sport

L'Orvietana gioca ma non segna. L'Ellera ne approfitta

domenica 4 novembre 2018
di Roberto Pace
L'Orvietana gioca ma non segna. L'Ellera ne approfitta

La cura Fiorucci sembra funzionare, ma i risultati non arrivano. Con l’Ellera poteva essere la volta buona. I tanti, troppi errori commessi nel portare a termine il buon lavoro di squadra, hanno invece privato i biancorossi di tre punti importantissimi per la rincorsa a posizioni di classifica più tranquille. Ma, nel calcio vince chi segna. L’Ellera fa gol, mettendo a frutto una delle poche, se non l’unica occasione confezionata nell’arco di gara, l’Orvietana celebra, invece, la giornata delle occasioni mancate.

Tante, troppe per una squadra in crisi di risultati, che, arrivati a questo punto, si vedrà costretta a accelerare un intervento sul mercato. Sette reti realizzate, quattordici quelle subìte, dopo nove giornate, ne sono la conferma. Gli appunti si fermano qui, poiché, per il resto, l’Orvietana non ha demeritato, per impegno, trame di gioco e circolazione di palla. Il festival del gol mancato se l’è aggiudicato Polidori, proposto quale centravanti puro, ruolo nel quale pare trovarsi, almeno fino al momento di metterla dentro.

E quando la giocata riesce, spunta la figura di Jacopo Farinelli, portiere ospite, che firma la partita dell’ex. Scavalcato da Polidori in due situazioni, ha sempre recuperato posizione e palla prima della linea fatidica, nella terza, si è opposto con un piede sul tiro, a botta sicura, scagliato dal numero nove. L’Orvietana ha fatto la partita per tutto il primo tempo, concedendo solamente qualche ripartenza, che non può modificare il giudizio, oltre al palo centrato, di testa, da Antonini, su angolo battuto da Bura. Gli undici, mandati in campo da Fiorucci, sono gli stessi di Lama, senza Frellicca.

La cui assenza non ha mancato di farsi sentire, in particolare con l’attuale classifica, dove servono punti e due under, su quattro difensori, sono, probabilmente, troppi. Concedersi. Al momento, però, bisogna fare di necessità virtù. L’Ellera, che ha un buon collettivo, spinge molto sulle fasce. Proietti e Bura, schierati a destra, sono bravi a sovrapporsi e hanno tanta birra in corpo. Vazzana, dall’altra parte, è puntuale negli inserimenti, come al minuto 50’, nel quale si sviluppa l’azione che decide la partita.

La chiusura sul numero dieci, tentata da Dottarelli e Perquoti, è troppo morbida, Vazzana si libera, mantenendo il possesso al limite della linea di fondo, poi calibra un cross, sul quale la testa di Mariani impatta la sfera e la spedisce alle spalle di Sganappa. La formazione di Luzi sta bene anche sul piano fisico, dove l’Orvietana, pur in crescita, non ha ancora l’autonomia per i novanta minuti. Un limite, emerso dopo il 70’, con un grande Missaglia, unico riferimento certo, costretto, però, a predicare verso uditori arrivati al capolinea delle risorse fisiche e mentali.

ORVIETANA - ELLERA 0 – 1

ORVIETANA: Sganappa, Dottarelli, Mosconi (90’ Fastella), Annibaldi, Dida, Lispi, Liurni (62’ Castelletti), Bernardini (90’ Cotigni), Polidori, Missaglia, Perquoti (70’ Terracina). All. Fiorucci

ELLERA: Farinelli, Cherubini, Proietti, Antonini, Rosati, Giorgini, Fiorindi, Mariani, Tranchitella, Vazzana (90’ Lavoratori). Bura (79’ Sousa Da Silva). Allenatore. Luzi Arbitro: Agrò di Terni (Malacchi – Baroni) Marcatori: 50’ Mariani

Foto: Orvietana Calcio

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 novembre

Tanta Umbria, ancora poco Orvietano nell'Atlante dei Cammini d'Italia

Mostrare per esserci, il progetto di cartellonistica per rifondare sulla bellezza Salci

Chiusa la fase congressuale del Pd, Scopetti confermato segretario

Pendolari sul piede di guerra: "Il futuro dei treni a Orvieto e il silenzio degli amministratori"

Tari, tariffe corrette e conformi alla normativa. Creta: "Non ci sono stati errori"

L'Orvietana punta il Castel Del Piano per riscattarsi dalla sconfitta

A Magione si corre l'Individual Race Attack, tanti orvietani al via

La Filarmonica festeggia Santa Cecilia. Concerto al Teatro Concordia

Parlare di violenza sulle donne per cambiare prospettiva. In Biblioteca, tre appuntamenti

Visita Pastorale del vescovo Benedetto Tuzia. Il decreto di indizione

Alla Rocca dei Papi, conferenza sul genio di Michelangelo

"Orvieto in Philosophia". Per la città della sapienza, Festival di Filosofia in Dialogo e Decade Kantian

Confetti rossi per Alessandra Polleggioni, prima laureata in Informatica Umanistica dell'Orvietano

Scuole, Variati (Upi): "Del totale dei fondi generali solo il 14 per cento destinato alle Superiori"

Ladri in azione in pieno giorno. Paura sull’Alfina

L'Università dell'Arizona presenta il progetto del Museo Archeologico "Poggio Gramignano"

In tanti agli Stati generali della Scuola. Bartolini: "Temi vitali per il futuro dei nostri giovani"

Anas, investimenti per quasi 200 milioni di euro per servizi di progettazione definitiva e fattibilità tecnico-economica

Monte Peglia e Provincia Autonoma di Bolzano, esperienze a confronto per il riconoscimento Mab Unesco

"La Natività ad Orvieto". Decima edizione per il concorso dei presepi, come partecipare

Al Museo di Palazzo Davanzati a Firenze, si presenta il volume di Lucio Riccetti

Giornata di studio su gestione pazienti con Bpco, integrazione Ospedale-Territorio

Al Museo Emilio Greco si presenta il volume "Cristo e il potere. Teologia, antropologia e politica"

Liberati (M5S): "Alta velocità? Poco chiare le risorse, Umbria tagliata fuori dalle opportunità"

Sostanze tossiche, rischio sismico. Consegnata la diffida ai sindaci

"100 Mete d'Italia", riconoscimenti a Monteleone d'Orvieto e Civita di Bagnoregio

"Il Tabarro" di Puccini risuona al Museo della Navigazione nelle Acque Interne

La Quercia

"Non fate come me". A Caffeina Incontri, l'esordio letterario di Massimiliano Bruno