sport

Orvietana in costruzione, c'è Serafini, quasi De Francesco

mercoledì 22 giugno 2016
di Roberto Pace
Orvietana in costruzione, c'è Serafini, quasi De Francesco

Procede, spedita, la revisione dell’organico biancorosso. Il duo Fatone-Porcari pare avere chiaro il da farsi per ciò che riguarda gli incastri con i quali rendere più competitiva la squadra già protagonista nella Promozione ormai archiviata. Riccardo Fatone scrive, Matteo Porcari legge e poi esegue. Ultimo gioiello, rincorso e preso, Lorenzo Serafini. Già biancorosso nel gruppo di fuori quota quando l’Orvietana frequentava la serie D, il venticinquenne attaccante di Grotte Santo Stefano si presenta con un curriculum di tutto rispetto.

Nelle ultime due stagioni ha confezionato la bellezza di 35 segnature, venti delle quali con la maglia del Montefiascone nell’Eccellenza laziale, società nella quale ha militato nella stagione 2014/15, prima di un brevissimo passaggio al Flaminia Civita Castellana in serie D, seguito dal ritorno a Montefiascone e dal successivo trasferimento alla Vigor Acquapendente.

Dove c’era Riccardo Fatone, che ne conosce le qualità e sa come prenderlo. Le cronache lo descrivono quale prima punta che, oltre a trovare la porta con estrema naturalezza, non disdegna assolutamente di rientrare, e partecipa attivamente alla manovra corale. A Orvieto troverà, probabilmente, un concorrente di tutto rispetto. Perché, Mirko De Francesco è vicinissimo alla conferma. Porcari dice che mancano soltanto cinque unità per arrivare al cento per cento dell’ufficialità. Una notizia destinata a raccogliere un plebiscito di consensi, sulla scorta della stagione super, disputata con l’Orvietana di Nardecchia.

Altrettanta la cura con la quale Fatone e Porcari stanno mettendo insieme la cerniera difensiva. Per Leonardo Nuccioni e Giuliano Avola parlano i fatti nei loro trascorsi in maglia biancorossa. La ricerca di fisico e centimetri ha poi portato alla scelta di Filippo Avola, fratello di Giuliano, frequentatore abituale della Promozione umbra. Un complesso, quello che si va formando, nel quale l’orvietanità è sempre più marcata, com’è nei desideri del presidente Roberto Biagioli.

Purtroppo, per motivi diversi, dipendenti da studio e lavoro, Riccardo Pallottino e Roberto Vergari si vedono ancora costretti a sfogliare la classica margherita. Quanto al resto, completa disponibilità e altrettante conferme almeno per i giocatori in quota Orvietana. Adesso, l’obiettivo si focalizza verso un centrocampista di qualità. In questo caso sentimenti e portafogli devono far posto alla ragione. Servono qualità, esperienza e massima condivisione dell’obiettivo. Con calma, senza fretta, ma è vietato sbagliare.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 febbraio