sociale

Piano telematico, la Regione avvia lo studio di fattibilità per la dorsale Terni-Narni-Orvieto-Trasimeno e Valnerina

martedì 26 maggio 2015
Piano telematico, la Regione avvia lo studio di fattibilità per la dorsale Terni-Narni-Orvieto-Trasimeno e Valnerina

La Regione dell’Umbria avvierà una studio di fattibilità preliminare per individuare una soluzione che consenta la realizzazione della rete nella cosiddetta Dorsale Ovest dell’Umbria e cioè il percorso che interessa Terni, Narni, Orvieto, il territorio del Trasimeno e va a ricongiungersi con la rete di Perugia attraverso la Ferrovia Centrale Umbra.

Lo ha stabilito la Giunta regionale nella sua ultima seduta, approvando il Piano Telematico 2015. La presenza in tale area di numerose infrastrutture degli operatori privati (dorsali Nord-Sud del paese), nonché di diversi rilegamenti in fibra ottica in disponibilità pubblica (tratte Infratel), ha determinato la necessità di uno studio di fattibilità preliminare, finalizzato ad individuare il corretto mix tra le opzioni realizzative (costruzione ex-novo oppure concessione di infrastrutture esistenti) ed i tracciati di massima della rete.

Pertanto, al Servizio “Infrastrutture tecnologiche digitali”, che si avvarrà di CentralCom Spa, è stato conferito il mandato di avviare una specifica fase di consultazione degli operatori di telecomunicazione per reperire disponibilità di infrastrutture da ottenere in concessione. Successivamente, ed in funzione dei risultati della medesima consultazione, dovrà essere definito il tracciato di massima delle tratte integrative, con la indicazione dei relativi costi per dare attuazione e funzionalità all’intera dorsale.

Uno studio preliminare sarà anche avviato per il comprensorio della Valnerina. Questa dorsale consiste nel rilegamento in fibra ottica tra Spoleto (già raggiunto dalla realizzanda Dorsale Est) e Norcia ed include il rilegamento delle utenze pubbliche rilevanti in prossimità del tracciato. A differenza di quanto pubblicamente risaputo, in questo caso non si hanno notizie dell’esistenza di infrastrutture degli operatori privati e pertanto l’orientamento deve essere quello della realizzazione fisica di una nuova canalizzazione, ferma restando la possibilità che nella consultazione prevista per la Dorsale Ovest non sia agganciata anche una specifica richiesta per la tratta in questione. In ogni caso lo studio sarà esteso anche ai centri limitrofi alla dorsale facilmente raggiungibili, nei quali prevedere la possibilità di realizzazione di una rete cittadina.

Il Servizio “Infrastrutture tecnologiche digitali”, unitamente a CentralCom Spa, è stato incaricato di estendere lo studio anche ai centri limitrofi alla dorsale al fine di individuare le migliori strategie possibili per raggiungere le sedi della pubblica amministrazione collegabili nell’area territoriale interessata da questa dorsale. Le risorse necessarie a dare esecuzione a questa prima fase potranno essere reperite tra le somme presenti nel POR-FESR 2014-2020.

Fonte: Regione Umbria

Commenta su Facebook