sport

Orvietana beffata dalla capolista Pontedera nel finale.

sabato 18 novembre 2006
di davide
ORVIETANA- PONTEDERA: 0-1 Reti: 41’ st Vignola (P) ORVIETANA: Brites, Roversi, Ciccone, Nuccioni, D’Ambrosio, Acatullo ( Pesce 37’ s.t.), Giomarelli, Gramaccia, Cersosimo ( Marcatti 42’ st), Scippo, Infuso ( 13’ st Ingrosso). All. Fratini. PONTEDERA: Grosso, Deoma, Cacelli ( 21’ st.Gavarini), Caputi, Piccolini, Cinicola, Martella, Susini ( 33’ st Vignola), Nohman ( 26’ st Rossetti), Di Rita, Righi. All.Cioni. Ammoniti: Roversi, Ingrosso (O), Caputi, Susini (P) Partita beffa per l’Orvietana contro la prima della classe Pontedera; i toscani ottengono il massimo risultato con il minimo sforzo e portano a casa la vittoria che gli consente di mantenere il passo da capolista. Mister Fratini inserisce dal primo minuto il neo acquisto Cersosimo, mentre Marcatti rimane in panchina; quindi avremo davanti a Brites, Roversi, Nuccioni, Dambrosio e Ciccone, a centrocampo Giomarelli ed Acatullo esterni con cersosimo e Gramaccia in mezzo ed in attacco Scippo assistito da Infuso. Una partita di nuovo non bella, ma abbastanza ritmata e non troppo noiosa; l’Orvietana fa il suo dovere mentre il Pontedera si impegna per imporsi come prima della classe, ma tutto cio che esce nel primo tempo č un palo di DiRita al 10’ per il Pontedera ed un colpo di testa di Nuccioni. La ripresa non cambia molto, ma nasce qualche occasione in piů. Al 4’ i toscani si mordono le mani, quando Righi sottoporta d’istinto tocca un cross proveniente dalla destra e lo devia fuori dalla porta con Brites che sembrava non poter arrivare sul secondo palo. Poi l’Orvietana si sveglia, Fratini fa uscire un Infuso veramente sottotono al 12’ e l’entrata di Ingrosso muove qualcosa a centrocampo. Cosě al 20’ dopo una delle sue discese sulla destra, Giomarelli mette in mezzo dove arriva Acatullo, che tutto solo al vertice dell’area va nel panico e tarda troppo il tiro, vanificando forse la piů ghiotta delle occasioni biancorosse. Al 25’ ancora Giomarelli fa da se, riceve palla, poi si accentra arriva al tiro ma la palla va di pochissimo fuori sul secondo palo; č ancora Orvietana al 30’ quando Giomarelli mette in mezzo un cross millimetrico sulla testa di Gramaccia, che colpisce bene verso la porta, ma trova la strepitosa parata di Grosso. Al 32’ Ciccone suggerisce Giomarelli che tenta di nuovo il tiro, ma nulla di fatto. Quando sembrava ci si stesse avviando verso l’ennesimo 0-0, l’Orvietana sembrava crederci, ma č proprio in questo frangente che i biancorossi commettono l’errore che non si deve assolutamente regalare alla capolista, la quale, seppur non brillante, evidentemente si č guadagnata il comando anche con il cinismo e l’opportunismo. Vignola al 41’ viene la sciato ingenuamente solo sul secondo palo al vertice dell’area, cosě non deve far altro che raccogliere un cross dalla destra ed infilare un rasoterra micidiale alla destra di Brites, gol che condanna l’Orvietana. Solo 3 minuti piů il recupero per Marcatti, entrato per Cersosimo all’87’, minuti che non sono seviti a nulla. L’Orvietana paga di nuovo la scarsitŕ di freddezza sottoporta, non riesce a segnare pur creando gioco, il che puň significare la mancanza di un terminale che sappia dare l’ultimo tocco. Inoltre, in una gara dove le iniziative dalla fasce non sono mancate, forse un ingresso anticipato di una torre come Marcatti avrebbe potuto produrre effetti, soprattutto considerando la prestazione decisamente negativa di Infuso. Comunque non bisogna disperarsi e cercare di andare avanti pensando di giŕ alla prossima gara.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità