sport

Lorenzo Frellicca, il "mastino" umile di guardia all'Orvietana: "Lavoro per migliorarmi"

giovedì 19 novembre 2015
di Roberto Pace
Lorenzo Frellicca, il "mastino" umile di guardia all'Orvietana: "Lavoro per migliorarmi"

La domenica sera, dopo la partita, attende sempre la telefonata del padre, Massimo. Perché, per Lorenzo Frellicca, da questa stagione titolare nel pacchetto difensivo dell’Orvietana di Nardecchia, il giudizio del genitore conta ed è molto gradito. Massimo Frellicca, oggi professionista affermato e titolare di un avviato studio fisiochisioterapico, è stato, per moltissimi anni un biancorosso coi fiocchi, dapprima con le scarpette e, a seguire, in panchina.

Mastica molto di calcio e Lorenzo si affida, per questo, alle sue opinioni. Col secondogenito è arrivato il posto in prima squadra, cosa non avvenuta con l’altro figlio, Federico, fermatosi al settore giovanile e poi riaffermatosi col Novoli, compagine fiorentina, con la quale ha vinto un campionato di prima categoria. Lorenzo, per grinta e ostinazione, ricorda molto il padre. In una linea, dove a dirigere le operazioni c’è il “guerriero” Gimelli, al più giovane dei Frellicca è molto pertinente l’appellativo di “mastino”.

Pseudonimo che accetta, anche se va un po’ fuori dal suo essere quotidiano, che lo vuole umile e sempre alle prese con la voglia innata di migliorarsi. Classe 1995, segue il corso di studi per tecnico di radiologia ma conta di cambiare indirizzo per un inserimento più congruo all’attività paterna. E’ l’unico titolare nato e cresciuto all’interno della rupe e ciò lo rende fiero.

Alla domanda, su quanto conti il calcio, per lui, da uno a dieci, la risposta è secca: "Nove".

Ragion per cui, studi a parte, resta pochissimo per il resto: "Mah, il calcio mi piace troppo. Poi tengo molto a questa maglia, non sono più un under, che, molto spesso, vengono schierati più per necessità che per meriti e sento di avere maggiori responsabilità".

Visto dall’esterno, il suo rendimento è in continua crescita ed è il primo a rendersene conto: "Riesco a fare ciò che mi viene chiesto con più fluidità e maggiore sicurezza. Sono, però, anche il primo a rendermi conto che la strada da fare per essere un giocatore completo è ancora tanto lunga. Devo molto al mister, il quale, in poche settimane è riuscito a farmi capire e a mettere in pratica cose importanti sul come interpretare il ruolo. Prima mi limitavo alla sola fase difensiva, adesso partecipo anche all’impostazione".

Sono lontani i tempi in cui, al ragazzo meno dotato era assegnato il ruolo di ala o di terzino: "Adesso si lavora molto sul piano fisico e si deve capire come dosare le forze. Altrimenti, lavorando sulla fascia, c’è il rischio di essere poco lucidi al momento di una chiusura o di un passaggio".

Si orienta meglio nel posizionamento e ne attribuisce i meriti a Nardecchia: "Il nostro tecnico è stato un difensore, arrivato alla serie A. I suoi consigli costituiscono un valore aggiuntivo".

Ha avuto Vallefuoco, Ciccone e adesso Gimelli, quali compagni di linea. Da ciascuno ha appreso qualcosa:”Gianfranco (Ciccone) è ancora dei nostri e ha sempre qualche buon suggerimento. Gimelli, oltre a tanta esperienza e personalità, sa leggere, come pochi, la partita e le sue chiamate si rivelano sempre indovinate. Ricordo, ad esempio, l’irruenza che avevo nell’attaccare l’avversario. Ora, anche grazie a questi maestri, ho imparato a temporeggiare, dando meno credito all’istinto”.

Ringhia sull’avversario, è difficile da superare nell’uno contro uno. Si addebita, ancora, qualche difetto: "Cerco sempre di non farmi saltare e provo a portare sempre l’attaccante verso l’esterno. Quanto alla tecnica, siamo ancora all’abc. Vorrei inoltre avere più personalità nella gestione della palla. Ci sto provando".

In partita, a volte, si sente un po’ troppo umile: "Nel senso che, a questi livelli, dobbiamo sempre dare il massimo. Poi, come dicono, sia il mister che mio padre, nel calcio come nella vita bisogna sempre provare a migliorarsi e a dare di più, altrimenti sei destinato a rimanere indietro".

A suo giudizio il gruppo ha già metabolizzato la sconfitta con l’Assisi: "Sapevamo che sarebbe stata una partitaccia, per tanti motivi. L’abbiamo archiviata e guardiamo avanti. Rivogliamo il primo posto e faremo di tutto per riconquistarlo, a partire dalla prossima partita con la Nestor Marsciano".

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune