sociale

Viterbo: Ricordato Padre Gianfranco Maria Chiti alal Scuola Sottuficiali

sabato 14 novembre 2015
Viterbo: Ricordato Padre Gianfranco Maria Chiti alal Scuola Sottuficiali

Ieri pomeriggio, venerdì 13 novembre 2015, nell’aula magna della Scuola Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo, è stato ricordato il Generale dei Granatieri Gianfranco Maria Chiti, che dopo il congedo indossò il saio francescano e per il quale è stata avviata quest’anno la causa di beatificazione.

Figura mitica quella di Chiti, efficacemente tratteggiata dal Generale Mario Sperduti che in una approfondita e articolata esposizione ne ha sottolineato le virtù militari e la grande fede cristiana.

“È stato un comandante eccezionale – ha detto Sperduti – nella sua vita ha dovuto affrontare tanti ostacoli: le insidie e le crudeltà della guerra, l’ostilità di colleghi invidiosi, l’incomprensione di alcuni. Ma ha dimostrato sempre di essere soldato della Patria e soldato in Cristo. La caserma era la sua casa e dimostrava attenzioni e premure verso i propri dipendenti, avendo sempre una parola di conforto e di esortazione per tutti.”

Al termine dell’interessante conferenza, Eleonora Petroni, capo corso del 18° corso allievi marescialli, ha consegnato al conferenziere lo spadino da allievo. Il Generale Sperduti ha contraccambiato donando un quadro con le fotografie di Chiti in divisa militare e saio francescano.

Hanno assistito alla conferenza il Generale di Brigata Vittorio Stella, il Colonnello Stefano Di Sarra, alcuni frati del convento di Orvieto, gli Allievi Marescialli, molti Ufficiali e Sottufficiali che hanno conosciuto Padre Chiti e ne conservano un bellissimo ricordo.

Nato a Gignese (Novara) il 6 maggio 1921, Gianfranco Maria Chiti nel 1925 si trasferisce a Pesaro con la famiglia. Iscritto in gioventù all’Azione Cattolica, entra prima in un collegio militare e poi nell’accademia di Modena da dove esce il 29 aprile 1941 con il grado di sottotenente ed è assegnato al Terzo Reggimento Granatieri di stanza a Viterbo.

Partecipa al secondo conflitto mondiale prima sui fronti sloveno-croato e greco e quindi su quello russo, dove viene ferito in combattimento e decorato con medaglia di bronzo al valor militare e due croci al merito di guerra.

Dopo l’armistizio dell’8 settembre 1943 aderisce alla RSI e si adopera per salvare le vite di civili ed evitare rappresaglie. Al termine del conflitto è prigioniero degli alleati nei campi di prigionia di Livorno, Coltano e Laterina. Liberato, è sottoposto a processo di epurazione e per vivere insegna matematica e fisica nel Liceo Ginnasio “Giuseppe Colasanzio” degli Scolopi a Campi Salentina (Lecce).

Scagionato da ogni accusa, è reintegrato nell’Esercito Italiano e presta servizio in Somalia, Cesano, Roma e Civitavecchia. Dal 1973 al 1978 è Comandante della Scuola Allievi Sottufficiali dell’Esercito di Viterbo. Congedato con il grado di Generale di Brigata entra nel convento di Rieti e il 12 settembre 1982 è ordinato sacerdote. Ricostruisce, grazie all’aiuto dei suoi Granatieri e di quanti lo hanno conosciuto, il vecchio convento di Orvieto. Muore nell’ospedale militare del Celio di Roma il 20 novembre 2004. L’8 maggio 2015 è stata avviata la procedura per la beatificazione e la canonizzazione di padre Chiti.

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 dicembre

Anatomia di un addio

Fine settimana da incorniciare per l'Orvieto FC. Palmerini: "Stiamo crescendo"

"Tanto per dire", seconda edizione. Al Liceo Classico "Tacito" torna il corso di dizione

Jazz e strumenti antichi al Museo Archeologico Nazionale in occasione di Ujw

Celebrata la Giornata Garibaldina, in memoria della battaglia di Mentana

Inaugurata la prima area di sgambatura per cani, previste altre due

Denunciata dalla Polizia una giovane pluripregiudicata

Partita la procedura di rilascio del passaporto elettronico

Rischio ghiaccio per i contatori, i consigli per proteggerli ed evitare spese

Umbria.GO raddoppia e si presenta nella versione dedicata ai pendolari regionali

Campagna Ocm Vino 2017/2018, incrementate le risorse a sostegno delle imprese

"Intrecci", inaugurata la scuola di alta formazione della famiglia Cotarella

"Concerto di Natale" nella Sala Unità d'Italia del Palazzo Comunale

"Geotermia a bassa e media entalpia, rischi e conseguenze"

"È nato un Re povero". Rappresentazione nei Giardini di Villa Faina

Presentata l'edizione 2018 della "Guida ai sapori e ai piaceri della regione Umbria" di Repubblica

Vetrya riceve il Premio Imprese per l'Innovazione di Confindustria e il Premio dei Premi dalla Presidenza del Consiglio dei Ministri

Eletto il nuovo Coordinamento delle Cittaslow Italiane. Barbara Paron al vertice

Il tenente Giuseppe Viviano è il nuovo comandante della Compagnia Carabinieri

"Madonna con Bambino appare a San Filippo Neri", il dipinto su tela torna a splendere

Storia e segreti di Palazzo Franciosoni nel volume "Anatomia di un palazzo"

E dico ancora di Bianca

"La Tregua di Natale. Lettere dal Fronte". Lettura ad alta voce in Biblioteca

Nuovo video di Francesco Barberini in Campania con la LIPU

Infiltrazione d'acqua a scuola, le precisazioni del Comune