sport

Orvietana, č questione di carattere

martedì 18 gennaio 2005
di Gabriele Anselmi

"Ora comincia un altro campionato”. Sono queste le parole con le quali il direttore sportivo dell’Orvietana, Alvaro Arcipreti, commenta la sconfitta e il futuro della squadra biancorossa. Perdere a Riccione ha significato per l’Orvietana avvicinarsi alla zona play out come non succedeva ormai da oltre un anno, ma allo stesso tempo ha riportato l’ombra di quei fantasmi che i biancorossi hanno sempre temuto. Non č la tecnica o la tattica a condizionare la squadra bensě il carattere del gruppo che č tornato a fare cilecca.

L’Orvietana ha perso la cattiveria, agonistica s’intende, di una squadra che deve lottare che non ha i potenziale per ammazzare il campionato, ma ha le qualitŕ per recitare una parte da cartellone. Si concentra tutto nel carattere della squadra questa crisi passeggera che tra domenica sera e ieri mattina ha fatto ritrovare dirigenti e staff tecnico intorno ad un tavolo per discutere sul futuro. Non si tocca la rosa, non si tocca l’allenatore ma si lavora sulle motivazioni. Questo il succo del discorso, con la voglia di ripartire giŕ da domenica conquistando i tre punti. In questo momento č ovvio che l’Orvietana č salva, perché sotto di lei ci sono quelle sei squadre che costituiscono il lotto dei paly out. Una motivazione in piů per non aumentare la soglia di panico che č giŕ alta tra i giocatori. Domenica contro il Russi comincia il nuovo campionato dell’Orvietana che in quindici partite dovrŕ riuscire ha staccarsi dalle zone pericolose della classifica e trovare un posticino tranquillo.

Tutti insieme, dirigenti, tecnici e giocatori concentrati per riuscire ad invertire la tendenza e riportare la rotta verso i binari giusti. Doveva o non doveva essere questo il campionato dell’Orvietana non si puň stare qui a discutere chi ha fatto bene o ha fatto male. L’Orvietana ha le possibilitŕ  per rimettersi in carreggiata, i risultati li ha ottenuti e come č riuscita a farlo prima puň riuscirci adesso, quello che preoccupa č la mente dei giocatori. Troppo fragili, troppo tesi a volte paurosi, i biancorossi si lasciano cadere a terra quando l’avversario alza la testa e non riescono piů a reagire. Con il Riccione č successo cosě: preso il goal sono arrivati i fantasmi della sconfitta e i giocatori si sono bloccati. Una grande partita e magari una vittoria possono essere le medicine per alleviare la paura e riportare la fiducia ai ragazzi di Borrello.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità