sport

L' Azzurra Iemmeci vince sull'Athena Roma e resta in vetta

domenica 10 dicembre 2006

Battuta l’Athena Roma in un match all’ultimo respiro

AZZURRA IEMMECI ORVIETO – ATHENA BASKET ROMA 59-53 (14.12)(14-9) (15-17) (16-15) IEMMECI: Cochi ne, Volpi C. 3, Scoscia 6, Carocci 10, Volpi S. ne, Lionetti 9, Bolognesi 17, De Fraia 10, Ilari 4, Maietto ne. All. Massimo Verdi ATHENA: Borsetti ne, Munari 0, Casadio 11, Busso 7, Ciampanelli 10, Tancredi 6, Berton 0, Di Lernia 4, Lauri 0, Onorato 14. All. Mauro Casadio Arbitri: Perrone e Napolitano di Napoli Sabato, pomeriggio di grande basket al PalaPorano, una contro l’altra Azzurra Iemmeci Orvieto e Athena Basket Roma per un match che potrebbe valere una stagione. La prima è sola in testa al girone C Serie B d’Eccellenza Basket Femminile, la seconda la tallona dalla seconda posizione. Pubblico numeroso e bella coreografia della tifoseria Iemmeci che, per l’occasione, ha tappezzato gli spalti di palloncini bianchi e azzurri. La partenza è tutta Athena che si porta subito in vantaggio ma viene ripresa nei primi minuti da una Azzurra che appare in forma, pronta e concentrata. Le romane sono una squadra forte, veloce, dal gioco snello che però trovano nella difesa Iemmeci un ostacolo al canestro. Molte occasioni sprecate da ambo le parti che non concretizzano perfettamente le penetrazioni veloci di Athena e decise di Iemmeci che trova in De Fraia la solita impeccabile regia. E’ però Bolognesi che nella prima frazione segna i tre punti che portano Azzurra in vantaggio, condizione che, nonostante la combattuttissima gara con veloci e repentini cambi di azione, manterrà fino alla fine dello scontro. Una bella penetrazione di forza di De Fraia trova in Lionetti un ponte vincente. Sul finire della frazione di gioco un’altra grande azione vede protagoniste in passaggi di grande livello tecnico De Fraia, Carocci, Bolognesi e Ilari. Il primo periodo si chiude 14-12 per Iemmeci nonostante un canestro che appare davvero stregato e un arbitraggio al limite della decenza che ha commesso sviste ed errori più del dovuto. La seconda frazione si apre con Iemmeci in grande sofferenza, Athena affonda ma sbaglia spesso in conclusione sotto canestro mentre mette a segno un paio di tiri da tre punti che le danno un ritrovato vigore. Azzurra soffre in difesa che non riesce a chiudersi sulle incursioni rapide della Casadio, in grande partita oggi, e della Onorato. Mister Verdi dalla panchina Iemmeci chiede un time-out e scuote la squadra, l’iniezione del coach pare aver sortito il giusto e sperato effetto e Azzurra riparte alla grande, ritrova testa e gambe, chiude bene in difesa e macina punti in attacco con belle giocate tra Lionetti e Ilari, Carocci e Scoscia. Il terzo periodo vede una Azzurra ancora in sofferenza ma sempre in vantaggio, Athena è veloce e precisa e trova nei tiri lunghi della Casadio, un sicuro serbatoio di punti arrivando fino ad un punto da Azzurra già sul punteggio di 35 a 34. Continue contestazioni in direzione dell’arbitraggio che assegna forse troppi falli ad Azzurra e lascia correre troppo su Athena. La tifoseria Azzurra è scatenata, forse in questa partita come non mai, la gara si sente in campo e sugli spalti e anche le panchine sono nervose. La terza frazione si chiude con Azzurra in vantaggio per 43 a 38. L’ultima parte della gara è targata Iemmeci dal primo all’ultimo minuto nonostante un grande impegno delle romane che lottano agguerrite su ogni pallone e arrivano ancora ad un punto dalle orvietane. Ma le ragazze di mister Verdi non ci stanno a perdere, tirano fuori una concentrazione globale che le avvolge e le porta a costruire azioni di grande basket, palleggi al limite del possibile tra Bolognesi, De Fraia e Ilari con una grande Lionetti a rifinire sotto canestro. Gli ultimi palloni sono combattutissimi da ambo le parti, saltano quasi del tutto schemi e tattiche, conta solo segnare e vincere e lo fa con grande grinta Azzurra che, con l’ultimo centro di Lionetti che salta animata da una grinta incredibile, fissa il risultato a 59 a 53. Un gara incredibile, combattuta, vissuta fino all’anima da entrambe le compagini. Una Athena che ha brillato per velocità e schema, per nulla persa anche quando Azzurra mollava la presa. Una Azzurra strepitosa, non tanto per la gara che è stata condotta dalle ragazze orvietane in modo corretto e sportivo, ma quanto per la grinta e la tenacia con cui hanno lottato tutte su ogni palla e su ogni avversaria. Al termine della gara la sirena libera la tensione e gli spalti esplodono così come i tantissimi palloncini, le ragazze sono stremate ma la vittoria permette loro di restare in sella al girone. “Grande gara, incredibile, abbiamo lottato fino alla fine e ce l’abbiamo fatta”, ci regala al volo una Carocci sfinita ma al settimo cielo. “Le ragazze sono state incredibili, brave, brave e concentrate, ho visto la testa al posto giusto e la fatica ci ha ripagati. Certo siamo stanchi, tutti, abbiamo giocato le ultime gare al massimo della forma fisica e mentale e questo momento ora ce lo meritiamo. Brave davvero tutte, proprio tutte”, il commento di Massimo Verdi, allenatore Iemmeci, sfinito, perso in decine di abbracci e strette di mano dalla tribuna che lo saluta con tutto il calore che può. E ora ci si gode questo momento, e subito via a prepararsi per il prossimo scontro in programma domenica 16 dicembre sul parquet del Montecatini oggi sconfitto per un solo punto dal solito Sassari. Da tenere d’occhio l’Astro Cagliari che si è portato a soli due punti da Azzurra avendo battuto oggi il Madonna Alta in un altro match combattuto fino all’ultimo minuto.

Commenta su Facebook