sport

Finalmente torna la vittoria per l'Orvietana

domenica 12 febbraio 2006
di davide
Questa volta era considerata veramente l'ultima spiaggia per l'Orvietana e questa volta, dopo tanti passi falsi, l'Orvietana non ha fallito ed ha mostrato tutta la volontà a tentare il tutto per tutto per cambiare faccia ad una stagione che, dopo la sconfitta ad Agliana, aveva veramente toccato il fondo per i biancorossi. Così la squadra di Peruzzi si conferma spina nel fianco per la Fortis Juventus, che in questa stagione è stata sempre battuta da capitan Madocci ed i suoi; il Muzi vede quindi sorridere i propri tifosi, accorsi numerosi nonostante il freddo e la situazione tuttaltro che incoraggiante, con una vittoria che mancava dal 9 ottobre 2005, quando i biancorossi batterono l'Aglianese per 1-0. Parte a spron battuto la squadra di Peruzzi, che dopo soli 28'' mette paura ai toscani con Polverino, che, liberato da Galli, ci prova da pochi metri a sinistra e costringe il portiere Flauto ad un autentico miracolo. Dopo 5' la risposta della Fortis, che chiama Spinaci a compiere anch'egli un miracolo, spingendo in corner una conclusione al volo di Gentili su cross da destra di Lupi. Dopo ciò poco altro, con molti capovolgimenti di fronte, molto gioco a centrocampo, ma pochissimi spunti offensivi; non si notano in effetti i 18 punti che separano le due squadre in classifica. Al 35' un ottimo Avola crossa da sinistra e nel mucchio spunta la mano del difensore ospite Pagliai, che devia la palla; il Sig. Guida di Torre Annunziata non ha dubbi ed assegna il rigore, che appare netto, come testimoniano anche le poche e flebili proteste degli ospiti. Dal dischetto Galli si rifà dell'errore commesso in Coppa a Giarre e trasforma al 36' il vantaggio dei suoi. Si và a riposo con una punizione di Pimponi al 45' che viene bloccata da Flauto. Nella ripresa Pimponi ci riprova sempre su punizione ed al 2' impegna più seriamente Flauto da circa 30 metri, costringendolo a deviare in corner alto. Al 6' ancora un sussulto per i tifosi del Muzi, che vedono l'Orvietana più sicura di se anche in forza del vantaggio; Polverino (nella foto) serve Galli sulla sinistra che, accorrendo dalla fascia, calcia una bomba che sfiora il palo. Al 14' si rivede la Fortis che con una punizione dal limite a girare, calciata da Galbiati, chiama Spinaci ad un altro miracolo. Di facile intuizione per Flauto, invece, è il colpo di testa di Adami al 18' servito da Sinagra. Al 21' Micheli manda di poco a lato, ma Spinaci controllava il tutto, mentre al 25' l'Orvietana rafforza meritatamente il vantaggio con un gol splendido di Polverino, che liberato di tacco in area da Adami, scarta anche il portere Flauto ed infila la palla nell'angolino mandando in deliro il Muzi. Solo un'altra occasione per la Fortis al 44 con Lupi che si inserisce pericolosamente servito da Bigalli, ma Spinaci esce in maniera ottima; per il resto l'Orvietana controlla bene una squadra che non è sembrata certo essere la seconda della classe. Una vittoria cercata sin dal primo minuto e sicuramente meritata, sul piano del gioco, sul piano della volontà e del sacrificio; si è vista una squadra umile, ma decisa a far bene. Inutile dire che era ciò che serviva alla squadra per continuare a sperare ed acquisire una maggior positività e fiducia in ciò che potrà accadere. Ora l'importante sarà non far sì che questo sia stato solo un episodio e che quindi si continui così per lottare fino in fondo. ORVIETANA - FORTIS JUVENTUS: 2-0 ORVIETANA: Spinaci, Locci, Avola, Sinagra, Nuccioni, Madocci, Gramaccia, Polverino (36' st Covarelli), Pimponi (43' st Ingrosso), Galli, Adami (29' st Martini). All. Peruzzi FORTIS: Flauto (22' st Roncoletti), Lupi, Bigalli, Pagliai, Aquino, Gambaggiani (23' st Ferri), Gentili, Nardoni, Del Bono, Galbiati, Ekye (1' st Micheli). All. Cerasa. RETI: 36' pt Galli (O) r, 25' st Polverino (O). NOTE: Ammoniti, Adami, Polverino, Sinagra, Locci per l'Orvietana e Ekye, Pagliai per la Fortis. Spettatori 450 circa. Clima freddo e soleggiato con terreno di gioco in buone condizioni.

Orvietana - Fortis Juverntus: il dopo gara

Commenta su Facebook