sport

Libertas Pallavolo Orvieto super: Osimo si arrende 3-2

domenica 24 gennaio 2016
Libertas Pallavolo Orvieto super: Osimo si arrende 3-2

Chiude il girone d'andata così come lo aveva iniziato la Libertas Pallavolo Orvieto che nel proprio fortino, dopo un'autentica battaglia culminata al tie-break, riesce ad avere la meglio sull'ostica e quadrata Nef Osimo, compagine tra quelle occupanti i piani alti della classifica del raggruppamento "E". Valori che gli ospiti esprimono immediatamente andandosi ad aggiudicare il primo parziale sul 25-18.

I ragazzi di coach Lionetti, però, tornano subito in carreggiata e, grazie soprattutto ad una buonissima efficienza in attacco, arrivano a siglare l'1-1 sul 25-23. A rimettere la testa avanti, ad ogni modo, è di nuovo la formazione avversaria che dopo aver condotto praticamente l'intera frazione appone il sigillo del 25-19. Situazione analoga si verifica anche nel quarto set, ma stavolta a parti invertite perché sono gli orvietani a gestire e a conquistare attraverso muri e servizi vincenti il 25-22 che rimette tutto in parità.

Ottimi spunti per i colori gialloblu si registrano anche nel parziale decisivo (8-2 al cambio di campo) e, nonostante i marchigiani tentino fino all'ultimo di restare in scia, il risolutivo 15-13 locale pone termine alla contesa dando il via ai meritati festeggiamenti. Gara positiva, quindi, per la Libertas brava a ritornare sempre in partita dando spazio ad ogni atleta a referto e punti davvero preziosi per la graduatoria.

Per quanto riguarda il prossimo week-end il campionato prevede la classica sosta tra la fine del girone d'andata e l'inizio di quello di ritorno: si riprenderà dunque sabato 6 febbraio con A. Pasquini e compagni impegnati nel derby umbro in quel di Città di Castello (ore 21,15).


Libertas Pallavolo Orvieto - La Nef Osimo An 3-2 (18-25; 25-23; 19-25; 25-22; 15-13)

ORVIETO: Belli 25, Bucciarelli 13, Ricci 8, Salaris 6, A. Pasquini 3, L. Pasquini 3, Volpe (L), Palmucci 6, Franzini 1, Impannati. All. Marco Lionetti

OSIMO: Romani 27, Molari 14, Gulli 12, Pesaresi 11, Ortolani 7, Palmieri, Pace (L), Gagliardi 1, Ballarini, Pirani, Durazzi, Caporaletti. All. Corrado Giangiacomi

ARBITRI: Andrea Galteri e Fabrizio Giulietti

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità