sport

"World Francigena Ultramarathon". Le strade della Toscana portano ad Acquapendente

giovedì 11 ottobre 2018
di Davide Pompei
"World Francigena Ultramarathon". Le strade della Toscana portano ad Acquapendente

Due giorni, due regioni, dieci comuni, quattro itinerari fra trekking e nordic walking. Da Siena ad Acquapendente, percorrendo le strade bianche della Val d'Arbia e della Val d'Orcia, lungo l'antico itinerario di Sigerico. Incentivo al "turismo lento", base di partenza per lo sviluppo del progetto di valorizzazione dei cosiddetti "Cammini della Fede".

Magia della "World Francigena Ultramarathon", la prima in Italia rivolta esclusivamente ai camminatori, la seconda dopo la massiccia partecipazione dello scorso anno. Aperta a tutti sopra i 20 anni per i percorsi da 120 e 65 chilometri, sopra i 18 per quelli da 32. Accompagnati, i bambini fino a 10 anni. Prossimi all'annuncio, almeno in terra laziale, gli eventi collaterali.

Presentata mercoledì 10 ottobre a Siena, nella Sala Sala Stampa "Paolo Maccherini" di Palazzo Berlinghieri, l'edizione 2018 organizzata dall'Assessorato allo Sport al Turismo del Comune di Acquapendente e dall'Assessorato alla Politiche del Turismo del Comune di Siena tornerà nelle nuove date di sabato 27 e domenica 28 ottobre. Per le iscrizioni – quasi 800 ad oggi, già 100 in più rispetto ai numeri del 2017, 1000 il tetto massimo – c'è tempo ancora fino a lunedì 15 ottobre.

L'evento patrocinato dall’Associazione Europea delle Vie Francigene è realizzato in collaborazione con i Comuni di Siena, Monteroni d'Arbia, Buonconvento, Montalcino, San Quirico d'Orcia, Castiglione d'Orcia, Radicofani, San Casciano dei Bagni e Proceno. Tasselli di un territorio straordinariamente ricco di bellezze storiche, artistiche e paesaggistiche.

Omologata e assicurata dalla Federazione Italiana Amatori Sport Popolari, la manifestazione rientra inoltre nelle attività ludico motorie del tempo libero ed è dichiaratamente una "camminata non competitiva" su un percorso interamente in sicurezza. Per facilitare l’organizzazione, la scelta del tratto da percorrere va deciso al momento dell’iscrizione da ogni singolo partecipante.

Zaino in spalla, il primo start è alle 10 da Piazza Duomo. Una tappa di 32 chilometri che porta alla Grancia di Cuna, antica fattoria fortificata di proprietà dell'ospitale di Santa Maria della Scala e, proseguendo lungo le propaggini delle Crete Senesi, sfiora Monteroni per arrivare a Quinciano. Nei pressi, il borgo fortificato di Lucignano d'Arbia, con la pieve romanica di San Giovanni Battista.

Dopo un tratto lungo la linea ferroviaria si giunge a Ponte d'Arbia e successivamente a Buonconvento. Da qui inizia un'altra tappa di altri 32 chilometri circa. Si sale la Valle dell'Ombrone, si percorre un tratto della Cassia per Montalcino, con i vigneti del Brunello che ricoprono la collina, e si raggiunge Torrenieri, celebre per la Chiesa di Santa Maria Maddalena.

Da qui si entra nei panorami della Val d'Orcia con un tratto in salita fino a raggiungere alla Collegiata di San Quirico d'Orcia, da cui ha inizio una tappa impegnativa, di 32,7 chilometri, con salite e discese lungo brulle colline. Partenza in notturna, intorno alle 22 da Piazza del Comune alla volta di Vignoni, piccolo borgo fortificato, e Bagno Vignoni, con la monumentale vasca termale.

Un lungo tratto in saliscendi nelle valli dei fiumi Orcia e Paglia porta all'antico ospitale "Le Briccole" nel Comune di Castiglione d’Orcia con una dura salita verso il punto tappa a Radicofani, in Piazza del Comune, a 790 metri sul livello del mare. Da qui si riparte la mattina seguente intorno alle 9 verso il Lazio. I chilometri di distanza da Acquapendente sono 31,8.

I primi 8, in discesa lungo il crinale con la vista sulle valli. Intorno, colline a perdita d'occhio. E il Monte Amiata, dietro la rocca di Radicofani. Giunti a Ponte a Rigo, frazione del Comune di San Casciano dei Bagni, si percorrono gli ultimi tratti di terra toscana e poi una strada sterrata con panorami sulla Valle del Paglia, fino a Proceno.

Si scende, quindi, a Ponte Gregoriano, prima di affrontare l'ultima ripida salita verso la Porta della Ripa, ingresso della cosiddetta "Gerusalemme d'Europa" e l'arrivo in Piazza del Comune. Sarà possibile iniziare il percorso non solo da Siena, ma anche da San Quirico d’Orcia e Radicofani, con la possibilità di scegliere il percorso adatto alle capacità di ciascun partecipante.

Per ulteriori informazioni:
www.francigenaultramarathon.it 

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca