sport

Orvietana corsara sul campo della capolista.

lunedì 17 ottobre 2005
di Davide Breccia

Di certo la partenza di Baciocchi non sembra aver lasciato un grande vuoto tra i biancorossi, al contrario, l’Orvietana, dopo la vittoria casalinga sull’Aglianese, colleziona la seconda vittoria in questo campionato, la prima in trasferta e lo fa proprio sul campo di quella Fortis juventus che prima di questa gara comandava la classifica con 10 punti.

Sul prato dello stadio di Borgo S.Lorenzo (FI), Magrini schiera un 4-4-2 composto da Palanca tra i pali, Locci e Nuccioni esterni di difesa, Madocci e Rossi centrali, Di Fiandra e Marchignani esterni di centrocampo con Pimponi e Giorgini in mezzo e Polverino (nella foto)e Gammaidoni le due punte.

A dire il vero la partenza dell’Orvietana non è proprio di quelle migliori, i biancorossi sembrano soffrire un po’ in avvio, nonostante la Fortis non sia irresistibile, ma al 10’ del primo tempo, su azione offensiva orvietana, Polverino viene trattenuto in area e l’arbitro non ha dubbi nel concedere il calcio di rigore; penalità che proprio lo stesso Polverino va a trasformare dal dischetto.

La gara prosegue, ma, a parte un lieve accenno di reazione dei locali, non si contano occasioni particolarmente ghiotte da nessuna delle due parti e si va a riposo sullo 0-1.

Nella ripresa l’Orvietana, forse anche in virtù del vantaggio, sembra avere le idee più chiare, mentre la Fortis non riesce bene ad impostare manovre utili alla ricerca del pareggio.

Si va avanti,quindi ed intorno al 20’ Pimponi fugge via sulla fascia lasciandosi dietro un paio di avversari, mette in mezzo un ottimo pallone, che Polverino raccoglie e trasforma nel raddoppio per i suoi.

Un gol che mette virtualmente al sicuro il risultato; la Fortis Juventus, infatti, nel corso del tempo rimanente, non riuscirà a raddrizzare le sorti dell’incontro, quindi la vittoria è dell’Orvietana, che torna sulla rupe con il sorriso.

Una vittoria veramente importante, che testimonia forse un clima che va rasserenandosi dopo tutte le cose capitate in quest’avvio di stagione, gioco che stenta, vittorie che non arrivavano, poi la gara con l’Aglianese, l’addio del giocatore, che in teoria avrebbe dovuto essere la punta di diamante della squadra, ecc. . I ragazzi hanno giocato con tranquillità ed hanno dimostrato che questa Orvietana ha molto da dire, in un campionato che sicuramente non è di quelli a livello più alto.

Ora si torna al Muzi e la prossima gara sarà contro la Narnese, una classica, un derby umbro sentitissimo dai tempi dell’Eccellenza, che entrambi le squadre faranno di tutto per conquistare.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 aprile

"Gli Ordini mendicanti e predicatori nella Diocesi di Orvieto-Todi: la povertà come ricchezza"

Anche la Compagnia delle Lavandaie della Tuscia alla Sagra dell'Aparago Verde

Alla Festa della Birra Artigianale di Piazza del Popolo, anche "I Fritti della Castellana"

"Una birra per piacere, senza sballo si può". Se ne parla con Cittaslow e A.Ge.

"Occhi sulla Luna. Un omaggio al nostro satellite naturale"

Soffiava il vento

Nei weekend estivi, i giovani del Servizio Civile aprono la Torre e il Palazzo Comunale

"Diversità e integrazione" a Rocca Ripesena, in festa per "Il Paese delle Rose"

Il Palio dei Comandi ai runners della Scuola Sottufficiali dell'Esercito

Guasti alla linea telefonica, è possibile contattare il Comune da Facebook

La Zambelli Orvieto volta pagina, la semifinale comincia a San Giovanni in Marignano

Per "Parrano Feudo 900" iniziativa con le scuole dell'Alto Orvietano a "La Badia" di Ficulle

Festa della Liberazione, pomeriggio di iniziative alla Fortezza Albornoz

La Corte dei Conti accerta il ripiano finanziario e la conclusione del Piano di riequilibrio pluriennale

"Claudia Giontella, una archeologa e la sua dialettica del territorio"

Match point al PalaPorano per la Vetrya Orvieto Basket

Cinema Teatro Turreno, la Fondazione Cassa di Risparmio di Perugia dona l'immobile a Comune e Regione

Per "San Pellegrino in Fiore", sei visite guidate tra chiese, fontane e palazzi

Chiusura temporanea del casello autostradale di Orvieto per lavori di pavimentazione

Inaugurato il Polo tecnologico per l'Umbria dell'Università Internazionale Uninettuno

Caso discarica, ancora 10 giorni. Italia Nostra contesta la Soprintendenza

Il direttivo Fisar si rinnova: 5 su 7 sono nuovi consiglieri, Amilcare Frellicca nuovo delegato

Disabilità, le famiglie in presidio sotto il palazzo della Regione

Venticinque secco al Lotto

Orvieto FC, prima vittoria per le ragazze del calcio a 11. Big match contro il Ciconia

Punture di vespe, "l'Ospedale è in grado di affrontare con efficacia queste situazioni"

'Sette giorni di... vini nella provincia di Terni'. Dal 24 al 30 aprile degustazioni con prelibatezze a Orvieto, Ficulle, Amelia e Terni

Il programma della manifestazione

'Umbria, verde rinascita dell'italico vino': convegno giovedì 26 aprile

Il Team Eurobici Orvieto si fa onore alla ‘10° gran fondo dei Colli Albani’

Soddisfazione dello SDI per Ségolène Royal candidata alle presidenziali francesi. Lo segnala il consigliere provinciale Marinelli

Supera le 179 mila adesioni la raccolta firme per la Legge di iniziativa popolare per la tutela e la gestione pubblica dell’acqua. Obiettivo: 500 mila firme per dare più forza alla proposta di legge

Convegno del Centro studi Gianni Rodari venerdì 27 aprile: 'La mente scientifica - Come fare Scienze a scuola'

Ripartito il fondo regionale 2007 alle Comunità montane. Oltre 535 mila euro alla Monte Peglia e Selva di Meana

All'insegna del rinnovamento nominata la nuova segreteria dell'Unione Comunale DS Orvieto. I FORUM CIVICI altro elemento di novità

Villa San Giorgio in cantiere. Pronti tra 450 giorni la nuovissima Residenza Protetta e il Centro Riabilitativo

Voci su un'ipotetica cava di basalto in località Biagio: un'interpellanza del consigliere Imbastoni per saperne di più

Contraddittorio educare gli studenti al riciclaggio e al mangiar sano e farli mangiare con stoviglie di plastica. Perché non si installa una lavastoviglie all'Ippolito Scalza?

Bella affermazione per l'orvietano Gian Marco Fusari, vincitore del Premio Nazionale Musica d'Autore