sport

7° Memorial "Luca Coscioni". Orvieto nel circuito Grand Prix di Atletica Leggera

giovedì 19 maggio 2016
7° Memorial "Luca Coscioni". Orvieto nel circuito Grand Prix di Atletica Leggera

Sarà presentata lunedì 23 maggio, alle ore 11, presso la Biblioteca Comunale “L. Fumi” la settima edizione del Memorial “Luca Coscioni”, Meeting Internazionale di Atletica Leggera M/F che si terrà allo Stadio “Luigi Muzi” di Orvieto, giovedì 26 maggio. Un'edizione, quella 2016, che proietta il Memorial “Coscioni” e la società Libertas Atletica Orvieto, che da sempre ne è curatrice e organizzatrice, all'interno del prestigioso circuito Grand Prix di Atletica Leggera italiano, ovvero nella speciale classifica che la FIDAL (Federazione Italiana dell'Atletica Leggera) stila per premiare i migliori 10 meeting nazionali di atletica leggera.

L'evento orvietano si preannuncia stellare poiché, oltre a confermarsi come uno degli appuntamenti di qualità più attesi nel panorama dell'atletica leggera italiana, a Orvieto sono attesi i migliori nomi delle varie specialità di pista, lanci e salti, anche in vista del Golden Gala che si tiene a Roma subito a ridosso del “Coscioni” (2 giugno, Stadio Olimpico) e per il cui appuntamento internazionale proprio il meeting di Orvieto potrebbe costituire prova generale di livello da sfruttare. Inoltre, proprio per le ottime performance che l'impianto del “Muzi” offre sono attesi a Orvieto anche alcuni atleti alla ricerca del minimo per l'accesso alle Olimpiadi di Rio in programma in Brasile nel prossimo agosto 2016.

A presentare l'evento saranno presenti Giuseppe Germani, Sindaco di Orvieto, la famiglia Coscioni, Filomena Gallo rappresentante dell’Associazione “Luca Coscioni”, Cristina Croce vicesindaco e assessore allo Sport del comune di Orvieto, Carlo Moscatelli presidente FIDAL Umbria, Sergio Viola presidente Libertas Orvieto, Alessandro Bracciali, ideatore e coordinatore del meeting, Roberta Cotigni consigliera comunale. A margine della presentazione del Meeting sarà celebrata l'intitolazione a Luca Coscioni di una delle sale della Biblioteca Comunale “Fumi”.

Commenta su Facebook