sport

Tra Matteo Solforati e la Zambelli Orvieto prosegue il rapporto

venerdì 19 maggio 2017
di Alberto Aglietti
Tra Matteo Solforati e la Zambelli Orvieto prosegue il rapporto

Dopo la fantastica cavalcata trionfale la Zambelli Orvieto è già proiettata alla stagione che verrà, quella dello storico esordio in serie A2 femminile, un’avventura nella quale non vuole farsi trovare impreparata. Mentre lo staff dirigenziale studia i documenti da presentare per l’iscrizione al campionato, il presidente Flavio Zambelli ha chiuso la stagione vecchia ed ha già aperto la nuova, dando il via ufficialmente alle operazioni di mercato.

La prima, quella che tutti ormai davano per scontata, è la conferma dell’allenatore Matteo Solforati che dice: «Penso che la prosecuzione di questo rapporto sia la naturale conseguenza della programmazione fatta un anno fa. Quando sono stato chiamato l’estate scorsa l’obiettivo era ambizioso, i play-off come traguardo minimo e la promozione come grande sogno; essere riusciti ad ottenere un risultato così importante in un girone così competitivo è una soddisfazione maggiore ed un orgoglio anche per la società sportiva. Pertanto era logico continuare in questo percorso, d’altra parte la mia scelta era stata fatta in questa ottica, avevo lasciato una squadra in A2 per un progetto che non fosse di un anno solamente, ma a lunga scadenza. L’idea era di centrale la promozione nel giro di due anni ed averla conseguita subito è solo una soddisfazione maggiore. Da parte mia la volontà era chiara sin da allora, c’erano tutti i presupposti per poter proseguire insieme, io per lo meno avevo pochi dubbi, spettava alla società dare un giudizio sul lavoro svolto ed operare la scelta finale».

Per il secondo anno consecutivo il trentacinquenne di origine marchigiana sarà alla guida delle tigri gialloverdi, un piccolo record per il club della Rupe che sul profilo del tecnico si era dimostrato sempre molto selettivo. «Orvieto ha rispecchiato le mie aspettative, nella scorsa estate avevo preso una decisione sofferta perché avevo visto le potenzialità ed un progetto interessante, una società sportiva molto seria ed un presidente con tanta passione. Non devo tessere le lodi del club ma avere la solidità economica ed avere voglia di crescere è stimolante e rassicurante per chi lavora in palestra, c’è la voglia di migliorarsi e lo stimolo per affrontare questa nuova avventura. L’intento è quelli di crescere tecnicamente, la serie A richiede un impegno senza dubbio maggiore».

Per un professionista come lui che ha trascorso molti anni nella massima categoria la nuova stagione non sarà proprio una sorpresa, la pianificazione del lavoro è già chiara nella sua testa.
«C’è bisogno di crescere sotto alcuni aspetti, essere matricola comporta non conoscere il campionato e dover crescere in fretta come struttura (vedi anche palazzetto), la dirigenza però sta facendo tutti i passi per farsi trovare pronta. Il vantaggio è l’entusiasmo e la voglia di ben figurare, probabilmente avremo anche meno pressioni da risultato, sicuramente a nessuno piace perdere ma il prossimo anno non dovremo per forza occupare le prime posizioni, cercheremo di assestarci, gli obiettivi li individueremo meglio tra qualche settimana, anche in virtù dei gironi che saranno formati. Non sappiamo come sarà la formula del campionato e nemmeno come sarà il nostro organico, di certo scenderemo in campo per dare del filo da torcere a quante più avversarie possibili. Per noi aumenterà il numero degli allenamenti, e probabilmente lo staff tecnico dovrà essere incrementato per avere in palestra una mano in più. La cosa che sarà più importante è lavorare sui dettagli, sulla preparazione delle partite e sul miglioramento».

Dopo due rinunce per Solforati arriva finalmente il momento di essere protagonista alla guida di una squadra nel palcoscenico di A2, una sorta di avvenimento per il tecnico di origine pesarese che l’ha guadagnata tre volte sul campo. «La prima volta fu una scelta obbligata dato che la società rifiutò la categoria, la seconda è stata una scelta mia. Stavolta avevamo in testa sia io che il presidente questo intento. Non faccio un problema di categoria, non è mai stato un assillo per me ma di certo sono contento di poterla disputare e la voglia di misurarmi in una categoria superiore è ben presente. Che sono capace di allenare la B1 l’ho dimostrato, adesso è arrivato il momento di salire un gradino e ad Orvieto ci sono gli ingredienti per farlo bene».

Commenta su orvietonews

Inserisci un commento

Per dare più forza alle tue idee usa la tua vera identità. Puoi anche usare uno pseudonimo.

È obbligatorio inserire la tua e-mail.

È obbligatorio specificare un valore.Formato non valido.

Spunta questa opzione, per rimanere aggiornato: riceverai una e-mail che ti avvisa ogni volta che verrà aggiunto un commento a questa notizia.

Numero massimo di caratteri: 1500

Note:
E' nostra intenzione dare ampio spazio a un libero confronto purché rispettoso della persona e delle opinioni. La redazione si riserva pertanto di non pubblicare commenti volgari, offensivi o lesivi. Inviando un commento accetti le nostre regole di pubblicazione. Prima di inviare leggi l'informativa sulla Privacy. .

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 ottobre

Il Boni pronto a volare. Aperta la campagna abbonamenti, via alla nuova stagione teatrale

Sogni incrociati

Bollette pazze, Olimpieri (IeT) chiede conto con un'interpellanza dell'accaduto

L'Istituto Agrario di Fabro vola in Sicilia per conoscere la cooperativa "Lavoro e non solo"

Le impressioni di capitan Serena Ubertini dopo l'esordio vincente della Zambelli Orvieto

Uffici postali. Gori: "Bene tavoli confronto regionale, impegno comune evitare riduzioni servizio"

Ceramica, Paola Biancalana e Andrea Miscetti sul podio del concorso "Il segno del tempo"

Forza Italia: "Acquapendente invasa dai topi, c'è troppa immondizia in giro"

In marcia con la Polisportiva verso la chiesa della Madonna di Loreto

Le tre slide mancanti di Palazzo Chigi

"Senza Monete" compie tre anni. Festa all'Emporio del Riuso e dello Scambio

Per "Lezioni di Storia" al Teatro Mancinelli arriva Alberto Mario Banti

Mano tesa tra la Scuola di Musica "Casasole" e la Filarmonica "Mancinelli"

Sicurezza all'ex caserma Piave con "Crash Scene. Indicazioni Salva Vita"

Dopo otto anni torna il "Bollettino sulla situazione economica e sociale dell'Area Orvietana"

Case popolari, c'è il bando. Per la presentazione delle domande c'è tempo fino al 29 novembre

FotograMia

Giubileo, in corso le iniziative per le Settimane della Misericordia

Torna l'Operazione Mato Grosso. Giovani al lavoro a sostegno dell'America Latina

"Aspettando Halloween". Festa alla sala parrocchiale della Segheria

"Non c'è sicurezza senza prevenzione". Sul tavolo, le criticità del territorio umbro

Ritrovato l'uomo smarrito nei boschi. Terzo caso in quindici giorni

Orvietana, faccia a faccia con i due fratelli Fillippo e Giuliano Avola

Al frantoio Cecci di Monterubiaglio torna "Pane e Olio". Le degustazioni si fanno solidali

Ilaria Alpi si è suicidata?

"Arte sui muri. Street art e urban art". Giornata di studi all'Università della Tuscia

Meteo

giovedì 19 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

--

21:00 11.2ºC 78% buona direzione vento
venerdì 20 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 18.0ºC 54% buona direzione vento
15:00 21.6ºC 38% buona direzione vento
21:00 11.7ºC 75% buona direzione vento
sabato 21 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 55% buona direzione vento
15:00 21.9ºC 43% buona direzione vento
21:00 13.1ºC 90% buona direzione vento
domenica 22 ottobre
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 17.7ºC 83% buona direzione vento
15:00 19.4ºC 69% buona direzione vento
21:00 10.6ºC 85% buona direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni