sociale

"Focus on Pain". Specialisti in terapia del dolore, ortopedia e riabilitazione a convegno

mercoledì 27 maggio 2015
"Focus on Pain". Specialisti in terapia del dolore, ortopedia e riabilitazione a convegno

"Focus on Pain", è il titolo del congresso medico in programma venerdì 29 e sabato 30 maggio a Civita di Bagnoregio. Oltre che per la sua alta valenza scientifica, l’appuntamento si propone di rappresentare un’occasione di confronto tra specialisti in terapia del dolore, ortopedia e riabilitazione, sulla legge 38, soprattutto a proposito della prescrizione degli oppiacei e della condivisione delle esperienze nell'ambito del dolore neuropatico.

“In Italia la legge 38 del 2010 ha sancito per tutti il diritto a non soffrire, regolamentando e garantendo l’accesso alle cure palliative e alla terapia del dolore, nell’ambito dei livelli essenziali di assistenza. E’ questo un segno di civiltà, nel rispetto della dignità e dell’autonomia della persona” spiega il dott. Ivano Mattozzi, direttore scientifico del Congresso. Mattozzi, anestesista con incarico ad alta specializzazione per le Cure Palliative e le Terapie antalgiche per la Ausl di Viterbo, è stato coadiuvato nell’organizzazione dell’evento dai correlatori Massimo Di Carlo e Felice Occhigrossi, anche loro anestesisti e specialisti in terapia del dolore.

“Focus on Pain” è patrocinato dal Comune di Bagnoregio, che ha messo a disposizione del congresso la bellissima struttura di Palazzo Alemanni.
“Abbiamo ritenuto doveroso collaborare con gli organizzatori, non solo per il valore scientifico del congresso, ma anche perché crediamo che iniziative come queste contribuiscono a promuovere il nostro territorio, quanto mai bisognoso di attenzioni, soprattutto nell’ottica di uno sviluppo sostenibile e qualitativamente elevato” sottolinea il sindaco di Bagnoregio, Francesco Bigiotti.

Hanno collaborato all’organizzazione Paola D'Andrea e Barbara Visciola, di Grünenthal. La segreteria organizzativa è stata affidata a Valentina Borgese e Giuseppe Ardizzone, di Borgi Group.

 

Commenta su Facebook