advertising
BENESSERE
sociale

Superare ansia e timidezza

giovedì 21 aprile 2016
di Roberto Ausilio
Superare ansia e timidezza

Anche a te sarà capitato di trovarti in situazioni difficili, imbarazzanti, che creano ansia e stress. Un colloquio di lavoro, il primo appuntamento con una bella ragazza, un esame all’Università. Sono molte le circostanze della vita che ci portano fuori dalla cosiddetta “comfort zone“, cioè la zona comoda di quello che già conosciamo. Allo stesso tempo sappiamo che è fondamentale affrontare proprio quelle situazioni dalle quali scapperemmo a gambe levate.

Questo perché se ci limitassimo a fare sempre le stesse cose, quelle che non ci spaventano e con cui siamo a nostro agio, smetteremmo di crescere e di vivere pienamente. Uscire dalla zona comoda ci serve per sperimentarci, per scoprire parti nuove di noi, per dimostrare a noi stessi che ce la possiamo fare! Accettare delle sfide ragionevolmente ardite è quello che ci serve per far crescere la nostra autostima.

Ma come fare per superare l’ansia e la timidezza? Qui voglio suggerirti TRE semplici ed efficaci strategie per avere una marcia in più.

1. RADICATI NEL RESPIRO
Hai notato che il respiro è la prima funzione che si modifica con le tue emozioni? quando sei teso e agitato il tuo respiro tenderà ad accelerare e diventare superficiale. Per questo motivo, se vuoi una dritta per gestire le situazioni di tensione, ti consiglio di prestare attenzione al tuo respiro, ascoltare l’aria che entra e che esce dalle narici. Ti invito ad espirare profondamente, a lasciar uscire aria e tensione, in modo da favorire la respirazione diaframmatica e addominale, che è quella collegata agli stati di rilassamento. Ti invito a esercitarti quando sei già sereno, a casa, e puoi educare te stesso ad una respirazione migliore: sarà più facile farlo quando sarai nella situazione stressante.

2. DIALOGA CON TE STESSO
Quanto è utile ripeterti “sono uno sfogato, tanto non ce la farò mai”? Se i tuoi pensieri sono negativi, il tuo dialogo interiore sarà un grosso ostacolo per te. Modifica il dialogo interiore, prestando attenzione a quello che ripeti a te stesso. La tua vocina interiore può essere di supporto a quello che vuoi fare. Così è molto più utile ripetere a te stesso “posso farcela”, ” sto andando bene”, “riesco facilmente a mantenere la calma”, “mi sento rilassato” ecc. Non ripeterti cose impossibili come “so volare”, ma qualcosa di fattibile, reale e concreto, mantenendoti aperto al successo. Sarai così più facilmente in grado di gestire la situazione ansiogena.

3. VISUALIZZA IL MEGLIO
Anziché visualizzare il disastro, prova a chiudere gli occhi e girare un film positivo di quello che succederà. Visualizza te stesso nella maniera più utile: tu che riesci a padroneggiare quella situazione. Come ti senti nel corpo? quali sono i tuoi pensieri, emozioni e sensazioni mentre stai facendo bene quella cosa che prima ti spaventava? Con un po’ di esercizio riesci anche a prevenire eventuali problemi, e quando sarai nella situazione difficile sarà come averla già vissuta, sarà più familiare e ti riuscirà semplice gestirla.

E’ chiaro che questi tre consigli sono semplici e molto efficaci, nella misura in cui decidi di esercitarti, di allenarti e di metterti veramente in gioco. Non esiste una ricetta magica per essere ciò che non sei, ma esistono molti modi per migliorare te stesso. Il metodo più efficace resta la PSICOTERAPIA. Farti seguire da un professionista è l’investimento migliore che tu possa fare per te stesso e la tua crescita personale e credimi non è sostituibile con nient’altro!

 

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo con gli amici, metti un tuo LIKE sulla mia Pagina Facebook e dai un’occhiata al mio sito e al canale Youtube.

Internet: www.robertoausilio.it
Facebook: https://www.facebook.com/Roberto-Ausilio-Psicologo-Psicoterapeuta-819213091425942/?fref=ts 
YouTube: https://www.youtube.com/channel/UC65pMGUBaRIXavbFYKHr4Xg  


 

 

Commenta su Facebook