sport

Il Ciconia vince il reclamo sul Federico Mosconi.

sabato 22 marzo 2003
di Gabriele Anselmi
Arriva alla conclusione il reclamo fatto dal Ciconia contro il Federico Mosconi dopo l’accesissimo derby di ritorno dello scorso 4 Gennaio. La gara terminata 1 – 1 con i goal di Tassone e Ubaldini, non fu certamente una delle più tranquille, ad uscire anticipatamente dal campo furono il capitano rossoblu Stella e il suo allenatore Luigi Simonetti. La squadra di Sferracavallo in quella partita schierò il calciatore Filippo Avola ex biancoceleste nella passata stagione. La dirigenza del Ciconia in dubbio sulla posizione del giocatore, al terzo anno di trasferimento temporaneo, il 9 Gennaio ha esposto reclamo alle autorità competenti. Dopo oltre tre mesi, e i vari tentativi del presidente Tonelli (nella foto) di ritirare il reclamo, la Federazione ha stabilito che il Federico Mosconi venga punito per questo reato con la sconfitta a tavolino della partita per 2 – 0. Nelle decisione del giudice sportivo non si esclude che possa essere sanzionata anche l’Orvietana proprietaria del cartellino, che rischierebbe il deferimento, vale a dire perdere il diritto di ripescaggio. Il risultato del reclamo non esclude il presumibile incrinarsi dei rapporti fra le tre società coinvolte. Mai prima ad ora il calcio orvietano poteva vantare due squadre in promozione ed una in seri d, a questo punto la loro convivenza potrebbe deteriorarsi. Il ds del Federico Mosconi, Marini, commenta in questa maniera: “ Il Ciconia ha fatto la sua scelta, noi l’accettiamo come una squadra qualsiasi e andiamo avanti. La salvezza per noi bisogna conquistarsela sul campo come abbiamo dimostrato di fare fino ad ora. Comunque rimane un episodio che allontana i rapporti tra le due società”. A parlare dall’altra parte è il presidenti Giovanni Tonelli: “ Io ho agito nei pieni interessi della società. Credendo di non avere ragione ho tentato di ritirare il reclamo ma la federazione ha ugualmente continuato come si legge nel comunicato. Nella situazione di classifica che stiamo attraversando sono due punti che ci fanno comodo. A volte per le circostanze del caso si tende ad agire con provvedimenti del genere. Per noi comunque le cose finiscono qui senza avere nessun strascico ulteriore.”

Il Testo integrale del Comunicato

Commenta su Facebook