sociale

Giornata Europea contro la Tratta, fenomeno drammatico diffuso anche in Umbria

martedì 17 ottobre 2017
Giornata Europea contro la Tratta, fenomeno drammatico diffuso anche in Umbria

Un lancio di palloncini colorati con lo slogan #liberailtuosogno è il gesto simbolico scelto dalla Regione Umbria per aderisce all’undicesima “Giornata europea contro la tratta degli esseri umani”, in programma mercoledì 18 ottobre: alle 9.45, nel giardino dell’Hotel Giò a Perugia, sarà l’assessore regionale alla Salute, alla Coesione sociale e al Welfare, Luca Barberini, a lanciare i palloncini per dire no alla tratta e allo sfruttamento degli esseri umani e sensibilizzare i cittadini contro un fenomeno drammatico e sempre più diffuso anche in Umbria.

Insieme all’assessore ci saranno gli operatori impegnati nel progetto “Free Life” (Fuori dal Rischio Emarginazione ed Esclusione – Liberi Insieme Favorendo l’Emersione), finanziato dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri – Dipartimento delle Pari Opportunità e attivato da tempo in Umbria per prevenire e contrastare una realtà che interessa sempre più donne, uomini e minori.

Per l’occasione verrà anche presentata la nuova campagna regionale di comunicazione sulla tematica intitolata “Esci dall’ombra”. Si tratta di un’iniziativa che rientra sempre nel progetto “Free Life”, che prevede anche un percorso di formazione rivolto a diversi soggetti istituzionali e sociali per attivare una serie di iniziative, a carattere regionale, utili a contrastare il fenomeno della tratta degli esseri umani attraverso un lavoro di rete sinergico.

A tal fine la Regione Umbria ha istituito due organismi permanenti di coordinamento e confronto: il “Tavolo di Governance del sistema regionale anti tratta”, che permetterà di definire strategie ed indirizzi programmatici nel territorio regionale e il “Tavolo di coordinamento del sistema regionale anti tratta” che affiancherà il primo nell’attuazione delle azioni, offrendo gli strumenti necessari ad attuare e armonizzare le procedure di intervento. L’obiettivo è arrivare a un protocollo d’intesa operativo per la definizione di un modello regionale contro tratta e sfruttamento di esseri umani e la costituzione di un pool regionale antitratta.

Fonte: Regione dell'Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 gennaio

Madame Bovary

Indagine della Procura, le puntualizzazioni di Enel

Giorno della Memoria, ricordare per prevenire. Iniziative della Cgil a Perugia e Terni

Conferenza su "Il mito di Giulia Farnese: amori, potere, storia…"

Robotica e agricoltura di precisione con il Progetto Pantheon

Orvieto FC, la prima squadre batte il GubbioBurano secondo in classifica

Per la Zambelli Orvieto è un momento magico, conquistata Montecchio Maggiore

Orvietana, sconfitta pesante contro il San Sisto

Finisce in carcere per una rapina in banca messa a segno due anni fa

Sicurezza, trecento controlli in due settimane sul territorio

Rti avanza richieste economiche al Comune, Tardani interroga il sindaco

Lia Tagliacozzo presenta il libro "La Shoah e il Giorno della Memoria"

L'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per il Giorno della Memoria

In biblioteca lettura di "Sonderkommando Auschwitz" di Shlomo Venezia

Dal Castello Baronale alla Cappella Baglioni, fino al caffè a Villa Lais

Contro Azzurra Orvieto, Campobasso resiste ma non passa

Una brutta Vetrya Orvieto Basket lascia la vetta a Perugia

Violenza di genere, firmato il protocollo d'intesa per la realizzazione del sistema regionale di contrasto

"A spasso con ABC", giornata finale per i narratori del futuro

Sul palco del Rivellino, Anna Mazzamauro è "Nuda e Cruda"

Iniziative in tutta l'Umbria per San Francesco di Sales, patrono di giornalisti e comunicatori

"Col trattore in Complanare", in 140 a Ciconia per la benedizione dei mezzi agricoli

Il consiglio regionale FIE Umbria conferma alla presidenza Giulia Garofalo

Rumori di lavori in corso a Palazzo Monaldeschi, Olimpieri (IeT) interroga il Comune

Al Concordia, serata dedicata al teatro con "Il Canto del Gallo"

Comitato Scansano Sos Geotermia: "Il pericolo non va esportato in Maremma"