sociale

Centro studi al capolinea? La voce dei sindacati. Dipendenti in stato di mobilitazione

venerdì 21 giugno 2013
Centro studi al capolinea? La voce dei sindacati. Dipendenti in stato di mobilitazione

Riceviamo e pubblichiamo una nota a firma Maria Rita Paggio (Cgil) e Raffaello Trentini (Cisl) relativa al futuro del "Centro Studi Città di Orvieto", che sposta l'attenzione sulle condizioni dei lavoratori.

"Era la fine di giugno del 2012 quando le organizzazioni sindacali CGIL e CISL avevano registrato positivamente che dall'incontro tenutosi in Comune con il Sindaco, altri autorevoli esponenti dell'Amministrazione cittadina ed il Presidente del CSCO era emersa la volontà condivisa di dare continuità all'esperienza del Centro Studi Città di Orvieto.
Ad un anno esatto di distanza, nonostante gli impegni allora assunti e da allora più volte ribaditi pubblicamente dal CdA CSCO e dall'Amministrazione Comunale e le tremila firme raccolte contro la chiusura, gli stessi Sindacati apprendono dai lavoratori dell'ente culturale e formativo istituito nel 2000 dal Comune di Orvieto che il Presidente dello stesso, Prof. Roberto Pasca di Magliano, ha comunicato loro che, nella seduta "di ordinaria amministrazione" dello scorso 18 giugno, il CdA (per la cronaca, scaduto nel novembre 2012, sette mesi fa!) ha deciso di chiudere le attività del Centro Studi a partire dal prossimo 1 luglio. Ne consegue che ai lavoratori dipendenti saranno recapitate nei prossimi giorni le lettere di licenziamento.
La situazione si profila grave, tale da compromettere in modo irreparabile il futuro di un'istituzione culturale e formativa che, in tredici anni d'intensa attività, ha dato molto a questa Città e che molto potrebbe continuare ad offrire per lo sviluppo dell'Orvietano.
Ai Sindacati spetta il compito di tutelare i legittimi interessi dei lavoratori e, nel contempo, concorrere a salvaguardare i presìdi fondamentali dello sviluppo economico e sociale del territorio. Tra questi presìdi, un ruolo determinante è giocato proprio da quella formazione di elevato livello, rivolta ad un'utenza internazionale, che è stata e, a nostro avviso, dovrà continuare ad essere la "missione d'istituto" del Centro Studi.
Consapevoli di tutto ciò, CGIL e CISL tornano a rappresentare al Comune di Orvieto, alle altre Istituzioni cittadine, provinciali e regionali, alle forze politiche, alle organizzazioni imprenditoriali, agli operatori economici, alle associazioni ed all'intera opinione pubblica, le preoccupazioni più volte espresse in merito alla situazione attuale ed alle quantomai incerte prospettive per il futuro dell'istituzione formativa cittadina.
Di fronte ad una prospettiva di imminente chiusura delle attività e di licenziamento del Personale, le Organizzazioni Sindacali chiedono pertanto all'Amministrazione Comunale (il Comune è, infatti, l'unico socio fondatore superstite, dopo l'uscita della Fondazione C.R.O. dalla compagine del CSCO) d'intervenire con la massima urgenza sul Presidente ed il Consiglio di Amministrazione della Fondazione CSCO affinché receda dall'improvvida decisione assunta in una seduta probabilmente viziata da elementi d' "illegittimità" in quanto tenuta da un Consiglio "in prorogatio" (da sette mesi!) e, quindi, in carica soltanto per il disbrigo di pratiche di ordinaria amministrazione. CGIL e CISL si chiedono e chiedono al Comune: rientrano nell'ordinaria amministrazione la chiusura delle attività ed il licenziamento dei dipendenti? A nostro avviso no!!
Oltre a precise assicurazioni in ordine al mantenimento dei livelli occupazionali quale premessa per ogni ipotesi di rilancio, chiedono al Sindaco ed all'Amministrazione Comunale di definire al più presto un accordo transattivo con la Cooperativa "Carli" e di assumere chiari orientamenti riguardo al destino della Fondazione Centro Studi Città di Orvieto. L'alternativa che si profila è quella tra la continuità dell'attuale struttura - che potrebbe garantire la prosecuzione dei rapporti di lavoro in essere, anche continuando a fare ricorso agli ammortizzatori sociali - e la sua chiusura. È indispensabile un progetto chiaro e credibile che individui fin d'ora le risorse ed i tempi per il rilancio dell'agenzia cittadina preposta all'alta formazione. In assenza di un progetto chiaro, definito, condiviso e sostenibile, i soggetti che attualmente mantengono rapporti di collaborazione consolidatisi negli anni con il Centro Studi (università ed istituti culturali e di ricerca nazionali ed internazionali, ecc.) tenderanno inevitabilmente a rivolgersi altrove, vanificando così il patrimonio di professionalità e di relazioni intessute a livello nazionale ed internazionale nel corso di dodici anni di attività e compromettendo di fatto ogni possibilità concreta di mantenere una prospettiva occupazionale per i lavoratori.
CGIL e CISL intendono continuare ad operare attivamente perché il C.d.A. del Centro Studi "Città di Orvieto" ed il Comune riprendano con determinazione la via del rilancio del Centro Studi che sola potrebbe garantire il mantenimento dei livelli occupazionali e dei rapporti di collaborazione con università ed enti formativi e di ricerca. Al fine di ottenere risposte chiare in tempi rapidi, confermano il proseguimento dello stato di mobilitazione ed agitazione del personale".

Commenta su Facebook

Accadeva il 17 luglio

Tre torchi per l'arte. Calcografia, xilografia e litografia nell'ex chiesa di Sant'Anna

"Voyager. Ai confini della conoscenza" torna in Umbria. Ecco dove

Aspettando "Uff", a Castel Viscardo l'energia di Eusebio Martinelli Gipsy Orkestar

Nasce il comitato Caprarola-Carbognano per la difesa del territorio, dell'ambiente e della salute

Settimane della Cultura, una terza edizione piena di eventi

Servizio telefonico interrotto per alcune utenze di Canale Nuovo. "Scandaloso e incredibile"

Ancora fuoco tra Umbria, Toscana e Lazio dove è stato chiesto lo stato di emergenza

Due anni per un'ecografia cardiaca. PCI: "Il sindaco si muova in difesa della sanità"

Edilizia scolastica, nel prossimo triennio lavori di adeguamento in oltre duecento scuole

Incontro su "Infrastrutture e trasporti: l'Umbria, il piano industriale FS, la viabilità stradale"

La presidente della Regione incontra il nuovo questore di Terni

"Occhi allo Specchio". Descrizioni dal vero Orvieto-Montecchio - 5

Incendi nelle aree naturalistiche, FAI e CAI si rivolgono al Ministro Galletti

Costituito il Comitato per la Campagna "Ero Straniero. L'Umanità che fa bene"

Il Corsica si aggiudica il Torneo dei Quartieri

Beni culturali, parte il primo programma post-sisma per 20 milioni di euro

Cestistica Azzurra Orvieto conferma Margherita Monaco

I licaoni di Cristo

In Duomo l'ultimo saluto a Giuseppina Mattia

Contributi a tanti eventi, spicci (non ancora erogati) all'associazione "Lea Pacini"

Il Pullman Azzurro della Polizia fa tappa a Villa Paolina per parlare di sicurezza stradale

Riunito il "Tavolo Verde", proposte per froteggiare i maggiori fabbisogni legati alla siccità

Per "MuseiOn" all'Anfiteatro Pistonami, concerto-spettacolo "Confesso che ho vissuto"

A Pietro Belli il diploma di onorificenza come Cavaliere

L'Odissea di Blas Roca Rey chiude la rassegna "Teatri di Pietra"

"Completare il rifacimento delle strade è un obbligo"

Ginevra di Marco alla terza edizione di "Francigena Folk Festival"

Dopo anni, la nuove legge sulla rigenerazione urbana della Regione Lazio

S'infiamma il mercato dell'Orvietana. Locchi primo colpo

Meteo

mercoledì 07 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 9.1ºC 94% discreta direzione vento
15:00 8.8ºC 90% discreta direzione vento
21:00 4.4ºC 97% buona direzione vento
giovedì 08 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 8.6ºC 87% buona direzione vento
15:00 12.6ºC 55% buona direzione vento
21:00 7.5ºC 84% buona direzione vento
venerdì 09 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.7ºC 81% buona direzione vento
15:00 12.8ºC 69% buona direzione vento
21:00 6.6ºC 97% buona direzione vento
sabato 10 marzo
Ora Prev. Temp.Um % Vis. Vento
09:00 10.5ºC 92% buona direzione vento
15:00 11.6ºC 94% buona direzione vento
21:00 10.0ºC 98% foschia direzione vento

Previsioni complete per 7 giorni