advertising
sport

Un Lucca inarrestabile piega Azzurra Iemmeci 63 a 47

martedì 20 novembre 2007
di Monica Riccio, addetta stampa Azzurra Immeci
E’ sempre piů solo il Lucca in testa al girone C1 con 14 punti, 7 gare, 7 vittorie. La vittoria portata a casa oggi contro una Azzurra Iemmeci che non č riuscita nel colpaccio che avrebbe rallentato la corsa delle lucchesi in testa al campionato, lancia le biancorosse ( non Orvieto ma Lucca ) verso un girone di ritorno senza grosse preoccupazioni. Il team di coach Diamanti viaggia a punteggio pieno e morale alto e taglia il traguardo al giro di boa in perfette condizioni fisiche e di squadra. Il gruppo Iemmeci al contrario non ce l’ha fatta ad opporsi al gioco vincente delle lucchesi, tecnicamente su un altro livello. Verdi manda in campo il quintetto storico Bolognesi, Carocci, Lionetti, De Fraia e Ilari. La gara inizia veloce e le orvietane reggono bene gli assalti lucchesi, per buona parte della prima frazione sembra tenere bene le redini della gara ma č solo un’illusione. Bolognesi firma il 5 pari, ma il Lucca sorpassa con Furfaro e prende in mano gara e risultato. In campo non si vede un gioco che diverte, la gara appare piů una rincorsa frenetica e senza meta, una affannoso tentativo da parte di Azzurra di fare bene e scacciare le ultime note stonate, un lento e organizzato ottimo schieramento del Lucca che approfitta di ogni occasione e sbaglia poco. L’incontro č molto sentito da entrambe le formazioni in campo, da una parte la capolista che vuole ovviamente consolidare il primato, dall’altra una squadra favoritissima in partenza e in ritardo sui pronostici che la avrebbero voluta un gradino piů in su ma soprattutto capace di regalare emozioni e bel gioco come nella passata stagione. De Fraia ci mette falli ed un tecnico per proteste. La prima frazione si chiude con Azzurra in vantaggio 15 a 14, condizione che non si ripeterŕ piů nel match. La seconda frazione si avvia con un bel recupero di Lionetti ma č con Bolognesi che il tabellone si sblocca dopo 4 minuti. Entra Scoscia che subito si rende autrice di un passaggio millimetrico su Bolognesi che rosicchia punti fino ad un 18 a 22 che lascia ancora qualche speranza al team di coach Verdi. Ilari recupera una bella giocata e corre a segnare il punto 20 ma il Lucca reagisce veloce in contropiede e sale a 24. Si corre tanto in campo,ma tanta confusione e pochi schemi. Tanto movimento e poco risultato per Azzurra. Calcagnini e Soli sono come sempre determinanti nelle file del Lucca e portano il team Le Mura sulla sirena a 36. Si va al riposo lungo con un tabellone di 28 a 36. Il divario di punteggio non č drammatico ma la gara č praticamente finita, Azzurra non emerge nella grossa mischia in campo e tra errori, incomprensioni arbitrali, e il dilagare delle biancorosse, si capisce che non c’č storia in campo. Si riparte con Orvieto che manda in campo Lionetti, De Fraia, Ilari, Lisetti e Bolognesi. Diamanti sceglie invece il quintetto formato da Favilla, Soli, Furfaro, Calcagnini e Corsi. Ilari porta le orvietane a 30 grazie ad un bel allungo ma le lucchesi con la solita Soli azzeccano un paio di tiri da fuori salendo a 39 prima e 42 poi. Quando mancano 5 minuti al termine della terza frazione il risultato č fisso su 35 a 45. Il divario č incolmabile, il Lucca č inarrestabile e Azzurra si piega sotto i colpi dell’armata Diamanti. Si chiude 37 a 49. Soli dalla lunetta mette dentro i punti 50 e 51, si riparte con le orvietane che portano palla con Montanucci che la perde e offre al Lucca la possibilitŕ di ripartire in contropiede. Le azioni sono veloci, rapide ma per niente incisive. Il Lucca non fatica piů di tanto a domare le orvietane che non danno mai la sensazione di essere in partita. In campo ormai si gioca il tutto per tutto nell’ultima frazione, negli ultimi 5 minuti si corre su ogni pallone e si sente la tensione su ogni giocata. In casa Orvieto si spreca e il Lucca non si lascia sfuggire la ghiotta occasione di strappare due punti preziosissimi. Il finale di gara č tutto biancorosso e si chiude 47 a 63. In campo si č visto tanto impegno, un gioco che perň č apparso sconclusionato offuscato da una ansia terribile che ha finito per travolgere le orvietane e il risultato. L’approccio Iemmeci č stato generoso ma del tutto sbagliato. Il Lucca, pur essendo comunque sempre sotto pressione, č sembrato piů lucido, dimostrandosi in grado di gestire le situazioni di gioco. Una gara sconclusionata, senza storia, senza un filo conduttore che ha visto il Lucca prevalere su una Iemmeci che ancora una volta non ha divertito il numeroso pubblico accorso a sostenerle dagli spalti del PalaPorano. Nel girone da registrare lo scivolone del Sulmona a Montecatini che č passato sulle abruzzesi con un rotondo risultato di 73 a 38 e la vittoria delle isolane del S.Orsola sul Pisa per per 79 a 54. Il Ghezzano acquisisce invece la vittoria a tavolino sul Madonna Alta. La classifica vede in testa saldamente il Lucca con 14 punti, seguito da Orvieto con 10 punti, Montecatini e Sulmona con 8. Prossima gara in programma al PalaPorano sabato 24 novembre alle ore 18,00. Arriva il Manhattan Sulmona per la 1a gara di ritorno. All’andata era finita 56 a 53 per Azzurra dopo il tempo supplementare. AZZURRA IEMMECI ORVIETO – BASKET LE MURA LUCCA 47-63 (15-14) (13-22) (9-13) (10-14) ORVIETO: Cochi n.e., Scoscia 0, Carocci 4, Lionetti 8, Bolognesi 10, De Fraia 3, Ilari 16, Lisetti 4, Montanucci 4, Maietto n.e..All. Verdi-Corsi LUCCA: Calcagnini 14, Soli 15, Giambastiani 1, Sciandra 2, Corsi 7, Bertolucci 3, Favilla 11, mei 2, Furfaro 6. All. Diamanti Arbitri: D’Arielli F. (Chieti) – Di Francesco S. (TE) nella foto De Fraia (A) e Calcagnini (L)

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità