sociale

Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

lunedì 16 ottobre 2017
Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni, "un'esperienza da ripetere"

Una tre giorni piena di giochi, tanti sorrisi, persone di tutte le età che si sono divertire insieme nelle principali piazze della città, ma anche momenti di riflessione e impegni importanti da parte delle autorità nazionali e locali su temi ad ampio respiro sociale come la dipendenza dal gioco d’azzardo. E’ questa la sintesi della prima edizione del “Festival Nazionale del Gioco e delle Tradizioni” che si è svolto ad Orvieto da venerdì 6 a domenica 8 ottobre.

Organizzato dal Comitato Uisp Orvieto – Medio Tevere, dal Comitato Regionale Uisp Umbria e dalla Struttura Nazionale Uisp di Attività Giochi, con il patrocinio della Regione Umbria e la collaborazione del Comune di Orvieto, ha trasformato la città nella capitale del gioco. Il ricco programma di attività proposto: tornei, camminate, orienteering, mostre, mercatini solidali, ha registrato grande partecipazione e apprezzamenti.

Quasi 300 ragazzi delle scuole superiori di Orvieto e altri rappresentanti del mondo delle istituzioni e dell’associazionismo hanno preso parte al Convegno nazionale intitolato “L’azzardo non è un gioco” tenutosi nella splendida cornice della Sala dei Quattrocento di Palazzo del Capitano del Popolo ad Orvieto. Da questo appuntamento è emerso un messaggio preciso: l’impegno del Governo su questi temi, con l’intervento del Sottosegretario al Ministero dell’Economia con delega al gioco Pierpaolo Baretta, ma anche quello delle istituzioni regionali e comunali. E ancora una rinnovata sensibilità all’utilizzo dei termini corretti: meglio parlare di azzardopatia e non più di ludopatia, le parole contano! Sta passando quindi il messaggio dell’Uisp: il problema non è il gioco, che anzi è un bene sociale, da valorizzare e riscoprire, ma è l’azzardo, che sta assumendo le forme di un disagio sociale che sempre più spesso le famiglie si trovano ad affrontare, con grandi difficoltà.

Altro appuntamento di rilievo è stata la tavola rotonda: “La felicità in gioco: una sfida per gli amministratori”, che tra gli altri ha registrato i preziosissimi interventi di Furio Honsell, sindaco del Comune di Udine e presidente di Giona, l’Associazione Nazionale Città in Gioco, un network di enti che si propone di valorizzare il gioco quale elemento fondamentale e fondante per gli uomini, promuovendo e sostenendo gli eventi ludici, i progetti e le occasioni di studio e ricerca sul tema; e dell’antropologo Giancarlo Baronti, docente di antropologia dell’alimentazione presso l’Università di Perugia.

Accanto a questi due momenti di riflessione, da cui sono emersi spunti e proposte utili, la tre giorni del Festival è stata caratterizzata da un grande “movimento” di bambini, ragazzi e adulti che hanno riempito i “luoghi del Festival” - il Palazzo del Capitano del Popolo, il Palazzo dei Sette, Piazza Duomo, Piazza della Repubblica, Piazza del Popolo e Piazza Viviaria, Palazzo Simoncelli - cimentandosi in Tornei (scacchi, dama, carrom, biliardino, burraco, flipper, tennis tavolo), Giochi di abilità (nala, twister, memory, gruviera, rimbalzino, delirio, barattoli, damigiana, tubo, noci, chiodi, anelli, going, ferri di cavallo, jenga gigante, costruzioni di legno), Giochi da tavolo (dama, scacchi, burraco, biliardino, tennis tavolo, flipper) e Giochi di movimento (aquiloni, carrioli, modellismo radiocomandato, tiro alla fune, pista biglie, birilli, hula hop, corde, mini tennis, tiro con l’arco, giochi di ruolo e simulazione, giocoleria, braccio di ferro, ruzzola).

Partner della manifestazione è stato il programma di intervento “Terre d’Orvieto - Profumi e Sapori in rete” con degustazioni al Palazzo dei Sette offerte da un cartello di 12 aziende del territorio finalizzate alla valorizzazione dei prodotti locali di filiera corta, nell’ambito del PSR 2014-2020. Una grande macchina organizzativa messa in piedi dalla Uisp, con lo staff tecnico del Comitato di Orvieto Mediotevere e gli oltre 50 animatori qualificati della Struttura Nazionale Uisp di Attività Giochi provenienti da varie parti d’Italia, che a titolo volontario si sono messi a disposizione per far divertire grandi e piccini.

Ottima l’adesione delle scuole, da quelle dell’infanzia alle superiori, con un migliaio di bambini e ragazzi che nelle mattinate di venerdì e sabato hanno partecipato con grande entusiasmo alle attività proposte nelle piazze cittadine, ringraziando la Uisp per aver promosso quest’iniziativa che ha permesso agli studenti di varie età di uscire per una volta dai classici schemi curricolari e sperimentare il gioco, il movimento e l’attività motoria in una forma nuova e diversa.

Il tutto è stato realizzato assicurando sempre tutti gli standard di sicurezza e con grande sforzo di coordinazione dei numerosi eventi messi in campo. Hanno dato il loro contributo le associazioni: Ali per giocare, Coop. sociale il Quadrifoglio, Spazio Verde Blu, Unitre Orvieto, Prog.Uomo Ludobus ArtInGioco, Associazione Piccoli Passi, Ingegneria del Buon Sollazzo, Avis Comunale Orvieto, DireFareGiocare, Associazione “E. Majorana”, Giona Città in gioco.

“La Uisp a livello territoriale, regionale e nazionale ha dimostrato in questo appuntamento di sapere fare rete e proporre un Festival nazionale che ha riscosso grandi consensi – dichiara Stefano Rumori, presidente regionale Uisp Umbria e componente della Direzione Nazionale Uisp – come Uisp Umbria abbiamo creduto da subito in questo progetto e grazie al sostegno determinate delle istituzioni locali e regionali, nonché di tutti coloro che hanno dato il loro contributo della manifestazione, siamo riusciti in poco tempo a dar vita ad un’esperienza che sicuramente ripeteremo, per valorizzare una parte importante del nostro mondo Uisp che è quello del gioco, nella sua valenza sociale più ampia”.

“Devo dire che avevamo un’ambizione molto grande e senza fare trionfalismi credo che siamo riusciti a realizzarla nel miglior modo possibile considerando che si è trattato dell’edizione zero della manifestazione – commenta soddisfatto Erasmo Lesignoli, Struttura Nazionale Uisp di Attività Giochi – dopo una partenza cauta, con il passare delle ore siamo andati migliorando continuamente e di pari passo è cresciuta la partecipazione. Molto azzeccata l’idea di distribuire i giochi nelle varie piazze della città di Orvieto, che sono state sempre piene per tutta la durata del Festival. Per questo ringrazio i quattro Ludobus di Ali Per Giocare, che ci hanno aiutato molto nello spostamento dei giochi. Positiva la risposta delle scuole, ottima l’organizzazione. Ringrazio il Comitato Uisp di Orvieto Mediotevere, che ha dimostrato di essere all’altezza di organizzare un evento che ci auguriamo di poter ripetere nella città umbra dove è nata la nostra storia di Lega, oggi Struttura di Attività. Per il futuro credo che si possano coinvolgere anche altre discipline, quali ad esempio la danza e la ginnastica. Bene anche l’abbinamento con la manifestazione enogastronomica e di valorizzazione dei prodotti locali, proposto dall’Assessore alla Cultura, alle Attività Produttive e Marketing territoriale del Comune di Orvieto Alessandra Cannistrà, un’idea su cui ci sono già spunti di lavoro per il futuro”.

“E’ stata davvero un’ottima opportunità – aggiunge l’Assessore Alessandra Cannistrà - quella di dare avvio all’attività di promozione del ‘paniere’ di Terre d’Orvieto nel contesto di un evento di forte e aggregante valenza sociale. L’obiettivo fondamentale del progetto coordinato da questa Amministrazione e finanziato dal PSR è far conoscere l’alta qualità delle piccole produzioni locali proprio attraverso momenti d’incontro con le tante storie speciali che hanno scelto il nostro territorio per sperimentare percorsi nuovi di riscoperta delle tradizioni e al tempo stesso di consapevolezza e ricerca responsabile della sostenibilità.

I destinatari di questa importante esperienza di comunicazione sono non soltanto i numerosissimi visitatori della città che certamente hanno contribuito al successo delle degustazioni, ma sono ancor prima le comunità locali: a loro viene offerta l’occasione di riscoprire lo straordinario patrimonio non solo di ‘profumi e sapori’ dell’agroalimentare di filiera corta ma di usi e consuetudini che riattivano il legame vitale con l’habitat naturale e stimolano il riconoscimento identitario e protettivo nei confronti di questa importante eredità culturale. Nel ringraziare quindi tutti quelli che hanno lavorato, in modo esemplare, a costruire e proporre questo evento – in particolare l’Istituto Professionale Alberghiero di Orvieto - spero anche io che questa proficua collaborazione possa proseguire con UISP e con le Associazioni che vorranno essere parte dei nuovi eventi del 2018”.

“Un particolare ringraziamento va a tutti coloro che hanno collaborato e a chi è venuto a giocare con noi – dice Federica Bartolini, presidente Uisp Orvieto Mediotevere – abbiamo avuto una grande partecipazione da parte dei bambini e ragazzi delle scuole, ma anche delle famiglie, dei cittadini e dei turisti che hanno potuto vivere la città di Orvieto in un modo unico e divertente. Un grazie speciale a tutti i volontari, collaboratori, associazioni e organizzazioni che hanno permesso di realizzare tutto questo. Grazie alla Regione Umbria e al Comune di Orvieto, alla Uisp Nazionale, all’Area Giochi Nazionale Uisp, agli istituti scolastici e alla Asl. Con questo Festival, primo del genere a firma Uisp, abbiamo voluto dare continuità alla preziosa intuizione di 27 anni fa che vide nascere proprio ad Orvieto, in occasione di un convegno nazionale Uisp, la Lega Giochi e Sport Tradizionali Uisp, oggi divenuta Area Giochi Tradizionali. Ma anche dare slancio al messaggio Uisp di promozione degli stili di vita attivi e del movimento attraverso il gioco, inteso come benessere, cultura, storia e socialità. Abbiamo creduto fin da subito in questo progetto e con grande sforzo siamo riusciti a mettere in piedi un Festival che crediamo possa diventare un appuntamento stabile per Uisp e per la città di Orvieto”.

Fonte: Ufficio Stampa Comune di Orvieto 

Commenta su Facebook

Accadeva il 24 gennaio

Nel "borgo magico" di Calcata, con Asds Polisportiva Castel Viscardo e Armata Brancaleone

Fermati tre ventenni all'uscita del supermercato con merce appena rubata

On line il primo numero del 2018 del periodico aziendale di informazione sanitaria "Usl Umbria 2 inForma"

All'Unitre riprende il Laboratorio di Pittura guidato da Donato Catamo

Regionali 2018, parte il viaggio di Bigiotti attraverso borghi e bellezze della Tuscia

Lo minaccia con il coltello e gli porta via l'incasso giornaliero

Umbria presente a "Winter School 2018. L'agenda sul futuro della sanità italiana"

Recupero evasione Imu, Orvieto al secondo posto tra i 16 Comuni umbri con oltre 15.000 abitanti

Sporcizia e siringhe vicino alla Casa dell'Acqua di Ciconia

Corsi serali all'Istituto Cardarelli. Un gruppo di alunni a Roma dal ministro Fedeli

"Gli Ebrei sono matti" sul palco del Teatro Boni

"Gli Psicodrammatici" mettono in scena "Il senso di colpa"

Procedura di Via. Sacripanti (Gm): "Questo è Germani, questa è la sinistra che ci governa"

Buono servizio sostitutivo del trasporto scolastico per le scuole dell'infanzia

"Vette in Vista", quando il cinema incontra la montagna

"A 80 anni dalle leggi razziali". La Regione ricorda la tragedia della Shoah

Zeno (Pci): "La città si svuota e il sindaco se ne fa una ragione"

Federalberghi: "Le risorse derivanti dall'imposta di soggiorno siano destinate allo sviluppo del turismo"

Toni e Peppe Servillo tornano al Mancinelli con "La parola canta"

Sostegno a domicilio per anziani e disabili, in pubblicazione i bandi

Assistenza sociale fittizia, le Fiamme Gialle portano alla luce oltre 4 milioni di euro di evaso

Esercitazione tecnico-tattica per i marescialli con specializzazione "Sanità"

Nuova geografia giudiziaria, Montegabbione e Monteleone con Orvieto

Testimonianze al Teatro Concordia per la Giornata della Memoria

"Vino made in biologico". Convegno all'Istituto Agrario "Ciuffelli"

Festa del Tesseramento per l'Associazione Andromeda

Orvieto FC, prima squadra nella tana del Cannara

L'allenatore Matteo Solforati valuta i progressi della Zambelli Orvieto

"Più o meno alle tre" con i Lettori Portatili. Andrej Longo presenta "L'altra madre"

Sabato 28 gennaio casting per il nuovo film di Alice Rohrwacher

Nello scavo della piramide di via Ripa Medici ritrovato il cibo degli Etruschi

Corso di Sociocrazia con Pierre Houben all'Auditorium

Orvieto, Via del Corso

L'Orvietana Rugby vince ancora al De Martino

Olimpieri (IeT): "Con Germani il Comune torna a privatizzare"

Prima seduta del nuovo Consiglio Provinciale, convalida degli eletti e giuramento del presidente

Ad aprile torna la Coppa degli Etruschi

Fabrizio Bentivoglio porta "L'ora di ricevimento" al Teatro Comunale di Todi

Imprese Creative, a disposizione 2,8 milioni di euro. Illustrati i criteri del primo bando regionale

Oltre 400 richieste in due mesi nei punti informativi di Sii, Ati e Assoconsumatori

Promozione turistica, l'Umbria presente per la prima volta all'Holiday World di Dublino

Atletica Libertas Orvieto, tanti gli eventi e le manifestazioni in arrivo nel 2017

Seduta plenaria della Pro Loco per l'approvazione dei bilanci

Prima seduta del consiglio comunale. In quindici punti l'ordine del giorno

Al Teatro Santa Cristina, il recital "...ed ora sono nel vento..."

Sisma, si riunisce comitato istituzionale. Marini: "Massimo supporto a sindaci dall'ufficio speciale ricostruzione"

Studenti in Comune per presentare "Testimoni della Memoria. Il nostro viaggio in Polonia"

Linea ferroviaria Orte-Foligno-Perugia, ripristinate due fermate

Cena a base di solidarietà. Serata speciale organizzata dai ragazzi dell'Oratorio San Filippo Neri e dagli studenti dell'Alberghiero

Donne vittime di violenza, in Regione firmato il protocollo per l'inserimento lavorativo e sociale

Sottoscritto il protocollo d'intesa tra Perugia e Orvieto per l'iscrizione delle Città Etrusche al Patrimonio Unesco

Al Teatro Boni va in scena "L'istruttoria" di Peter Weiss

"Viaggio nell'Operetta". Seconda tappa con Katia Ricciarelli e Andrea Binetti

Iaia Forte al Teatro Boni con "Tony Pagoda. Ritorno in Italia"

Benedizione dei Trattori a Ciconia. Gli agricoltori offrono il frutto del loro lavoro

"Comunicare speranza e fiducia nel nostro tempo". Il vescovo incontra i giornalisti per S.Francesco di Sales

Incontro su "La persecuzione in Europa e i suoi effetti anche a San Venanzo"

Uisp, la squadra Umbria Nuoto master cresce