sociale

I migranti dell'Alto Orvietano a scuola di artigianato artistico. Specchio di un mondo migliore

venerdì 5 gennaio 2018
I migranti dell'Alto Orvietano a scuola di artigianato artistico. Specchio di un mondo migliore

Apprendere, condividere, realizzare. Tre parole per riassumere un’esperienza di integrazione che passa per la mente, il cuore e le mani di un maestro artigiano e di quattro giovani scampati dalle violenze e dagli orrori delle guerre africane e oggi in cammino per ritrovare la speranza di una vita libera e dignitosa.  La bella storia nasce nel laboratorio di Arti Applicate realizzato grazie all’accoglienza di Luciano Martelloni dell’Unitre di Fabro.

In quello spazio Daniele Martinuzzi, artigiano e operatore della cooperativa sociale “Il Quadrifoglio”, si adopera per insegnare a tutti la lavorazione artigianale dei metalli. In quel laboratorio entrano, mesi fa, alcuni ragazzi africani ospiti nella struttura della “Quadrifoglio” destinata ai richiedenti protezione internazionale a Monteleone d’Orvieto. Daniele e i ragazzi si incontrano e iniziano insieme un percorso di formazione che è anche culturale e umano. Un poco alla volta, si scoprono e si rafforzano capacità ma anche fiducia e amicizia. Alle fine dell’esperienza i giovani migranti realizzano alcuni manufatti che diventano l’emblema di un mondo possibile, segnato dal reciproco riconoscimento, dalla condivisione di abilità e dal piacere di fabbricare cose belle con le proprie mani.

A testimonianza di questa esperienza è stata organizzata, venerdì 21 dicembre 2017, una cena presso il circolo culturale Endas “Il Vecchio Frantoio” di Monteleone d’Orvieto cui hanno partecipato, oltre ai giovani migranti ospiti delle strutture di Monteleone d’Orvieto e Monterubiaglio, il Sindaco di Monteleone Angelo La Rocca e l’Assessore alle politiche sociali Elisabetta Guidantoni, l’Assessore alle Politiche Sociali del Comune di Fabro Alessia Baldini, la vicesindaco di Parrano Patrizia Patrizi, il presidente dell’Unitre Luciano Martelloni, il presidente e la vicepresidente della Coop. Sociale “Il Quadrifoglio” Andrea Massino e Fabiola Mocetti e alcuni operatori della stessa cooperativa.

A volere fortemente l’inedito convivio la passione civile e la sensibilità di Laura Crescenzi, oggi animatrice del circolo culturale “Il Vecchio Frantoio” ma fino a qualche anno fa impegnata nell’accoglienza dei rifugiati politici in Italia. Nel corso della serata sono stati presentati i lavori dei ragazzi, una serie di specchi in rame sbalzato che restituiscono oltre all’immagine rovesciata e, insieme, la speranza di un diverso mondo più umano. Il laboratorio è aperto a tutti e dal 15 gennaio si svolgerà ogni lunedì e venerdì dalle h.17.00 alle h.19.00.

Per ulteriori informazioni: 340.5232542

 

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 19 dicembre

Auguri in versi di Buone Feste dall'Unitre Orvieto

La sabbia, amore mio

I cigni

Noi ci svegliammo piangendo

Tra democrazia e demagogia

Zambelli Orvieto sensazionale, batte Ravenna ed è prima

L'Orvietana vince col Clitunno e mantiene il passo

Lucio Dragoni è il nuovo allenatore giallorosso. "Uomo di calcio e Maestro di calcio"

Con le corde, dentro il Pozzo della Cava, per il nuovo presepe-evento: "I Quaranta Giorni"

Sisma, firmata la convenzione Regione-Comuni. Si avvia l'Ufficio speciale per la ricostruzione

Ammissione ai collegi del mondo unito, riaperto il bando selezioneper gli studenti dei Comuni colpiti dal sisma

Castello di Alviano aperto per le feste. Visite al maniero e ai musei che ospita

Uisp Orvieto Medio Tevere, elogio ai giovani ambasciatori dello sport orvietano

L'Avis dona fondi per acquistare uno scuolabus per i bambini di Preci

A Perugia incontro pubblico su fare libri e lettori

Cespuglio di more

Verso le elezioni, due candidati per la presidenza. Tre liste per il consiglio provinciale

Ascensori di Via Ripa Medici in manutenzione, navetta sostitutiva fino a venerdì

I Borghi più belli dell'Umbria discutono di temi e progetti di sviluppo turistico

Lo Sportello del Consumatore, riflessioni su presente e futuro del servizio

La TeMa si aggiudica il bando Psr per sviluppo e commercializzazione del turismo

"Capodanno in Famiglia" al Santuario dell'Amore Misericordioso

L'Università della Tuscia è il primo Ateneo statale del Lazio e il settimo del Centro Italia per la qualità della ricerca