sport

Premiati al Muzi gli elaborati dei bambini che hanno partecipato al concorso ‘Lo sportivo che è in me’

mercoledì 23 maggio 2007
di davidep
Temperature quasi estive e una moltitudine di cappellini colorati hanno popolato fin dalla prima mattinata lo Stadio Comunale Luigi Muzi di Orvieto, in occasione della consegna dei premi ai vincitori del concorso “Lo sportivo che è in me”, organizzato dall’azienda di ristorazione orvietana Food Village in collaborazione con l’Assessorato allo Sport della città. Festosa e strepitante la presenza delle scolaresche delle due direzioni didattiche di Orvieto, coinvolte nelle dimostrazioni pratiche delle attività ludiche e motorie, a conclusione di un intenso anno scolastico. In mezzo a tanti piccoli atleti, tra addetti ai lavori soddisfatti e genitori compiaciuti, non sono mancati gli apprezzamenti dei dirigenti scolastici Adriana Tomassini e Antonio Galati e i saluti delle autorità locali verso un concorso che – ha affermato il neo assessore alla promozione della pratica sportiva, Carlo Tonelli – “è perfettamente in linea con quel sano spirito sportivo e aggregante, che si desidera coltivare nell’ambito delle competenze assegnate all’organismo rappresentato”. A questo proposito, l’assessore Tonelli ha fatto propria l’intenzione del Food Village di istituire una mostra degli oltre 400 elaborati. Elaborati realizzati con entusiasmo ed impegno dai bambini, sotto l’attenta guida delle insegnanti, che hanno fatto proprio il concetto interpretativo sotteso al concorso, quello cioè che lo sport praticato nel rispetto delle regole aiuta a crescere sani nel corpo e nella mente. Dal canto suo, Valerio Palmieri, in rappresentanza dell’azienda ha dichiarato che le modalità con le quali sono state sviluppate le idee costituiscono di per sé i presupposti per pensare ad una seconda edizione di quest’iniziativa che costituisce un piccolo, ma importante contributo nella direzione del recupero di una visione più pulita del concetto di sport, inteso prima di tutto come gioco e momento d’incontro. A meritarsi i riconoscimenti, su parere unanime della giuria composta da due docenti, un dirigente dell’assessorato ed un rappresentante del Food Village, sono state le seconde classi della Scuola Primaria di Piazza Marconi per il simpatico cartellone “Il cuore dello sport” e la classe 3 A della Scuola Primaria di Orvieto Scalo per la vivace raccolta di poesie dal titolo “Lo sport…che poesia!”, che si sono aggiudicati entrambi una stampante laser a colori. Due biglietti per assistere gratuitamente ad un evento sportivo nazionale dello sport preferito sono andati a Noemi Virgilio della classe 3 B della Scuola Primaria di Piazza Marconi, che con il suo delicato racconto “Il mio rapporto con la danza”, profonda metafora del vero spirito sportivo, si è aggiudicata il premio per l’opera individuale e il premio finale, consistente in un pc portatile del valore di mille euro, destinato alla scuola di appartenenza. Riconoscimento attribuito quindi alla direzione didattica di Piazza Marconi. Per tutti, però, non è mancato un applauso.

Commenta su Facebook