sport

Lorenzo Frellicca, il "mastino" umile di guardia all'Orvietana: "Lavoro per migliorarmi"

giovedì 19 novembre 2015
di Roberto Pace
Lorenzo Frellicca, il "mastino" umile di guardia all'Orvietana: "Lavoro per migliorarmi"

La domenica sera, dopo la partita, attende sempre la telefonata del padre, Massimo. Perché, per Lorenzo Frellicca, da questa stagione titolare nel pacchetto difensivo dell’Orvietana di Nardecchia, il giudizio del genitore conta ed è molto gradito. Massimo Frellicca, oggi professionista affermato e titolare di un avviato studio fisiochisioterapico, è stato, per moltissimi anni un biancorosso coi fiocchi, dapprima con le scarpette e, a seguire, in panchina.

Mastica molto di calcio e Lorenzo si affida, per questo, alle sue opinioni. Col secondogenito è arrivato il posto in prima squadra, cosa non avvenuta con l’altro figlio, Federico, fermatosi al settore giovanile e poi riaffermatosi col Novoli, compagine fiorentina, con la quale ha vinto un campionato di prima categoria. Lorenzo, per grinta e ostinazione, ricorda molto il padre. In una linea, dove a dirigere le operazioni c’è il “guerriero” Gimelli, al più giovane dei Frellicca è molto pertinente l’appellativo di “mastino”.

Pseudonimo che accetta, anche se va un po’ fuori dal suo essere quotidiano, che lo vuole umile e sempre alle prese con la voglia innata di migliorarsi. Classe 1995, segue il corso di studi per tecnico di radiologia ma conta di cambiare indirizzo per un inserimento più congruo all’attività paterna. E’ l’unico titolare nato e cresciuto all’interno della rupe e ciò lo rende fiero.

Alla domanda, su quanto conti il calcio, per lui, da uno a dieci, la risposta è secca: "Nove".

Ragion per cui, studi a parte, resta pochissimo per il resto: "Mah, il calcio mi piace troppo. Poi tengo molto a questa maglia, non sono più un under, che, molto spesso, vengono schierati più per necessità che per meriti e sento di avere maggiori responsabilità".

Visto dall’esterno, il suo rendimento è in continua crescita ed è il primo a rendersene conto: "Riesco a fare ciò che mi viene chiesto con più fluidità e maggiore sicurezza. Sono, però, anche il primo a rendermi conto che la strada da fare per essere un giocatore completo è ancora tanto lunga. Devo molto al mister, il quale, in poche settimane è riuscito a farmi capire e a mettere in pratica cose importanti sul come interpretare il ruolo. Prima mi limitavo alla sola fase difensiva, adesso partecipo anche all’impostazione".

Sono lontani i tempi in cui, al ragazzo meno dotato era assegnato il ruolo di ala o di terzino: "Adesso si lavora molto sul piano fisico e si deve capire come dosare le forze. Altrimenti, lavorando sulla fascia, c’è il rischio di essere poco lucidi al momento di una chiusura o di un passaggio".

Si orienta meglio nel posizionamento e ne attribuisce i meriti a Nardecchia: "Il nostro tecnico è stato un difensore, arrivato alla serie A. I suoi consigli costituiscono un valore aggiuntivo".

Ha avuto Vallefuoco, Ciccone e adesso Gimelli, quali compagni di linea. Da ciascuno ha appreso qualcosa:”Gianfranco (Ciccone) è ancora dei nostri e ha sempre qualche buon suggerimento. Gimelli, oltre a tanta esperienza e personalità, sa leggere, come pochi, la partita e le sue chiamate si rivelano sempre indovinate. Ricordo, ad esempio, l’irruenza che avevo nell’attaccare l’avversario. Ora, anche grazie a questi maestri, ho imparato a temporeggiare, dando meno credito all’istinto”.

Ringhia sull’avversario, è difficile da superare nell’uno contro uno. Si addebita, ancora, qualche difetto: "Cerco sempre di non farmi saltare e provo a portare sempre l’attaccante verso l’esterno. Quanto alla tecnica, siamo ancora all’abc. Vorrei inoltre avere più personalità nella gestione della palla. Ci sto provando".

In partita, a volte, si sente un po’ troppo umile: "Nel senso che, a questi livelli, dobbiamo sempre dare il massimo. Poi, come dicono, sia il mister che mio padre, nel calcio come nella vita bisogna sempre provare a migliorarsi e a dare di più, altrimenti sei destinato a rimanere indietro".

A suo giudizio il gruppo ha già metabolizzato la sconfitta con l’Assisi: "Sapevamo che sarebbe stata una partitaccia, per tanti motivi. L’abbiamo archiviata e guardiamo avanti. Rivogliamo il primo posto e faremo di tutto per riconquistarlo, a partire dalla prossima partita con la Nestor Marsciano".

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 maggio

Il tramonto della Rupe, la storia di Margherita Aldobrandeschi tra le "Donne di potere"

Da Bolsena a Orvieto per la 22esima edizione della Marcia della Fede

Sosta vietata

Festa grande per i 40 anni del gruppo sportivo "Colonnetta Calcio"

"Allerona Petit Tour". Tra i sentieri e le strade del vino in mountain bike

Piloti orvietani pronti alla sfida sulle Alpi Carniche

I Comuni del Sistema Bibliotecario "Lago di Bolsena" e il ricordo della Grande Guerra

Ciao Sergio, "Sit tibi terra levis"

Eseguiti altri interventi di pulizia della rupe. "Linea dura contro chi abbandona rifiuti"

Via ai lavori lungo la Strada della Stazione. Prorogati quelli in Via Alberici e in Via Ghibellina

Buone pratiche per la prevenzione dei fenomeni infortunistici, protocollo d'intesa tra Usl e Inail

Il Centro socio-riabilitativo "Capotorti" partecipa a "Marelibera" 2018

Giacomo Gusmano nominato presidente della Sezione di Terni dell'Ancri Umbria

Angelo D'Acquisto a Taormina. Lo chef rappresenta l'Umbria a "Cibo Nostrum"

Pino Strabioli alla giornata di chiusura del progetto scuola "A spasso con Abc"

Carenza di personale sanitario. Zeno (Pci): "La situazione è grave"

Nasce "Cantiere Orvieto". Emilio Casalini presenta "Cantieri di Narrazione Identitaria"

Gino Roncaglia presenta il libro "L'età della frammentazione. Cultura del libro e scuola digitale"

Meeting di cosplayer, arrivano i protagonisti di "Assassin's Creed" e "Il Trono di Spade"

"UmbriaMiCo - Festival del Mondo in Comune". Sei città, un intreccio di eventi

"Rilanciare la stagione della prevenzione strutturale per aumentare la sicurezza"

L'Orvietana libera Fatone, non sarà lui il tecnico per il prossimo campionato

Civita di Bagnoregio protagonista alla Biennale di Architettura di Venezia

Chi vincerà le elezioni regionali in Umbria

Premio "OrvietoSport" 2015. Tutti i premiati, le menzioni speciali

"Orvieto in Fiore", anche senza sole. Al S.Maria della Stella il Palio della Palombella

Grazia Di Michele in visita a "Oltre la finestra". Allestimento prolungato fino al 2 giugno

Falsi maiali biologici, nel mirino un allevamento orvietano

Al Palazzo dei Congressi convegno su "Cento Anni di Grande Guerra in Italia"

Servizi intensificati in occasione della Pentecoste. Denuncia e foglio di via per due nomadi

L'Asd Tennis 90 organizza l'edizione 2015 del Circuito dell'Olio

Francigena Marathon da Acquapendente a Montefiascone. Oltre 700, gli iscritti online

La tre giorni didattica inserita nel progetto "Approccio multidisciplinare al sito archeologico di Carsulae" fa centro

Carta costituzionale e bandiera italiana ai 18enni per la Festa della Repubblica

Castel di Fiori profuma per l'edizione 2015 di "Archeoflora"

Seconda edizione per il mercatino delle eccellenze

Cena elettorale a San Venanzo, al centro del dibattito il degrado della SS 317

In tanti alla "Giornata della Salute". Parola d'ordine: prevenzione

Amanda Sandrelli al Mancinelli per "Oscar e la dama in rosa"

Posti ancora disponibili per il seminario teatronaturale#01

Oggi i funerali di Beatrice Orsini

Incontro al Palazzo dei Sette su "Droga, doping e adolescenza. Che fare?"

Al Palazzo del Popolo, via al convegno "I linguaggi del corpo alla luce del contributo delle Neuroscienze e della Esperienza Ipnotica"

Sottoscritti i contratti di locazione del Belvedere e di comodato gratuito per l'ex scuola di Corbara