplodere l’urlo liberatorio del Muzi. E’ il gol tanto atteso, che pareggia quello realizzato da Kola, al minuto 36, dando un senso più giusto alla partita.

Nella quale l’Orvietana ha dato il massimo, gli ospiti hanno fatto altrettanto, con l’unico appunto, a tutte e due, dovuto alla scarsa precisione in fase conclusiva. Da rimarcare l’ottima prova di Simoncini e Lanzi, due diciassettenni di buona prospettiva, quella di Annibaldi che non è più una notizia, i chilometri percorsi da Locchi e Mortaroli, quest’ultimo a rischio taglio, non sempre con il dovuto costrutto.

Senza dimenticare le lamentele, causa il mancato intervento dell’arbitro in un paio di situazioni, piuttosto dubbie, accadute nell’area spoletina. La prima, a reti inviolate, per un atterramento subito da Chiumarulo, l’altra, nel finale caldo, quando Keita è finito a terra al momento del tiro, “aiutato” da un avversario. Beccaceci si è opposto, sicuro, in due delle occasioni favorite dallo sbilanciamento offensivo della squadra, Carsetti aveva fatto altrettanto sui calci piazzati di Locchi e Mortaroli, dimostrando coraggio e sicurezza nelle uscite sulle palle alte.

Il gol di Kola era nato da una gestione ottima del contropiede, con il centravanti pronto a piazzare la palla, di testa, su traversone di Cardarelli. Più caotica la situazione del pareggio, merito dell’assalto, ad arma bianca, negli ultimi secondi della partita, favorito dal filtro di Beccaceci, pure lui in area a quel momento.

ORVIETANA – DUCATO 1 – 1

ORVIETANA: Beccaceci, Paletta, Simoncini (88’ Cruciani), Annibaldi, Marchi, Lanzi, Locchi (83’ Marsili), Cotigni, Chiumarulo, Mortaroli, Perquoti (68’ Keita). All. Fiorucci.

DUCATO: Carsetti, Skana (41’ Sabatini), Pazzogna, Quaglietti (68’ Donnola), Romani, Callegari, Emili (60’ Ammenti), Piantoni, Kola (68’ Tomassoni), Cavitolo, Cardarelli (91’ Moretti) Arbitro: Pannacci di Perugia (Stocchi – Castellani) Marcatori: 36’ Kola, 94’ Chiumarulo

Foto: Orvietana Calcio

Commenta su Facebook