sociale

Marchio "Umbria no slot" e numero verde. La Regione vara il piano operativo contro la ludopatia

martedì 20 ottobre 2015
Marchio "Umbria no slot" e numero verde. La Regione vara il piano operativo contro la ludopatia

“In Umbria è pronto ed ha già preso avvio concretamente il Piano operativo per la prevenzione, il contrasto e la cura della dipendenza del gioco di azzardo con cui vogliamo garantire punti di riferimento certi per quello che riguarda i servizi sociosanitari in grado di aiutare coloro che cadono nella trappola del gioco d’azzardo, sostenendo allo stesso tempo gli esercenti che decidono di togliere dalle proprie attività ‘slot machine’ o altri apparecchi per il gioco”.

È quanto afferma l’assessore regionale alla Coesione sociale e Welfare, Luca Barberini, che illustra strumenti e interventi con cui si dà “piena attuazione alla legge regionale in materia, la n.21 del 21 novembre 2014, che ha posto le premesse per la realizzazione di azioni finalizzate al contrasto e alla riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo patologico”. Si va dagli incentivi fiscali per gli esercenti di attività “no slot”, con la Regione “che sta lavorando affinché possano godere di una riduzione dell’Irap”, all’attivazione di un numero verde regionale, una campagna di comunicazione unitaria, la strutturazione di un sistema regionale di intervento sociosanitario, l’adeguata formazione di operatori e gestori dei locali.

“La ludopatia – rileva l’assessore - è ormai una patologia riconosciuta, studiata, con una profonda ricaduta negativa sulla vita di molte persone e delle loro famiglie. Riteniamo necessario operare affinché aumenti la percezione degli effetti devastanti che questa dipendenza strisciante purtroppo determina, a tutela specialmente delle fasce più vulnerabili, giovani e anziani in particolare”. “Prendiamo atto con soddisfazione – aggiunge - del buon lavoro compiuto dal gruppo di lavoro regionale che si è costituito nel maggio scorso per l’attuazione coordinata degli adempimenti indicati dalla legge regionale in materia di promozione, prevenzione, formazione, cura, contrasto e controllo. Ora si entra nella fase operativa, con strumenti che vanno a sommarsi alle significative limitazioni già contenute nella legge regionale circa la possibilità di insediamento di nuove sale giochi per rafforzare le ‘armi’ contro la ludopatia”. Entrando nel dettaglio delle azioni, l’assessore Barberini ricorda che “la legge regionale 21/2014 ha individuato nell’attivazione di un numero verde regionale uno strumento per favorire l’emersione della domanda di aiuto ed intercettare quindi i bisogni dei giocatori e dei loro familiari”.

“A fronte dei dati che indicano un forte incremento del gioco d’azzardo problematico in Umbria come in tutto il territorio nazionale – prosegue -, nonostante aumenti costantemente la quota di persone che si rivolgono ai servizi sociosanitari, si registra infatti ancora una domanda di aiuto fortemente sottodimensionata rispetto all’entità reale del problema”. L’attività del Numero verde regionale viene associata al Centro di riferimento regionale per il trattamento del gioco d’azzardo problematico, già attivato in via sperimentale presso la sede di Foligno del Dipartimento dipendenze dell’Azienda Usl Umbria 2 “poiché tale struttura è in grado di garantire la completezza e adeguatezza delle informazioni da fornire agli utenti del numero verde e di connettere efficacemente la fase di accoglienza della domanda con quella di presa in carico delle situazioni clinicamente significative”.

La realizzazione del numero verde è affidata al Centro di riferimento regionale per il gioco d’azzardo patologico, mentre le attività di coordinamento generale, di monitoraggio e di valutazione del progetto sono affidate al Servizio programmazione sociosanitaria dell’assistenza distrettuale e ospedaliera della Direzione salute e coesione sociale della Regione. Verrà realizzata una campagna di comunicazione unitaria, rivolta attraverso i canali tradizionali e i social media a tutti i cittadini umbri con particolare attenzione ai “target” più vulnerabili, mirata a sostenere gli obiettivi della legge regionale sia riguardo alle sue finalità generali, riferibili alla prevenzione, al contrasto e alla riduzione del rischio della dipendenza da gioco d’azzardo, sia riguardo ad azioni specifiche quali numero verde, marchio “No slot”, materiale informativo messo a disposizione dei gestori dei locali per l’esposizione obbligatoria prevista dalla legge.

Il primo atto sarà la creazione del marchio regionale “No slot”, la cui adozione “rientra – spiega Barberini - nelle finalità generali di prevenzione della dipendenza da gioco patologico e di promozione della consapevolezza dei rischi potenziali associati al gioco d’azzardo, ed è volta, in maniera specifica, a rendere visibili in modo immediato quegli esercizi che non utilizzano apparecchi per il gioco”.
Il marchio ha “valenza etica e testimonia l’adesione alla campagna di sensibilizzazione contro la diffusione del gioco con vincite in denaro, al fine di formare un circolo virtuoso tra i soggetti che vi aderiscono e di consentire ai cittadini di riconoscere e scegliere un esercizio libero da questi apparecchi, contribuendo così ad arginare la diffusione del gioco patologico”.

“Ottenere il marchio – sottolinea l’assessore - rappresenterà inoltre un titolo di preferenza per l’accesso a finanziamenti e benefici economici disposti dalla Regione”. “Fondamentale” anche la formazione. “La realizzazione di un corso di formazione sul tema del gioco d’azzardo patologico, rivolto agli operatori sanitari e sociali e al volontariato – ricorda l’assessore - è stata già inserita nel Piano stralcio della formazione affidata alla Scuola Umbra di Amministrazione Pubblica, da realizzare nel secondo semestre 2015. Il corso ha l’obiettivo di avviare la costituzione di un sistema regionale di intervento, basato sulla sinergia di servizi sanitari, servizi sociali e volontariato organico e coordinato”.

In questa direzione si è già lavorato: “La strutturazione di un sistema di intervento sociosanitario per la dipendenza da gioco d’azzardo – rende noto Barberini - è stata avviata attraverso l’attivazione, in via sperimentale, del Centro di riferimento regionale per il trattamento del gioco d’azzardo patologico a Foligno. In tutti i dipartimenti per le dipendenze delle Usl, inoltre, sono attivi programmi per la presa in carico dei giocatori patologici”.

Sono previsti innanzitutto un monitoraggio approfondito delle attività ed una valutazione dei risultati del Centro di riferimento regionale, acquisendo informazioni e dati sull’utenza accolta, i trattamenti attivati, il loro esito; si prevede inoltre una ricognizione della domanda che attualmente raggiunge i servizi sanitari, i servizi sociali dei Comuni ed i principali soggetti del volontariato e delle attività da loro svolte.  Verranno attivati gruppi di “auto mutuo aiuto”, cui fa esplicito riferimento la legge regionale in materia. Un’attenzione particolare viene riservata anche ai gestori e del personale dei locali da gioco “che possono concorrere, quando sensibilizzati in tal senso ed opportunamente formati, a supportare i giocatori nel contenere il rischio di evoluzione dal gioco con fini ricreativi e sociali, al gioco problematico e alla dipendenza”. Con questa finalità, la legge regionale ha stabilito l’obbligatorietà di una specifica formazione per i gestori ed il personale delle sale da gioco.

Fonte: Regione Umbria

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 aprile

"Alviano, un castello da favola" tra proposte didattiche ed animazioni in costume

Quale venticinque aprile?

Oltre 250 persone alla presentazione del libro "Erminia Frezzolini. La signora della lirica"

Otto nuovi campioni regionali al Trofeo Arcobaleno Fidal

Premio Letterario Città di Lugnano, ecco i nomi che compongono la giuria

Numero Umbria Sanità, per abbattere le barriere tra il sistema sanitario e i cittadini

Arte in movimento al Colle del Duomo, visite guidate a passo di danza

Marini scrive a Ruggiano: "25 aprile da celebrare tutti uniti"

Gli ex sindaci di Todi scrivono al loro successore: "Riveda la sua posizione"

"Manciano Street Music Festival", dal 7 al 10 giugno l'edizione 2018

Problemi sulla Direttissima, pendolari dirottati sulla linea Lenta

Il messaggio dell'Amministrazione Comunale: "Viva il 25 Aprile, viva la Libertà"

Protocollo tra Comune e Unipg per studiare le proprietà cosmetiche e salutari delle argille

La Vetrya Orvieto Basket si aggiudica Gara 1 di Semifinale

La Biblioteca fiorisce di iniziative per "Il Maggio dei Libri 2018"

Orvieto accoglie i partecipanti de "La Carrareccia Liberata"

Piazza del Popolo, Piazza Vivaria e Piazza Corsica, ecco cosa cambia

Anche ad Orvieto arriva la Carta d'Identità Elettronica

Messa in sicurezza del muro, divieto di sosta in Via Cesare Nebbia

Presentato "Metamorfosi 2. Riciclo Creativo", un sogno di carta che si fa solidale

Ballata alla maniera di Faber

Zambelli Orvieto, una debuttante che comincia a fare paura

Caccia in Umbria, ecco la proposta di Calendario Venatorio 2018/2019 preadottata

"Italia Nostra invita la Soprintendenza umbra a formulare un parere che salvaguardi Orvieto"

Seconda edizione per "Orvieto a tutta birra". In Piazza del Popolo, la Festa della Birra Artigianale

Torna "Il Cantamaggio" a Ciconia, ecco come cambia la viabilità

Modifiche alla viabilità, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Colpo di scena in Consiglio Comunale. Loriana Stella dimissionaria

Patto di amicizia fra Orvieto e Pesaro nel segno di Padre Gianfranco Maria Chiti

"Tentazioni", personale di pittura di Ioan Pascu al Centro Studi "Città di Orvieto"

Sei nuovi ingegneri "junior" dal Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto

"Voci del Sacro". Sabato 24 aprile a Guardea la "Passio secondum Joannem"

In difesa del Tribunale di Orvieto: interrogazione Belcapo in Consiglio. Barberani: "L'aria che tira non è incoraggiante"

Interrogazione Gialletti sulla disciplina transitoria riguardante gli allietamenti: "Tutti devono attenersi a delle regole". Il Sindaco: "a molti sfugge la distinzione tra allietamento ed intrattenimento"

"La scultura lignea in Italia, in Umbria e nella Diocesi". Sabato 24 aprile seminario a cura della associazione "Pietre Vive"

Episodi di vandalismo, a matrice politica e non, compiuti nel territorio comunale. Rosmini: "deplorevoli e frutto di stupidità"

Ancora su Commercio e Turismo. Chi discrimina chi?

Anas, i diserbanti utilizzati sulle strade di competenza non sono dannosi né per l'uomo né per l'ambiente

Effetto Stella: entra in Consiglio Cecilia Stopponi

Vicenda Grinta Srl. Tutto rimandato a fine maggio, l'azienda ha tempo un mese per trovare soluzioni concrete

"Dalla traccia alla prova. Il contributo dei RIS all'attività della Polizia Giudiziaria e della Magistratura": Fabro incontra i suoi illustri cittadini

L'Italia che non finisce di stupire. Assurda la proposta Fieg sulla tassa Internet per finanziare l'editoria

Guido Scorza: "L’idea è inaccettabile e giuridicamente illegittima. Nel Paese dei dinosauri paga sempre l'innovazione"

Il Gala perde e attende l'ultimo impegno. In arrivo il 1° Torneo Gala5

I legali degli indagati all'opera per il dissequestro: "in regola i permessi per costruire"

Lo stalking diventa reato autonomo. Non tutto è perfetto ma si esce finalmente dal silenzio

Viabilità, sicurezza e servizi all'area residenziale ed industriale di Bardano, respinta in Consiglio la mozione del Gruppo Misto

Corso di laurea in Ingegneria Informatica e delle Telecomunicazioni di Orvieto: laureati altri otto ingegneri "junior"

Istituite forme di previdenza e assistenza complementare per il personale della Polizia Municipale

Il Comune di Orvieto aderisce alla Carta Europea per l'uguaglianza e le parità fra donne e uomini nella vita locale

Paolo Trippini scelto per concorrere al premio "Miglior Chef del Centro Italia"

Vauro e la Rai, tra nuovi partigiani e vecchi regimi

Le cave si stanno mangiando il bel Paese. Un contributo alla Settimana della Cultura

1600 euro i fondi raccolti dai Giovani Democratici per l'Abruzzo

25 aprile: "E' una ricorrenza di tutti, festeggiamola insieme". Molte le iniziative a Orvieto e nel Comprensorio

A Castelviscardo incontro tra Fausto Ermini e Massimo Tiracorrendo

A San Venanzo intitolazione della Biblioteca Comunale a Stefano Millesimi. Mostra personale di pittura dell'artista

Passeggiata ecologica a San Venanzo

La Sapienza intitola a Sante De Sanctis l'aula magna delle facoltà di Psicologia

A Montegabbione incontro su "La battaglia dimenticata". Pomeriggio sportivo con la cronoscalata Faiolo-Montegabbione

Ad Orvieto in mostra le opere di Paolo Antonini

"Un Canto per la Vita". Al Palazzo dei Congressi la Corale Polifonica della Cattedrale di Orvieto

25-26 aprile sull'altopiano dell'Alfina manifestazione di aeromodellismo

Partito da Orvieto il VII Giro Podistico dell'Umbria sotto il maltempo