sociale

"La Meglio Gioventù" compie otto anni. Le iniziative in programma alla casa di quartiere

lunedì 7 dicembre 2015
"La Meglio Gioventù" compie otto anni. Le iniziative in programma alla casa di quartiere

Lunedì 28 dicembre la Casa di Quartiere - Diurno per anziani “La meglio Gioventù” di Fabro festeggia 8 anni di attività e lo fa raccontando un anno di iniziative, proposte, laboratori e attività ancora in corso, che caratterizzeranno questo periodo di feste e proseguiranno nel 2016. Un modo festoso ma anche occasione di riflessione su temi come il benessere sociale e gli scambi tra le generazioni, con il quale gli ospiti e il personale della “Meglio Gioventù” augureranno Buone Feste a tutti i cittadini.

“Quest’ultimo scorcio di anno – spiega la Dr.ssa Catia Bartolini, responsabile della struttura per la Cooperativa Sociale il Quadriglio ente gestore del progetto – vede gli ospiti della Casa di Quartiere protagonisti attivi sul territorio a 360°: mercoledì 9 dicembre, alle ore 21.00, presso il teatro di Fabro Scalo gli attori della Meglio Gioventù porteranno in scena lo spettacolo ‘Tutto è bene quel che finisce bene’ progetto teatrale sviluppato anche con i fondi del Piano Territoriale sull’Invecchiamento Attivo della Zona Sociale n. 12; venerdì 18 dicembre invece sarà il Coro il protagonista assoluto delle scene, infatti parteciperà alla Festa dei Cori di Città della Pieve a conclusione di un percorso di scambio interculturale.

Inoltre da sabato 12 a mercoledì 23 dicembre, gli ospiti della casa, saranno presenti con i prodotti dei vari laboratori artigiani, al mercatino di Natale che si svolge al centro commerciale di Orvieto. Tutte le iniziative che si svolgono durante l’anno, dalle collaborazioni con le scuole del territorio finalizzate al consolidamento degli scambi intergenerazionali, agli incontri con gli esperti della salute e del benessere, alle feste, ai percorsi laboratoriali a tema, alle attività di palestra e piscina nei mesi estivi, alla scuola di ballo, sono finalizzate al mantenimento e consolidamento dell’autonomia delle persone anziane. Un posto, quindi, pensato per rispondere ai bisogni di sostegno, socializzazione, espressione di sé, valorizzazione e integrazione sociale dei ‘nonni’ del territorio”.

La Casa di Quartiere – centro diurno per anziani è un servizio all’avanguardia, innovativo che ha imposto una grossa scommessa sul territorio, un nuovo modo di guardare la popolazione ultra65enne; in Umbria, tra l’altro, esistono poche strutture simili alla “Meglio Gioventù”, pertanto, quest’ultima rappresenta un grosso motivo d’orgoglio per tutti coloro che quotidianamente investono su questo tipo di politiche.
Un’esperienza socio-assistenziale innovativa, espressione del welfare leggero, che ha tra gli obiettivi quello di favorire modalità attive di invecchiamento. La Casa di quartiere è il luogo per fare nuove conoscenze, ritrovarsi, incontrare qualcuno a cui confidare un proprio cruccio, con cui condividere una gioia, sentirsi ancora attivi, capaci di dare e ricevere affetto, amicizia, confidenza, familiarità.

Il progetto diventato realtà, negli anni ha avuto molto successo implementando e potenziando le proprie caratteristiche e continua ad essere sempre più punto di riferimento per gli anziani della comunità e per le loro famiglie. La Casa di Quartiere rappresenta anche un efficace strumento per operare la prevenzione nei confronti del precoce declino psico-fisico e favorire un invecchiamento attivo, oltre che sostenere le famiglie con una evidente ricaduta positiva sia sul piano umano ma anche su quello economico. I frequentatori della Casa, a seconda delle loro inclinazioni e propensioni, e nei diversi momenti della giornata, partecipano alle diverse attività in programma, fanno conversazione, leggono un libro in tranquillità o semplicemente riposano.

Fonte: Comune di Orvieto

Commenta su Facebook