sociale

Lettera aperta ai cacciatori e ai presidenti delle associazioni venatiche

domenica 18 agosto 2013
di Sergio Gunnella, presidenza 'Circolo cacciatori EPS della provincia di Terni'

Ill. mo cacciatore ternano - Sig. Tal dei Tali - sua sede -
Ill. mo Presidente Nazionale A.N.L.C. - Paolo Sparvoli
Ill. mo Presidente Nazionale A.N.U.U. - Marco Castellani
Ill. mo Presidente Nazionale ARCICACCIA - Osvaldo Veneziano
Ill. mo Presidente Nazionale ENALCACCIA - Lamberto Cardia
Ill. mo Presidente Nazionale F.I.d.C. - Gian Luca Dall' Olio
Ill. mo Presidente Nazionale ITALCACCIA - Mario Gargano
Ill. mo Presidente Nazionale A.N.C.I. - Piero Fassino
Ill. mo Presidente nazionale FEDERAZIONE NAZ. PRO NATURA - Mauro Furlani
Ill. mo Presidente Nazionale WWF Italia - Dante Caserta
Ill. mo Presidente Nazionale CONFAGRICOLTURA - Mario Guidi
e P.C.C.
Ill. mo Presidente Nazionale E.P.S. - Martin Ganner
Ill. mo Presidente Nazionale C.P.A. Sport - Alessandro Fiumani
- loro sedi -

LETTERA APERTA
Orvieto, 10 agosto 2013

Caro Cacciatore ternano. Cari Presidenti Nazionali;
la presunzione di rappresentare ancora qualcosa in questo nostro mondo popolato da elfi e da fauni, mi sprona a scrivere queste due paginette liberatorie. Aperte e conciliative. Non è certamente l'odore della prossima apertura, né quello di ritornare ancora una volta, tutti insieme, lassù sui monti o nel cuore delle nostre campagne in cerca di fortuna, che mi suggerisce di formularvi le domande seguenti; il mio intendimento - semmai - è quello di conoscere il vostro parere su avvenimenti che coinvolgono tutti noi in provincia di Terni, direttamente o indirettamente, e non certo per carpire i vostri consensi, né tantomeno la vostra complicità associativa.

La politica strappatessere attuata per anni da tutte le organizzazioni di categoria, pur se legittima, appare ormai superata dagli eventi; il numero degli appassionati non segue il ricambio generazionale voluto dalla storia, le compagnie assicurative che 'prendono per mano' i cacciatori sono rimaste pochissime e l' unità associativa ostentata da tutti non si è ancor realizzata; e forse mai si realizzerà, stanti le ragioni oggettive che tutti conosciamo.

Ma veniamo al nocciolo di questa ‘LETTERA APERTA' o, se preferite, di questo 'APPELLO AL CONFRONTO'. Il mio 'J' accuse' poggia le sue basi, non tanto sulle diverse sensibilità associative che caratterizzano giocoforza ciascuna delle componenti sindacali coinvolte nella gestione della caccia, ma ne calca piuttosto i contenuti essenziali, in mancanza dei quali, ogni sforzo di miglioramento sociale ed interassociativo appare del tutto obsoleto.
Il debutto - per la prima volta in provincia di Terni - dell' Ente Produttori Selvaggina (E.P.S.), settima associazione venatica elencata dalla riforma 157/92 fra quelle riconosciute, ha scombussolato equilibri che, in campo faunistico e in quello del prelievo, apparivano ai più ormai consolidati. L' avvento del nostro 'Circolo cacciatori' ha, per così dire, messo a nudo, non solamente complicità nascoste, ma anche metamorfosi elitarie che, man mano che passava il tempo, hanno finito col favorire solamente i più forti, politicamente parlando, e non certo i cacciatori. Se il
mio 'Circolo E.P.S.' fosse seduto al tavolo della gestione ternana, chiederebbe certamente ai personaggi a voi tutti noti: come avete fatto a stare in ATC tutti questi anni senza aver mai visionato la 'Carta delle vocazioni faunistiche', senza aver mai aggiornato il 'Catasto ambientale', senza aver mai neppure sfogliato il libercolo edito dall' ISPRA contenente i 'Criteri di Omogeneità e Congruenza'? Perché nessuno di voi si è mai accorto che a Terni c' è un 'Piano Faunistico Venatorio' ormai scaduto da tempo, ergo, a rischio di chiusura dello sforzo di caccia? Perché continuate a ostinarvi a far produrre 24 Z.R.C., ecologicamente sottodimensionate, il 50% delle quali non supera i 300 ettari di estensione, piene di gabbie e recinti? Perché dopo aver approvato - tutti, meno uno! - il raddoppio secco della quota d' iscrizione all' Ambito, non vi siete poi preoccupati di dire alla gente che il catturato derivante dalle Z.R.C. da voi stessi gestite, è pari allo zero? Per contro, la quantità dei Fagiani, delle Starne e delle Lepri pagate al Centro di riproduzione di SanVito che, non a caso, è di proprietà della regione Umbria è sempre enorme. Come dire: 'dal
produttore al consumatore'. Il bilancio dell' ATC Ternano/Orvietano dove operate, cari gestori noti a tutti, è ripetutamente in rosso, ma voi continuate ad approvarlo. Vogliamo parlare del volontariato (a costo zero) che potrebbe sortire dai c.a. 11mila cacciatori locali? Perché continuate ad accettare, invece, di riservarlo a pochi 'scelti' per poi surrogarlo a una sedicente associazione 'no profit' che costa al vostro (NOSTRO) ATC decine e decine di migliaia di € ogni anno? Tutti voi sapete, cari rappresentanti blasonati, che alla presidenza di questa ‘no profit' siede un autorevole componente istituzionale, associativo e appartenente perfino all' Ufficio di presidenza del vs/ stesso Ambito, ma nessuno di voi ne contesta la stranezza... Potrei continuare ancora, ma finirei col trascinare l' intera compagine in un improbabile 'Affaire Dreyfus'. Mi fermo per mera decenza.

Caro Cacciatore ternano, ma specialmente voi, Cari Presidenti nazionali, ascoltatemi bene.
Adesso fatemi parlare delle 'IMMISSIONI DI SELVAGGINA A SCOPO DI RIPOPOLAMENTO TERNANE', vi prego. Nel ns/ Paese, pur se discutibili, i cosiddetti 'RIPOPOLAMENTI A SCOPO VENATORIO' sono ormai di uso comune, con massimo gaudio degli allevatori e di tutti coloro che ne traggono profitto, direttamente o indirettamente. Orbene, se è vero che i cacciatori veri lottano da anni affinché la produzione di fauna selvatica ecologicamente equilibrata possa sostituirsi a quella sfornata dai surrogati provenienti dai gabbiaroli & C., occorrerà - prima o poi - dare un segnale. Diventa tuttavia una pratica intollerabile, quando questa persiste nel tempo e a svolgerla sono sempre i soliti apprendisti stregoni di disneyana memoria. Questi ultimi, scelti dal palazzo col metro becero della politica, molto spesso toppano sui metodi, e perfino sui tempi che risultano contrari ai dettami suggeriti da madre natura in anni e anni di evoluzione. E' aberrante dover constatare come ogni anno, a cura dell' ATC n° 3 (che delega il lavoro alla sedicente 'organizzazione culturale no profit' testé menzionata e a pochi intimi) siano liberati in natura centinaia di capi di selvaggina (Lepri, Starne e Fagiani), immaturi, molto spesso dello stesso sesso, e quindi privi di ogni requisito indispensabile alla propria riproduzione. Questa 'carne da macello', non solo viene trattenuta oltre i tempi consentiti dal buon senso in gabbie di pochi metri, ma viene addirittura concentrata in siti bazzicati dagli stessi 'prescelti' e dai loro compagni di merenda! Tutto ciò avviene impunemente ogni anno in pieno mese di agosto, a poche ore dall'inizio dell' allenamento dei cani da caccia, con temperature proibitive e con una siccità ambientale che stroncherà loro - già sul nascere - ogni tentativo di sopravvivenza. Tutto ciò deve finire! La fauna selvatica, pur se d' allevamento, merita rispetto! Ma la vera vergogna è che, né l'amministrazione provinciale, né le organizzazioni di categoria blasonate locali e neppure i cacciatori spiccioli, ormai rassegnati al 'sempre peggio', si oppongano a questa barbarie.

Caro cacciatore ternano, Cari Presidenti nazionali, a nome degli iscritti al mio 'Circolo cacciatori E.P.S.' che non ha mai fatto parte della gestione faunistica di questa provincia, chiedo un vostro parere in proposito. Conoscendo i criteri espressi dai vostri statuti associativi, mi rifiuto di pensare che siate d' accordo su quanto sopra esposto. Tuttavia, come dire? se prima non lo sapevate, adesso lo sapete. Questo è il significato che gli pseudo/gestori della caccia ternana - nel silenzio assordante delle istituzioni preposte - stanno dando ogni anno al sostantivo 'RIPOPOLAMENTO'.
Rimango in attesa di vostre osservazioni, meglio se suffragato da incontri personali.
Col piacere di stringervi presto la mano, invio a tutti i miei fraterni saluti.

Dott. Sergio Gunnella, presidenza 'Circolo cacciatori EPS della provincia di Terni'


Questa notizia è correlata a:

Tempo di caccia. Il canto del coccodrillo

Commenta su Facebook

Accadeva il 22 aprile

Allarme sicurezza, sale in ospedale per una visita e le rubano l'auto

#OrvietoSocialTour. Occhi da top Instagramers per raccontare la grande bellezza

Luci basse per l'Earth Day. Al Colle del Duomo, di notte l'arte si racconta

Il nuovo tour dei Brahmanelporto parte dalla Germania

Modifiche temporanee alla circolazione stradale, il mercato trasloca in Piazza Cahen

Consenso al Pd su sostegno alle frazioni e gestione diretta dei servizi turistici e culturali

Orvieto dice addio ad Enrico Medioli

Festa della Liberazione, le iniziative a Todi per il 25 Aprile

Il Comune di Parrano per la libertà di Gabriele Del Grande

Al via "Il Maggio dei Libri". In Umbria una settantina di iniziative e la presentazione di kit-lettura per bambini

Usl Umbria 2: "Altre cinque strutture hanno superato le verifiche per l'accreditamento"

A scuola di sicurezza, con la Polstrada. Via a un nuovo ciclo di incontri di educazione stradale

In Duomo l'ultimo saluto. Germani: "La città lo ricorderà"

Geotermia. Nogesi: "Assalto alla diligenza con la complicità del postiglione"

Inaugurato il Centro di ricerca e documentazione sulla disabilità

"Aspettando i Pugnaloni 2017", presentazione dei bozzetti al Teatro Boni

Da Bardano al resto dell'Umbria, l'abbassamento delle temperature compromette la produzione agricola

Consap chiede l'istituzione di un presidio di polizia in ospedale

Orvieto4Ever 2017. È "Victory", il tema del concerto-evento con Andrea Bocelli

Pd, macchina organizzativa al lavoro in vista delle primarie

TeMa, lettera aperta di Calcagni al sindaco Germani

Madonna del Fossatello in festa per la 277esima ricorrenza

Buon lavoro al Laboratorio per la Biennale dello Spazio Pubblico

Dramma sulle strade orvietane, muore quarantenne in moto

Escursione guidata alla scoperta delle antiche miniere e fornaci di Vetriolo

Voleva gettarsi dall'Albornoz. Ragazzo orvietano salvato da agente di Polizia

Lotta all'abusivismo. I tassisti orvietani non ci stanno e alzano la voce

Furto nella notte in un'abitazione a Pianlungo. Oro e contanti nel bottino dei malviventi

Servizi migliori a costi più bassi. Avviato dal SII il monitoraggio dei contatori abusivi

Fabro. Dal 23 aprile al 22 maggio "Il Mito di Garibaldi". Mostra storica al Castello di Carnaiola

Svolgimento della "Via Crucis" nel Centro Storico e ad Orvieto Scalo. Indicazioni per la circolazione

La Giunta regionale approva il regolamento per contributi all'attività e all'impiantistica sportiva

Calandrino, Buffalmacco e la giostra del Presidente

Allerona. Mostra fotografica di Ellen Emerson dedicata alla magia dell'albero: 23 aprile - 8 maggio

L'Assessore al Turismo e Commercio Marco Sciarra interviene sulla questione "tassisti abusivi"

Confagricoltura Umbria in prima linea per la sicurezza in agricoltura. A breve l'avvio di nuovi corsi di formazione

Ultime partenze. Si conclude la gestione dei migranti tunisini al centro Caritas di Orvieto

Operazione "Pasqua sicura". Carabinieri in azione, due arresti per tentato furto

Continua la Conferenza programmatica del PD Orvieto. Prossime tappe centrate sull'ascolto dei cittadini

E' ancora possibile studiare e lavorare in democrazia?

Premiate le migliori pizze di Pasqua dell'Orvietano al Palazzo del Gusto

Il PdCI Orvieto su una battuta "infelice" di Fabio Fazio: "Il PdCI e Rifondazione comunista esistono ma Fazio non lo sa perché guarda troppa tv"

"Il Mosaico Risorto. Inediti di Cesare Nebbia tra restauro e valorizzazione". Spazio espositivo a Palazzo Coelli fino al 23 maggio

"Le vie della tessitura" a Palazzo dei Sette. Mostra di artigianato ed arte tessile

Settimana della Cultura. Il Duomo di Orvieto oggetto di una visita organizzata dal Comune di Castel Viscardo

Cordoglio per la scomparsa del collega Marcello Martinelli

Protezione Civile. Sabato 24 aprile ad Orvieto assemblea regionale del Volontariato

Local on line, la forza dell'informazione dal territorio. Al Festival del Giornalismo in corso a Perugia il punto su ruolo, problemi e prospettive delle news locali

Elogio dell'erba verde

Diserbo a raffica? No grazie!

"Non numeri ma persone". Mostra fotografica alla Chiesa di San Rocco

Verso OrvietoComics #2. Una locandina che farà storia

"Abruzzo un anno dopo" mostra fotografica della Protezione Civile di Orvieto

Avviato l'iter partecipativo per definire il Quadro Strategico di Valorizzazione del centro storico

"Il Ruggito dell'Eccellenza Italiana". Alla Tenuta Vitalonga festa in campagna in compagnia delle rosse di Maranello

Porano apre il progetto "Strade Sicure" nei piccoli Comuni della provincia di Terni. Intervista al presidente ACI Bartolini e al vice sindaco Conticelli

Venerdì a San Venanzo "La foresta incantata", spettacolo teatrale di Solidarietà

L'assessore Sciarra: "La legge 12 non prevede l'esclusiva alla partecipazione delle associazioni di categoria". Intanto il coordinamento dei commercianti convoca un'importante assemblea per il prossimo lunedì