sport

L'Orvietana sconfitta, con un piede nella fossa.

domenica 21 aprile 2002
di Dav.Bre.
Ci risiamo; di certo nessuno credeva nel miracolo della resurrezione della squadra con il ritorno di Bagnato, ma forse in fondo qualche speranza c'era ancora, speranza che però, a questo punto, diventa un utopia con 7 punti dal quart'ultimo posto, anche se la matematica non condanna ancora i biancorossi, almeno in cifre.
L'Albalonga ha sicuramente meritato la vittoria, ha giocato sempre in maniera più frizzante, è scesa in campo decisa verso un obiettivo e l'ha raggiunto, creando molto nel primo tempo e colpendo anche una traversa; l'Orvietana, che oggi è sembrata più spuntata che mai con Cau ed Algeri squalificati e Valli e Roscini che si impegnano ma che rimangono praticamente inoffensivi, non è riuscita praticamente mai ad impensierire la retroguardia laziale.
I locali siglano il gol partita al 32' del secondo tempo dopo una bella e veloce azione; l'Orvietana scossa dal gol ha una timida reazione e tenta di arrivare in rete, ma non c'è niente da fare.
Buono il lavoro del neo acquisto Castellani tra i pali, che in un paio di occasioni fa si che la sconfitta rimanga di misura; Dopo gli infortuni di Mocci e Ciuco, altra nota dolente è il brutto infortunio di Polleggioni, costretto all'uscita anzitempo nella prima frazione per una caduta.
A questo punto rimane poco da dire, se non che solamente un vero e proprio miracolo potrebbe cambiare un destino che forse è segnato già da tempo, visto che appare ormai evidente che già da tempo sono rimasti in pochi i protagonisti stessi che hanno continuato a crederci ed in pochi non si fa nulla.

Commenta su Facebook