sociale

Il progetto di digitalizzazione del laboratorio analisi dell'Usl 2

lunedì 16 dicembre 2013
di A.T.
Il progetto di digitalizzazione del laboratorio analisi dell'Usl 2

Innovazione tecnologica al servizio del cittadino. Attraverso la digitalizzazione del laboratorio unico interaziendale l'utente ha la possibilità di prenotare gli esami in farmacia e ritirare il referto on line da casa o presso tutti i punti Farmacup distribuiti capillarmente in tutto il territorio. Si completa così il percorso avviato con la definizione del Laboratorio unico interaziendale Asl - Azienda Ospedaliera di Terni, offrendo un servizio tecnologicamente all'avanguardia per ridurre i tempi di attesa ai punti prelievo, evitare di recarsi agli sportelli per ritirare il referto, creare un data base unico e un archivio storico comune.

Sono in rete, come un unico laboratorio, i servizi dell'Azienda Ospedaliera di Terni, di Foligno, Spoleto, Orvieto e Narni-Amelia. In queste settimane operatori ed esperti del Servizio Informatico sono al lavoro per innovare il sistema di gestione e sono già stati effettuati i corsi di formazione agli operatori delle farmacie private, che verranno riproposti periodicamente. L'installazione di un software unico, insieme all'allineamento perfetto delle configurazioni delle oltre 400 prestazioni erogate, potrebbe comportare, nei primissimi giorni, piccoli disagi ai cittadini che saranno puntualmente informati dal personale sanitario, dagli operatori degli Urp e dei punti informativi e attraverso una cartellonistica.

Lo start up del progetto è previsto per lunedì 16 dicembre con il distretto di Narni-Amelia prevedendo la definitiva messa a regime del sistema, in tutte le strutture sanitarie, nel corso delle prime settimane di gennaio. La digitalizzazione del laboratorio analisi è stata presentata oggi dal direttore generale dell'Azienda Usl Umbria 2 dr. Sandro Fratini, dal direttore sanitario dr. Imolo Fiaschini e dal direttore amministrativo dr. Roberto Americioni nel corso di una conferenza stampa svolta nella sede di viale Bramante.

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 gennaio