sport

La felicità di Giulia Serafini dopo l'esordio stagionale con la Zambelli Orvieto

mercoledì 7 dicembre 2016
di Alberto Aglietti
La felicità di Giulia Serafini dopo l'esordio stagionale con la Zambelli Orvieto

Il mese di dicembre è cominciato bene per la Zambelli Orvieto che ha conquistato subito una vittoria esterna, un’affermazione che ha fatto scalare posizioni importanti nella classifica di serie B1 femminile. Con il quarto successo consecutivo, il settimo su otto giornate, le tigri gialloverdi sono balzate adesso al secondo posto, riducendo le distanze dalla vetta che ora è appena un punto più sopra. Le condizioni fisiche della squadra sono buone e l’intesa tra le nuove giocatrici dell’organico sta crescendo, i motivi sono insomma più che sufficienti per essere di buon umore sotto la Rupe.

Nella scorsa domenica le orvietane hanno lottato strenuamente per rimontare ed imporsi, a dare il proprio contributo è stata anche Giulia Serafini che si mostra felice: «Sinceramente non me lo aspettavo di entrare in campo, ringrazio l’allenatore Solforati per la fiducia riposta in me, soprattutto perché sono stata chiamata in causa in un momento particolare del match. Voglio farmi trovare pronta nel momento in cui vengo chiamata in causa, così come è successo a Cesena contro la quale siamo partite un po' contratte, forse sapendo di non poter sbagliare, ma poi ci siamo sciolte ed abbiamo espresso in nostro gioco nel miglior modo possibile venendo premiate con tre punti».

La giocatrice di origine viterbese, che compirà diciotto anni nel prossimo mese di gennaio, parla serenamente della sua situazione personale dato che proviene da guai alla spalla che durante l’estate l’hanno costretta a cicli impegnativi di riabilitazione. «Quello di domenica è stato il mio primo ingresso ufficiale in questa stagione dopo l’intervento chirurgico effettuato nel mese di giugno. Il mio recupero è ormai giunto al termine, sono a completa disposizione della squadra, proprio lunedì ho effettuato gli ultimi controlli a Villa Stuart dove sono seguita dal chirurgo che mi ha scritto operato Enrico Ceccarelli e che approfitto per ringraziare insieme a tutta l'equipe dei fisioterapisti, sono perciò molto felice e pronta a dare tutta me stessa».

Mancano due giornate per arrivare alla pausa delle festività di fine anno e la compagine rupestre alza l’asticella per affrontare due scontri al vertice che possono dire molto sul prosieguo del campionato, poterne trarre vantaggio sarebbe una gran cosa. «Ora ci aspettano due partite di notevole importanza: San Lazzaro che è dietro di noi di una lunghezza e Teodora Ravenna che è davanti di una lunghezza, ma siamo consapevoli delle nostre capacità. La squadra sta attraversando un momento positivo, siamo cariche moralmente e lavoriamo tutta la settimana mantenendo alta la concentrazione ed il ritmo come ci chiede il nostro tecnico. Non si può mai abbassare la guardia, ne sono appunto di esempio le sconfitte rimediate dalle nostre prossime avversarie nell'ultima giornata di campionato». Nei prossimi due fine settimana consecutivi le attenzioni saranno puntate sul Pala-Papini, in programma ci sono due big-match che garantiranno spettacolo di altissimo livello e coinvolgeranno tanti amanti delle schiacciate.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità