sociale

Adozione dei criteri di programmazione qualitativa per i pubblici esercizi

giovedì 23 luglio 2015
Adozione dei criteri di programmazione qualitativa per i pubblici esercizi

In esecuzione della delibera del Consiglio Comunale approvata all’unanimità il 10 giugno scorso, la Giunta ha stabilito di attuare le seguenti misure riguardanti la realizzazione di servizi igienici rispondenti all’abbattimento delle barriere architettoniche:

Nel Centro Storico di Orvieto vengono individuate e delimitate 4 zone caratterizzate dalla contiguità e immediata vicinanza rispetto alla posizione di servizi igienici pubblici accessibili alle persone diversamente abili. Tali che corrispondono ai quattro servizi igienici pubblici già esistenti e collocati nelle immediate vicinanze delle vie e piazze dove sono localizzati la maggioranza degli esercizi pubblici.

I titolari di esercizi pubblici di somministrazione che intendono avvalersi dei servizi igienici pubblici comunali, possono presentare la richiesta di convenzionamento con il Comune per l’utilizzo del servizio pubblico ricompreso nella zona del centro storico dove è localizzato il proprio esercizio;

Alla domanda dovrà essere allegata una relazione a firma di un tecnico abilitato iscritto all’Ordine, comprovante, attraverso descrizioni ed elaborati grafici, l’oggettiva impossibilità o comunque l’estrema difficoltà strutturale a realizzare i servizi igienici per disabili all’interno dell’esercizio, tale da compromettere la conformazione e la funzionalità dei locali che dovrà essere verificata dall’ufficio tecnico comunale;

La convenzione sarà stipulata secondo un apposito schema e avrà la durata di un anno rinnovabile con previsione di un contributo da versare in favore dell’ente dell’importo annuale di €. 2.400,00 (Euro 200,00 mensili).

In ogni caso, la possibilità di convenzionarsi con il Comune è subordinata alla valutazione, di volta in volta, delle preminenti esigenze d’interesse pubblico generale.

“Come è noto – dice il Sindaco, Giuseppe Germani - i criteri di programmazione qualitativa per i pubblici esercizi del centro storico sono stati recentemente integrati prevedendo che i servizi igienici per soggetti diversamente abili possono essere garantiti anche attraverso l’utilizzo dei servizi pubblici comunali contigui o posti nelle immediate vicinanze e privi di barriere architettoniche, previo convenzionamento con l’Ente stesso; inoltre, la Giunta Comunale si era impegnata ad individuare le zone di contiguità e immediata vicinanza tenendo in considerazione come punti di riferimento la posizione dei servizi igienici pubblici in maniera tale da non penalizzare gli esercenti e creando invece condizioni di equità e di rispondenza alle esigenze dei portatori di handicap. Con le nuove misure, nel contempo, vengono ampliate le possibilità di apertura di esercizi di somministrazione nel centro storico conformemente alle recenti modifiche normative e viene potenziata l’offerta dei servizi igienici pubblici comunali”.

Fonte: Comune di Orvieto

 

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 febbraio

In cammino con il CAI, costeggiando Allerona e i suoi verdi dintorni

Visite pastorali alle Vicarie della Diocesi di Orvieto-Todi. Si inizia da quella di San Giuseppe

La filosofia come scienza di vita al "Caffè Letterario" di Viterbo

Unitus, la ricerca di Agraria e Ingegneria ai vertici in Italia

Affarismi

Zambelli Orvieto dispiaciuta ma pronta a reagire, lo dice Giulia Kotlar

Lavori a Duesanti su strade ed aree pubbliche, in corso la bitumatura nel centro storico

Verso la riqualificazione dell'ospedale. I lavori inizieranno a marzo

Castello di Alviano aperto alle gite scolastiche da tutta Italia

Fiori, i candidi fiori

Unitus, Fondazione Carivit e Accademia dei Lincei insieme per una nuova didattica nella scuola

Beni culturali e sisma, la Regione promuove una mostra alla Rocca di Spoleto di opere recuperate e restaurate

Prorogata fino al 5 marzo la mostra delle Fiaccole Olimpiche

Seconda edizione per "Corri...Amo Orvieto", tappa del 13° Criterium Uisp Gare su Strada

Gori (Anci) replica alla CNA: "La fusione a freddo non funziona"

Per "Amateatro" al Cinema Teatro Amiata "Arriva l'ispettore"

Al Mancinelli "Caruso e altre storie italiane". Nel foyer incontro con il coreografo Mvula Sungani

Via il palo, dentro un milione di visitatori a Civita. Bigiotti: "Al lavoro per potenziare l'offerta turistica"

Convegno su "Aree Interne. Quali prospettive per lo sviluppo del territorio?"

Reduce dal palco di Sanremo, Elodie incontra il pubblico dell'Umbria

Anna Mazzamauro è "Divina". Doppio appuntamento e risate a non finire