sociale

"Ridiamo un futuro all'Italia ferita dal sisma". L'impegno, non isolato, di CAI e TCI

giovedì 17 novembre 2016
di Davide Pompei
"Ridiamo un futuro all'Italia ferita dal sisma". L'impegno, non isolato, di CAI e TCI

Dall'invito a cena del Club de "I Borghi più belli d'Italia" alla campagna promossa dall'Associazione "Borghi Autentici d'Italia". Dalla rete Slow Food che sta monitorando le situazioni più critiche nel campo agroalimentare, al Fondo Ambiente Italiano, impegnato a ridare la luce alla Madonna del Sole di Capodacqua, finanziando un restauro che "vuole essere un piccolo passo per il recupero dell’identità perduta del borgo".

È fitta la rete di quanti hanno a cuore il Belpaese e si stanno attivando per mettere in moto quante più azioni possibili anche a supporto di enti, istituzioni e associazioni incaricate di portare aiuto e ricostruzione. Ad Amatrice, Accumoli, nella valle del Tronto, al confine umbro-marchigiano. E ancora a Norcia, Preci e in tutto quel Centro Italia ferito dal sisma. Dove, dopo aver impiattato chili di amatriciana, c'è già chi per aiutare le aziende è pronto a riempire i tradizionali cesti natalizi di prodotti di norcineria, formaggi, tartufi e specialità umbre.

Lanciata poche ore dopo le prime forti scosse di terremoto, resta ancora aperta la sottoscrizione dal Club Alpino Italiano, che ha superato la soglia dei 120 mila euro. La cifra raccolta sarà destinata secondo priorità emergenziali che saranno valutate in concerto con i gruppi regionali interessati. Sì, perché lo stato di necessità comporterà l'oggettivo bisogno di indirizzare anche la solidarietà più spontanea.

"Pur nella convinzione che le popolazioni colpite sapranno reagire con le capacità e la determinazione che le contraddistinguono – ha detto il presidente generale Vincenzo Torti a nome dell'intero sodalizio – tutto il CAI deve sentirsi impegnato in una solidarietà concreta e in una vicinanza, per quanto possibile, anche operativa". Obiettivo, favorire la ricostruzione dei rapporti sociali nelle zone dell'Appennino Centrale colpite, creando i presupposti perché si possa tornare a frequentarle quanto prima.Queste, allora, le coordinate bancarie della raccolta fondi: Conto corrente "Il CAI per il sisma dell'Italia Centrale (Lazio, Marche e Umbria)" Banca Popolare di Sondrio – Agenzia Milano 21, Iban IT06 D056 9601 6200 0001 0373 X15.

Il sostegno affinché l'emergenza diventi un piano concreto per il futuro di un'Italia ferita è arrivato anche nelle parole del presidente del Touring Club Italiano Franco Iseppi, ricordando come tra le località colpite dal sisma ci siano anche molti paesi insigniti del riconoscimento di "Bandiera Arancione". "Borghi d’eccellenza accoglienti come sa essere accogliente l’Italia che, per abitudine, chiamiamo minore: Montelupone, Pievebovigliana, San Ginesio, Sarnano, Urbisaglia, Visso, Acquaviva Picena e Ripatransone, nelle Marche. E poi Norcia e Vallo di Nera, in Umbria. E ancora Leonessa e Labro, nel Lazio in provincia di Rieti.

Nomi antichi che odorano di storia, ma spesso si impara a conoscere solo in queste occasioni. Borghi feriti, ognuno con la sua storia da raccontare, la sua esperienza di paure da condividere, la conta dei danni da fare. A loro e non solo a loro, va la vicinanza e il pensiero di tutto il TCI, che anche questa volta si impegnerà in ogni sede e con ogni mezzo per sostenere qualunque azione che contribuisca a far ripartire la microeconomia turistica che sosteneva famiglie e attività imprenditoriali di questi paesi. Perché fin da subito si ricostruiscano case, scuole, attività economiche e monumenti".

Su richiesta del Dipartimento della Protezione Civile, d'intesa con le Regioni colpite e grazie ad operatori di telefonia mobile e media, è attivo il numero 45500 a cui donare via sms 2 euro. E possibile donare anche online indirizzando la propria solidarietà verso Marche, Lazio e Umbria. Per quanto riguarda quest'ultima, l'Iban che identifica il conto corrente bancario è IT32 R020 0803 0330 0010 4429 137. Causale: Regione Umbria _Sisma agosto 2016.

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità