sociale

L'Ospedale di Orvieto presenta la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi

martedì 10 dicembre 2013
L'Ospedale di Orvieto presenta la riorganizzazione e il potenziamento dei servizi

E' stato presentato martedì 10 dicembre presso l'ospedale "Santa Maria della Stella" di Orvieto il progetto di riorganizzazione e potenziamento dei servizi che interessa il presidio orvietano, a partire dal nuovo blocco parto per le emergenze e una sala operatoria per il reparto di ostetricia. All'incontro erano presenti il sindaco di Orvieto Antonio Concina, il direttore generale dell'Usl Umbria2 Sandro Fratini, il presidente della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto Vincenzo Fumi, la presidente della Regione Umbria Catiuscia Marini e il vescovo della Diocesi di Orvieto-Todi monsignor Benedetto Tuzia.

"L'attenzione rivolta in questo primo anno all'ospedale di Orvieto e per il territorio - ha spiegato Fratini - deriva dalla necessità di stabilizzare il 5 polo ospedaliero dell'Umbria in quanto parte importante della rete dell'emergenza. La collocazione, la difficoltà dei percorsi verso altri presidi umbri, la vastità del territorio che comprende anche parte del Lazio e della Toscana sud, aree praticamente prive di strutture di livello adeguato, sono gli elementi di cui abbiamo tenuto conto nel progetto di riorganizzazione. Proprio per questo l'ospedale costituisce un nodo importante dell'emergenza regionale e deve funzionare in modalità standard sovrapponibile e integrato con gli altri presidi della rete dell'emergenza. E' ovvio che gli aggiustamenti organizzativi hanno richiesto e richiederanno interventi strutturali importanti. Da alcuni mesi è stato avviato un processo riorganizzativo di alcuni servizi e percorsi del presidio, e sono state avviate le procedure per un aggiornamento della dotazione tecnologica obsoleta anche con il contributo importante della Fondazione Cassa di Risparmio di Orvieto".

Gli aspetti fondamentali su cui l'Usl Umbria2 ha lavorato sono:

- la messa in sicurezza del presidio che è stata completata in tempo record, con il conseguente avvio del processo autorizzativo e accreditamento come gli altri ospedali nuovi dell'Umbria, si sta procedendo con il percorso della certificazione di 4 unità operative: Pediatria Ostetricia Ginecologia , Blocco operatorio, Chirurgia Generale, La messa in sicurezza ha previsto interventi importanti con spesa circa oltre 200 mila euro;

- l'attività chirurgica del presidio di Orvieto confrontata con le strutture similari evidenzia ancora margini importanti di crescita. "Attualmente - ha spiegato il direttore generale - si constata una migrazione importante di pazienti verso strutture private del Lazio e della Toscana per attività prevalentemente ortopedica riabilitativa. Il nuovo modello dell'ospedale di Orvieto permetterà di potenziare la capacità di risposta alle esigenze del territorio.  Il potenziamento dell'attività chirurgica passerà attraverso interventi strutturali del blocco operatorio, spostamento delle urgenze ostetriche, attivazione di una nuova sala per attività di chirurgia ambulatoriale. In questo modo le 4 sale del blocco operatorio potranno essere dedicate ad una attività programmata prevalentemente ortopedica e chirurgia generale con possibilità di inserimenti di chirurgia specialistica attualmente marginale quale Urologia-Otorino anche con l'integrazione con l'Università. I lavori fatti nel blocco operatorio tengono conto delle novità introdotte dalle linee guida nazionali, peraltro vincolanti, che prevedono la trasformazione delle attività chirurgiche che precedentemente richiedevano la degenza, in attività di tipo ambulatoriale senza ricovero. Questi processi richiedono organizzazioni snelle in spazi essenziali e il dirottamento degli stessi in sedi differenti dal blocco operatorio".

- il percorso avviato prevede anche interventi strutturali importanti che interessano in particolare il pronto soccorso come si evidenziano dalla planimetria. "Le novità che stiamo introducendo - ha aggiunto - interesseranno la modalità di affrontare le urgenze, ridisegnando il percorso del paziente attraverso triage, primo soccorso, letti tecnici di osservazione, medicina d'urgenza in un unicum sequenziale che garantirà maggiore appropriatezza e sicurezza dei pazienti".

- la gestione delle urgenze ostetriche, in particolare il cesareo. Per superare tale criticità è stata trasformata una sala travaglio in una sala operatoria a norma per il cesareo con cui ridisegnare il percorso nascita in assoluta sicurezza.

- è stata realizzata una nuova sala gessi collocata al piano terra  con facile accesso per l'utenza ed in prossimità della radiologia

E ancora:

Servizi territoriali

Area anziani e disabili adulti:

1) potenziamento ADI nel CS 2 (Fabro Scalo) con implementazione di una unità infermieristica e assegnazione di 1 ulteriore autovettura in modo da garantire l'uscita simultanea di 2 infermiere e coprire più efficacemente le esigenze di questo territorio
2) convenzione con struttura autorizzata dalla Regione dell'Umbria per un diurno per anziani con disturbi cognitivi (10 posti) nel comune di Orvieto. Un altro diurno per anziani, di prossima apertura, a gestione diretta, previsto nella nuova gara d'appalto per i servizi sociosanitari, nel comune di Ficulle ( 15 posti autorizzati). I due diurni permetteranno di dare risposte efficaci e razionali alla domanda di assistenza agli anziani, sempre più forte in questo territorio
3) sono state rinnovate le convenzioni con le RP per anziani esistenti nel distretto
4) è stato predisposto un progetto integrato con l'ospedale di Orvieto per le cure palliative e la terapia del dolore a domicilio, la cui operatività è stata ultimamente attivata grazie alla collaborazione degli anestesisti e degli oncologi dipendenti.
5) È stata assegnata un' ulteriore autovettura al CSM per implementare l'assistenza domiciliare ai pazienti psichiatrici

Specialistica ambulatoriale

1) Nell'area della odontoiatria e dell'ortodonzia è stato possibile realizzare un progetto di adeguamento della struttura ospite dell'ambulatorio odontoiatrico che ha permesso l' abbattimento delle barriere architettoniche e la garanzia dei LEA ai disabili adulti. Sono state inoltre concesse 8 ore settimanali in plus orario per l'ortodonzia, finalizzate all'abbattimento delle liste d'attesa per i LEA
2) nell'area materno infantile sono state autorizzate 24 ore settimanali di ginecologia ambulatoriale per garantire a pieno le attività del consultorio familiare.
3) nell'area della fisiatria e riabilitazione è stata garantita la sostituzione della maternità di una fisiatra e sono stati attivati 2 incarichi a tempo determinato di due terapisti della riabilitazione

Servizio Vaccinale
È stato centralizzato il servizio vaccinale presso la sede del Distretto di Orvieto

Integrazione sociosanitaria
È stato deliberato il piano operativo del PRINA per il 2013 in osservanza della DGR 21

L'intervento strutturale è andato di pari passo con l'adeguamento del personale sia medico che infermieristico. Nel 2013 sono stati assunte 41 persone (6 dirigenti medici e 9 operatori a tempo determinato e 11 dirigenti medici e 15 operatori non medici a tempo indeterminato).

"Ad un anno dal varo della riforma per la riorganizzazione del sistema sanitario regionale - ha aggiunto la presidente della Regione Catiuscia Marini - possiamo dire di aver fatto bene a fare quelle scelte, anticipando anche le linee guida che il Governo ha, successivamente, approvato per la sanità pubblica e la sua appropriatezza. Grazie a quella riforma ora l'Umbria può guardare al futuro della sanità con maggiore serenità, anche in virtù dell'essere stata riconosciuta la prima del gruppo delle tre regioni ‘benchmark' per la definizione dei costi standard".

"Obiettivo di quella riforma - ha aggiunto - non era certo quello di approvare delle semplici norme, bensì mettere in atto una radicale riorganizzazione dell'assetto istituzionale del nostra sistema sanitario, razionalizzare e riqualificare la spesa. Ciò al fine di rendere la sanità umbra sempre più efficiente sia dal punto di vista dei costi che, soprattutto, della qualità dei servizi. Insomma, migliorare il servizio sanitario conservandone e il suo carattere pubblico ed universalistico".

"Se oggi la nostra regione è la prima tra quelle ‘benchmark' per l'individuazione dei costi standard in tutto il Paese è perché è stato realizzato un lavoro di squadra che ha visto il contributo diretto di tutti gli attori, da quelli politici, al management amministrativo e sanitario, i medici ospedalieri e di base, tutto il personale sanitario e gli stessi cittadini. Di questo dobbiamo essere orgogliosi. Inoltre, questo risultato mette al riparo la nostra regione per ciò che riguarda il riparto del fondo sanitario nazionale che non potrà ridurre la quota spettante all'Umbria. Il nostro servizio sanitario risulta essere adempiente per la totalità dei livelli essenziali di assistenza. Questo significa che la qualità dei servizi sanitari garantiti ai nostri cittadini risponde ai criteri di appropriatezza".

Rispetto all'ospedale di Orvieto e agli interventi di riqualificazione e potenziamento dei servizi che sono stati realizzati la presidente ha rimarcato l'importanza del sito sanitario "che rientra nella rete dell'emergenza-urgenza del sistema ospedaliero regionale, al servizio, oltretutto, non solo del territorio di Orvieto, ma anche di significative zone delle regioni Lazio e Toscana". La presidente ha anche voluto ringraziare la locale Fondazione Cassa di Risparmio che ha contribuito per 300.000 euro a finanziare il potenziamento e l'acquisto di una più moderna strumentazione sanitaria per l'ospedale della città.

Commenta su Facebook

Accadeva il 25 marzo

Semaforo mobile blocca il traffico sul Ponte dell'adunata

Comprensorio e Intercomunale del Pd pronti per le Regionali, ampio consenso su Galanello

Coppia di Ficulle vittima della truffa della casa di legno, i carabinieri denunciano due messinesi

La Conferenza permanente delle Donne Democratiche di Orvieto elegge portavoce Alice Leonardi

Il clero della diocesi di Orvieto-Todi in ritiro spirituale a Spagliagrano

Zambelli Orvieto: sarà una Coppa Italia di grande attrattiva

Un logo per Civita di Bagnoregio. Via al concorso di idee per realizzarlo

Polemica rientrata, la sala piccoli interventi dell'ospedale è operativa

Le iniziative a cura del Centro di Documentazione Popolare di Orvieto

Il Lions Club vicino al Gruppo Fai di Orvieto per le Giornate di Primavera

Rupe di Sugano. Entro fine estate, via agli interventi di mitigazione del rischio idrogeologico

Nuova data per la tappa di Orvieto del tour "In strada con sicurezza"

Sacripanti (FdI-An): "Affidare quanto prima il Centro Congressi a soggetti esterni competenti"

Royale Confrerie Prestige des Sacres. Serata di beneficenza per sostenere la lotta contro il cancro

Sul palco di "Amateatro" è la volta di "Come d'Autunno"

La Farsiccia di Archeofood pronta a conquistare il San Giovanni di Orvieto

A Camorena le celebrazioni in ricordo del sacrificio dei Sette Martiri orvietani

"SNS Meeting" al Palazzo dei Congressi. Attività svolta e programmi di gestione e di sviluppo

Verso la candidatura del merletto italiano come patrimonio immateriale dell'Unesco

Cerimonia delle Candele e due nuovi ingressi per la Fidapa di Orvieto

Centrale a biomasse. Ancora un contributo per capire meglio

Perché aderire all’associazione Libera. Anche in Umbria occorre impegnarsi contro le mafie

Buoni frutti dall'impegno politico di Emily Umbria: molte le socie elette. Nell'immediato un'iniziativa politica il 7 aprile e la piena attuazione sul lavoro dei diritti per le pari opportunità

Settimana della Cultura: '...che il buon Dio ci faccia ritornare a casa sani e salvi e vincitori'. Lettere e cartoline di soldati della I guerra mondiale. All'Archivio di stato di Orvieto fino al 30 aprile

Settimana della Cultura: 25-31 marzo 2008. Domenica 30 Marzo visite guidate presso i tre Antiquarium Comunali di Baschi, Lugnano in Teverina e Tenaglie

Un voto a sinistra per una scelta di parte. Mercoledì 26 marzo incontro-dibattito con il candidato al Senato Giuseppe Ricci: ore 21 a Palazzo dei Sette

La valorizzazione della Tuscia passa per il Casello autostradale Nord. Soddisfazione di Assocommercio per il comune impegno dei Comitati dell'aeroporto di Viterbo e del Casello Nord

La Nuova Biblioteca Luigi Fumi si arricchisce della donazione Giuseppe Gadda Conti

Il Dottor Terrezza confermato direttore sanitario alla Divina Provvidenza di Ficulle. 600 firme a suo sostegno

Protestano i lavoratori dell'autogrill di Fabro chiuso per inagibilità. Summit in Prefettura per trovare una celere soluzione

Confagricoltura Orvieto chiede coinvolgimento e trasparenza sulla centrale a biomassa

Giovedì 27 marzo a Orvieto incontro alle 21 con Giampiero Bocci e Carlo Emanuele Trappolino. Altri incontri a Viceno, Castelgiorgio, Porano