sport

Poker biancorosso in trasferta, l'Orvietana sorride e prende fiducia

domenica 23 ottobre 2016
di Roberto Pace
Poker biancorosso in trasferta, l'Orvietana sorride e prende fiducia

Ci pensa il giovane arbitro Mohamed Boubaker B. a mettere un po’ di sale in più nella sfida tra AMC 98 e Orvietana. Il direttore di gara sceglie la lunetta degli undici metri, forzando, probabilmente, almeno in due casi, i limiti del regolamento. Assegna quattro calci di rigore, due per parte e tutti realizzati, che alla fine, però, non intaccano la differenza dei valori, con i biancorossi giunti alla quarta affermazione consecutiva.

Partita che si sviluppa in modo un po’ particolare, con l’Orvietana pronta a verificare la consistenza degli avversari e allo stesso modo prodiga d’ingenuità. Perquoti, dopo 9’, spinge Terzino ad un passo dalla linea di fondo, procurando il primo penalty e il conseguente svantaggio. In campo sono i soliti undici, cui Fatone si è affidato nell’ultimo, positivo periodo. Nella circostanza stanno un po’ troppo bassi e non riescono a imprimere alla partita il ritmo che servirebbe. Viene pronta, però, la soluzione di riserva, quella con palla da fermo. Filippo Avola attiva la connessione, il clic arriva dalla lunetta del calcio d’angolo col perfetto inserimento aereo del fratello Giuliano (nella foto) e il colpo di testa a rimettere in equilibrio la gara.

Sull’onda dell’entusiasmo l’Orvietana ribalta subito il risultato. Brescia lavora un bel pallone sulla sinistra poi scodella per Serafini, pronto a girare la palla in rete con potenza e precisione. La strada appare in discesa, senonché, al minuto 34, il direttore di gara ravvisa gli estremi per il secondo rigore, molto dubbio, in un corpo a corpo fra Nuccioni, Ammendola e il solito Terzino, che si dimostra bravo anche dal dischetto, rimettendo tutto in discussione. L’Orvietana funziona a corrente alternata, soffrendo, abbastanza, il lavoro portato avanti da Terzino sulla fascia sinistra. Dopo il riposo, al primo giro d’orologio, Manciucca stende Serafini dentro l’area. Altro tiro dagli undici metri ed esecuzione impeccabile di Brescia.

A seguire, la piena riabilitazione di Perquoti, autore di un paio d’interventi eccellenti, la prontezza di Squadroni su conclusione mirata di Brescia, l’atterramento subito da Polidori, che sancisce il quarto penalty. Sul dischetto va proprio il numero nove che segna e festeggia la prima doppietta con la maglia biancorossa. Poi il controllo, quasi totale, con i minuti importanti per Cochi e i recuperati Tonelli ed Olivieri.

 

IL TABELLINO

AMC 98 - ORVIETANA 2 – 4

AMC98: SQUADRONI, MANCIUCCA, GENTILI, LAMPERINI, MERENDONI (36’ s.t. EGWU), TAVOLONI D.(38’ s.t. TAVOLONI S.), XEKA (31’ s.t. PERGOLARI), CASSETTI, DORMI, TERZINO, MANNI. ALL. L. POSANZINI

ORVIETANA: PERQUOTI, AMMENDOLA, FRELLICCA, CASARELLI (32’ s.t. TONELLI), NUCCIONI, AVOLA G., COTIGNI, AVOLA F., SERAFINI (26’ s.t. COCHI), BRESCIA (38’ s.t. OLIVIERI), POLIDORI. ALL. R. FATONE

Arbitro: Boubaker Ben Mohamed di Foligno (Serani – Argenti)

Marcatori: 9’ Cassetti (r), 27’ Avola G., 28’ Serafini, 34’ Terzino (r), 46’ Brescia (r), 64’ Serafini (r)

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 gennaio