sport

La Zambelli Orvieto non vuole fermarsi, Giulia Rocchi ne è convinta

mercoledì 16 dicembre 2015
di Alberto Aglietti
La Zambelli Orvieto non vuole fermarsi, Giulia Rocchi ne è convinta

L’inizio del campionato di serie B1 femminile aveva fatto capire che non sarebbe stato facile azzardare pronostici ma la Zambelli Orvieto in cuor suo ha sempre creduto di poter dire la sua.
Giunti ad un terzo della stagione il successo esterno nel derby umbro, sul campo di San Giustino che era sempre stato stregato, e che è coinciso con la quarta affermazione consecutiva, conferma che le gialloverdi possono essere tra le protagoniste. Contro le altotiberine che, forti delle loro sette vittorie consecutive, erano considerate tra le pretendenti al vertice, il sestetto rupestre ha offerto una prestazione di alto livello, una piacevole riscoperta quella di essere competitivo.

La vittoria in quattro set ha fornito senza dubbio una bella iniezione di fiducia alle tigri orvietane che ora sono balzate in quarta posizione ed hanno ridotto il ritardo dalla zona play-off che ora è di un solo punto. A testimonianza del buon momento le parole di Giulia Rocchi: «Sono contenta del momento che stiamo vivendo, la vittoria con San Giustino ci ha dato ulteriore consapevolezza dei nostri mezzi. Credo che abbiamo cambiato velocità di marcia da quando siamo riuscite a prendere un punto a San Giovanni in Marignano, squadra attuale capolista, ci siamo guardate in faccia e abbiamo capito che era il momento di fare un passo avanti».

Di certo alla crescita di rendimento della squadra ha contribuito anche la giocatrice di origine marchigiana, specialista della seconda linea che è deputata a comandare ricezione e difesa.
«A livello individuale non mi lamento di quello che ho fatto sino ad ora, come ogni atleta voglio sempre fare di più e spero di poter arrivare a togliermi delle grandi soddisfazioni con la mia squadra. Abbiamo lavorato sodo, settimana dopo settimana, ed ora eccoci qui ad un punto dalla fatidica zona play-off».

Le vittorie nel frattempo contribuiscono a rendere ancor più stimolante il lavoro settimanale, condizione ideale per preparare la partita contro Pescara, gara che chiuderà ufficialmente il 2015 e che aprirà la porta alla pausa delle festività. «Nonostante la classifica delle abruzzesi non sia particolarmente brillante, sabato ci aspetta un altro scontro difficile perché è una rivale con un ottimo organico, noi dobbiamo solamente pensare a lavorare al meglio per poter arrivare preparati al massimo. Ci auguriamo di avere un Pala-Papini pieno per augurare a tutti gli sportivi un buon Natale».

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 marzo

Gli affreschi restaurati del Pastura, i progetti nel nome di Livio Orazio Valentini

Liceo Classico, Livia Racanella finalista alle Olimpiadi di Italiano

A Palazzo Simoncelli, al suono dei Notturni di Chopin

La Zambelli Orvieto ritrova tre punti contro Olbia ed è ottava da sola

Avviso d'asta pubblica per l'alienazione di reliquati stradali di proprietà del Comune

Orvietana sottotono, dominata dal Cannara

L'Arci sarà il soggetto che aiuterà il Comune a progettare lo Sprar

Nuova vita per la Biblioteca. Riorganizzato il catalogo, aperto il sito web e programmato un calendario di eventi

Approvata la proposta di adesione a "I Borghi più belli d'Italia"

Nuova illuminazione. Lattanzi: "Valorizza il borgo antico e migliora la sicurezza"

Nel Lazio arriva il Distretto tecnologico per i beni e le attività culturali

"Il CdA di TeMa si sta faticosamente, ma consapevolmente, impegnando"

Il Lions Club promuove l'orientamento con la Scuola Carabinieri Forestali

Può l'intelligenza artificiale superare quella umana? Se ne parla all'Unitus

Rifiuti Umbria, giallo delle osservazioni degli Amici della Terra sparite in Regione

Via alla campagna "Progetto Mimosa". Nelle farmacie umbre un aiuto per le donne vittime di violenza

"Pulizie di Primavera" con il Comitato spontaneo "21 Marzo 2018 - Puliamo Viterbo"

Nebbia

Ortensia

Londra

"La donna per la musica" nella Sala Aldo Capitini

Art Bonus, in Part Bonum. Alla ricerca del Mecenate (del Tempo) perduto

Attestato di solidarietà all'appuntato Franco Scopigno per aver salvato una donna