sociale

L'associazione "Lea Pacini" raggiunge le 250 tessere. Ne servono almeno il doppio

mercoledì 25 giugno 2014
di Davide Pompei
L'associazione "Lea Pacini" raggiunge le 250 tessere. Ne servono almeno il doppio

Archiviata anche l'edizione giubilare del Corpus Domini, resta l'esigenza di dare continuità ai progetti. Il Corporale è stato riposto in Duomo, all'interno del tabernacolo dell'Orcagna, e i costumi dei cortei storici hanno fatto ritorno negli armadi. Una rappresentanza di questi uscirà, però, nuovamente nel pomeriggio di giovedì 14 agosto, in occasione della vigilia di Santa Maria Vergine Assunta in Cielo, patrona originaria del Comune. La formula sarà quella della sfilata a corredo della processione religiosa dalla chiesa di Sant'Andrea al Duomo, sul modello di quanto era già stato sperimentato qualche anno fa. Sui costumi che l'associazione “Lea Pacini” intende far sfilare vige ancora un certo riserbo. Molto dipenderà, infatti, anche dall'effettiva disponibilità dei figuranti ad esserci, a ridosso di Ferragosto.

Al di là delle disquisizioni storiche, degli accorgimenti organizzativi e delle idee emerse nel corso del convegno "Quale futuro per il corteo storico?", la priorità resta quella di dare linfa all'attività dell'associazione, costituitasi nel 1991, aderendo alla campagna di tesseramento promossa dal comitato di gestione. Ad oggi, sono già 250 le tessere sottoscritte. Di queste, 111 appartengono ai cosiddetti “soci interni”, ovvero i figuranti che animano le sfilate dei cortei cittadini da almeno sei anni in maniera continuativa. Sono, invece, 139 i nomi che popolano l'elenco dei “soci sostenitori”, esterni ma vicini alla vita dell'associazione. Di questi, la prima tessera appartiene a don Luca Conticelli, parroco della collegiata di Sant'Andrea ma scorrendo l'elenco non mancano i nomi di amministratori ed esponenti politici.

L'auspicio resta quello che l'intera città si mobiliti e partecipi con una cifra simbolica al mantenimento e potenziamento dell'associazione. I contributi finora versati hanno permesso di portare nelle casse oltre 5000 euro. L'obiettivo rimane, però, quello di arrivare almeno a 500 tessere e far fronte nell'immediato al costo annuale di chi si occupa della cura e della preparazione dei costumi. È possibile sottoscrivere la tessera al costo di 20 euro per soci e sostenitori presso l'esercizio “La Corte dei Miracoli” del decano Alberto Bellini, al civico 13 di piazza Ranieri. Oppure utilizzando il conto corrente dell'associazione presso gli sportelli della Cassa di Risparmio di Orvieto (Iban: IT13V0622025710000001138033).

Commenta su Facebook

Accadeva il 18 febbraio

Giulio Scarpati all'Unitre. Con Valeria Solarino al Mancinelli per "Una giornata particolare"

Cede una porzione di muro, tecnici della Provincia al lavoro sulla SP 31

Ultima settimana di scuola aperta all'Istituto Artistico, Classico e Professionale

Al Palazzo del Gusto, corso di qualificazione professionale per sommelier Ais

Final Four Under 18 Eccellenza, la finale sarà Ellera-Todi

Anteas e Gruppo Famiglie Parrocchia S.Anna promuovono l'incontro "Invecchiare bene"

Lancia una bottiglia contro il muro del commissariato, denunciato un 37enne

Anche il Comune di San Venanzo aderisce a "M'illumino di meno"

Visite guidate a "San Giovenale. La chiesa e il quartiere nell'Orvieto medioevale"

Provincia, la Rsu chiede certezza su servizi, personale e bilancio

Emanuele Carelli presenta la raccolta di poesie "Celeste come i cieli"

Ridistribuite le deleghe, fino a nuove determinazioni

Il Tar conferma l'aumento della litigiosità tra cittadino e pubblica amministrazione

Campo da calcio di Ciconia "in abbandono", la Uisp fornisce chiarimenti

Proposta di legge sull'ambiente, prosegue in tutta l'Umbria la raccolta firme

A "Cinema intorno al mondo", è la volta di "Lagos. Notes of a city"

Vinti: "Le dimissioni scoperchiano la pentola del conflitto interno al Pd"

Tecnici Enel al lavoro, traffico interrotto in Via Magalotti

Umbria e Orvieto protagoniste a Praga. Intensa l'attività per rafforzare relazioni e progetti

Comune spento per "M'illumino di meno". Gli interventi per razionalizzare i consumi energetici

Presentato in Regione il volume "Umbria, paesaggi in divenire 1954/2014"