sociale

Esperti a confronto per la Giornata di formazione sulle paralisi cerebrali infantili

venerdì 29 novembre 2019
Esperti a confronto per la Giornata di formazione sulle paralisi cerebrali infantili

Sul versante della disabilità dell'infanzia, Regione Umbria e Azienda Usl Umbria 2 ribadiscono l'impegno e la massima attenzione sui temi dell'assistenza e dello studio dei disturbi neurologici. All'interno di questo obiettivo programmatico, si inserisce la Giornata di Studio e Formazione sulle Paralisi Cerebrali Infantili, organizzata dal Prof. Augusto Pasini, Coordinatore dei Servizi di Neuropsichiatria Infantile e dell'Adolescenza della Usl Umbria2, in programma a Terni sabato 30 novembre, nella Sala del Camino di Viale Trento. L'iniziativa è promossa dal servizio Formazione, Comunicazione e Relazioni Esterne dell'Azienda Usl Umbria 2.

Le Paralisi Cerebrali Infantili descrivono un gruppo di disordini permanenti del movimento e della postura, che sono da attribuirsi a disturbi non progressivi verificatisi nel cervello fetale o infantile nel corso dello sviluppo. I disordini motori della Paralisi Cerebrale sono spesso accompagnati da disturbi della sensibilità, della percezione, della conoscenza, della comunicazione e del comportamento, oltre che da epilessia e da problemi muscoloscheletrici secondari.

"La definizione - spiega il Prof. Augusto Pasini che aprirà i lavori, alle ore 9, insieme al Dr. Mauro Zampolini, direttore del dipartimento di Riabilitazione dell'Azienda Usl Umbria 2 - dimostra quanto questa patologia necessiti di un approccio multidisciplinare che abbracci i molti ambiti della vita del bambino e renda possibile la gestione della diagnosi e di tutti gli aspetti del trattamento. La presa in carico del bambino deve essere tempestiva, immediata, continuativa e centrata sul piccolo paziente, coinvolgendo in maniera costante la famiglia nel percorso di cura".

"L’estrema complessità della patologia - prosegue il Prof. Pasini - la necessità di un'équipe formata da tanti professionisti, le continue novità e scoperte nella diagnosi, nella prognosi e nella terapia, evidenziano come gli operatori sanitari dedicati debbano essere dotati di una formazione specifica che consenta loro di instaurare un’alleanza terapeutica basata sulla sintonia, il sostegno, la comprensione e l'apertura al dialogo. L'équipe curante deve essere composta dal Neuropsichiatra Infantile responsabile per i disturbi associati alla Paralisi Cerebrale Infantile, dal Fisiatra responsabile del progetto terapeutico per quanto concerne gli aspetti motori, dal fisioterapista e dal neuropsicomotricista".

Nel corso della giornata di studio sarà approfondito anche il tema del costituendo Registro sulle Paralisi Cerebrali Infantili dell'Italia Centrale, uno strumento necessario per la programmazione degli interventi e delle politiche sanitarie e sociali per le patologie in questione. Di questo si parlerà nell’ultima giornata degli Aggiornamenti Clinico-Terapeutici in Neuropsichiatria Infantile e dell’adolescenza con responsabile scientifico il Prof Augusto Pasini, che vedrà come relatori Medici Fisiatri, Fisioterapisti, Neuropsicomotricisti, Neuropsichiatri Infantili con esperienza consolidata nel settore delle patologie neuromotorie dell’età evolutiva. Con l’occasione l'Azienda Usl Umbria 2 ha arricchito la dotazione di personale con l’arrivo della Dottoressa Ludovica Lucarini, Fisiatra, specialista nelle Disabilità dell’Età Evolutiva, che ha finora prestato servizio ad Udine.

Fonte: Usl Umbria 2

Commenta su Facebook