sport

Castellana niente CIVM. Parla il presidente Luciano Carboni

giovedì 8 novembre 2018
di Roberto Pace
Castellana niente CIVM. Parla il presidente Luciano Carboni

La Castellana? Amata, frequentata e apprezzata da chi vive le corse in prima persona, non gode i favori delle stanze, dove si dovrebbe guardare il curriculum per poi decidere sulla promozione o meno di una gara in salita. Anche nel 2019, come nel 2018, 2017 ecc. ecc., la gara orvietana non farà parte delle dodici salite fregiate CIVM (Campionato Italiano Velocità Montagna). La decisione, ufficiale, è stata presa mercoledì 8 novembre, a Roma, nella sede di ACI Sport. Nessuna rotazione, per la quale, l’anno scorso, si erano espressi personaggi importanti, solo ed esclusivamente un subentro, perché la gara di Fasano del prossimo anno, non si svolgerà per problemi legati alle condizioni della strada, cui necessita un rifacimento.

La salita pugliese sarà sostituita dalla Rieti – Terminillo, rimanendo confermate le altre undici cronoscalate. Quindi, Orvieto, prima riserva nel 2018 (confermato per il 2019), organizzazione perfetta e ben 178 iscritti il 21 di ottobre, è destinata a dare strada alla salita reatina, ferma nel 2017 e meno di 100 partecipanti a quella di Luglio 2018. Il motivo? Chi lo sa. Si può solo presumere che, mancando nella Regione Lazio una cronoscalata valida per il Campionato, si sia inteso ovviare a tale assenza. In Umbria c’è già Gubbio, ma sono più di una le regioni, tipo le Marche, ad avere già due gare a calendario, come esistono altre zone, a quota zero. Si ha la sensazione che, nel mondo delle corse, o perlomeno in quello delle salite, la meritocrazia non conti e sia ancora la discrezionalità di chi decide, a far la parte del leone.

Viene anche da chiedersi se, le relazioni di delegati, ufficiali, ispettori, mandati in giro per l’Italia per visionare sull’organizzazione e la gestione di una gara in salita, contino davvero qualcosa, viste le montagne di documenti che riempiono, o debba essere solo guardato quale fumo negli occhi. Perché a Orvieto ne sono arrivati veramente tanti, come sono stati altrettanti, i complimenti agli organizzatori a conclusione del lavoro. Gli Automobil Club provinciali, parte integrante per l’organizzazione, spingono le loro gare, perché danno lustro anche all’Ente. Si potrebbe desumere che l’input dell' A.C. Terni, non sia stato forte altrettanto, capitolando di fronte ad avversari più robusti, ma è soltanto una supposizione.

Il Presidente della Castellana, Luciano Carboni, oramai temprato anche a decisioni abbastanza assurde e, viene da dire frustranti per coloro che mettono l’anima nell’evento, manifesta, in modo corretto il suo profondo disappunto: “Confortati dagli innumerevoli attestati di stima e dalle parole spese negli ambienti che contano, c’aspettavamo decisioni diverse. Prendiamo atto che la promozione a prima riserva, nel campionato 2018, è stata soltanto un contentino per tacitare le nostre richieste, sempre documentate dai fatti. Togliendo Fasano, che tornerà di sicuro una volta sistemata la strada, logica voleva che la salita della Castellana diventasse, di diritto, la prima scelta.

Così non è stato e ne trarremo le debite conseguenze. Siamo un gruppo abituato a lavorare, che ha portato la nostra cronoscalata a un ottimo livello. E questo non lo dico io, essendo chiaramente di parte, ma fanno testo le relazioni degli organi ufficiali, scritte e verbali, il gradimento dei piloti e di tutto il Motor sport delle salite. 178 iscritti, nella seconda metà di ottobre, a giochi, già fatti, sia in CIVM che in TIVM, è un successo che rivendichiamo con orgoglio e che nessun burocrate può toglierci. Dirò di più. Siamo pronti ad andare avanti anche senza l’etichetta tricolore, cercando di rendere la nostra corsa sempre più attraente. Anche i nostri sponsor abituali, come, ad esempio, Autoforniture Orvieto, sono sulla stessa linea e ciò è un incoraggiamento aggiuntivo".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno