sociale

Ficulle. Prosegue il "botta e risposta" tra l'amministrazione e la Casa della Divina Provvidenza. Ulteriori precisazioni da parte di quest'ultima

martedì 19 febbraio 2013

Riceviamo dal Consiglio Direttivo della Casa della Divina Provvidenza per il Riposo della Vecchiaia di Ficulle - e di seguito pubblichiamo - la seguente risposta alla lettera scritta dal gruppo di maggioranza del Consiglio comunale di Ficulle. Nel pubblicare per par condicio l'intera risposta, sottolineiamo tuttavia che la questione sta assumendo, da entrambe le parti, più l'aspetto di uno scambio di corrispondenza, peraltro di difficile comprensione per i più, che quello di una serie di notizie di generale interesse. Invitiamo pertanto entrambe le parti interessate a considerare la possibilità che la diatriba possa cessare di ricoprire, almeno in queste forme, interesse giornalistico (ndd).
__________________________________

"Con la presente, il Consiglio Direttivo della Casa della Divina Provvidenza per il Riposo della Vecchiaia, intende riscontrare la lettera scritta dal gruppo di maggioranza del Consiglio del Comune di Ficulle, pubblicata anche sul sito www.orvietonews.it, onde evidenziare quanto segue.

La suddetta lettera, si legge esser stata dettata dall'esigenza dei membri del gruppo di maggioranza di esprimere la propria solidarietà nei confronti del Sindaco del Comune di Ficulle, alla luce della precedente nota scritta dalle dipendenti della Casa della Divina Provvidenza, nota che pare esser stata interpretata come una critica all'operato del Sindaco, quando invece pare di poter legittimamente dire che la stessa lasciasse chiaramente trasparire solamente il rammarico delle dipendenti dell'Istituto per la situazione venutasi a creare tra le Istituzioni cittadine e gli amministratori della struttura, situazione conflittuale che frustrando l'impegno e la professionalità sempre mostrati dalle dipendenti nell'espletamento delle loro mansioni, dà risalto e pubblicità alla Casa della Divina Provvidenza solo per le controversie in essere, e non per l'efficienza e la bontà dei servizi offerti dall'Istituto, sempre per fortuna comunque riconosciuti sia dagli stessi ospiti che dai loro familiari, oltre che dagli organi e dalle istituzioni a ciò preposte.

Nella sopracitata nota delle dipendenti della Casa della Divina Provvidenza, non pare pertanto di scorgere alcun "attacco sistematico" o "accuse non veritiere" all'operato del Sindaco del Comune di Ficulle, come invece vorrebbe far intendere il gruppo di maggioranza, ed allora, l'esigenza da quest'ultimo rappresentata di mostrare il proprio sostegno all'operato del Sindaco, onde fugare ogni dubbio sul fatto che la condotta dallo stesso tenuta non sia dettata da alcun interesse personale, pur politicamente comprensibile, appare in concerto priva di causa.

Fermo restando quanto sopra, venendo al merito della lettera scritta dal gruppo di maggioranza del Consiglio del Comune di Ficulle, si rendono doverose alcune precisazioni.

Il gruppo di maggioranza, dopo aver evidenziato che non sussiste alcuna contrapposizione tra gli amministratori della Casa della Divina Provvidenza ed il Sindaco di Ficulle, evidenzia poi quei fatti che dovrebbero essere intesi quali "causa" dei contenziosi instaurati tra il Comune e l'Istituto, ovvero sia la modifica dello statuto della Casa della Divina Provvidenza, nella parte in cui nel 2009 era stato deliberato il venir meno in capo al Sindaco dello status di membro di diritto del Consiglio Direttivo dell'Istituto.
A tal fine, si deve precisare che al contrario di quanto sostenuto dal gruppo di maggioranza, detta modifica statutaria non è stata deliberata con un "atto unilaterale" degli amministratori dell'Istituto, ma è stata al contrario votata e decisa democraticamente dall'assemblea dei soci della Casa della Divina Provvidenza.
Con detta modifica statutaria, non si è certamente voluto escludere il Comune dalla partecipazione alla vita dell'Istituto, giacché era comunque previsto che il predetto Ente avrebbe sempre mantenuto il diritto alla presenza di un proprio rappresentante all'interno del Consiglio Direttivo, nel rispetto di quella che era l'originaria volontà del fondatore dell'Istituto.

In relazione a quanto sopra, va poi chiarito che le pronunce richiamate dal gruppo di maggioranza nella propria lettera, di cui l'ultima quella emessa dal Tribunale di Orvieto, non hanno riguardato il merito della questione, ovvero sia la possibilità o meno di apportare la modifica in commento allo statuto della Casa della Divina Provvidenza, ma le modalità di svolgimento delle votazioni a suo tempo tenutesi, nell'ambito delle quali non sarebbe stato raggiunto il quorum di presenze necessario per la validità della modifica statutaria in esame, modifica pertanto allo stato astrattamente legittima.

Da ultimo, con riferimento al "percorso" proposto dal gruppo di maggioranza al Consiglio Direttivo della Casa della Divina Provvidenza, che laddove condiviso avrebbe potuto permettere di "evitare ulteriori iniziative giudiziarie" paventate dal Comune, e che sarebbe stato invece ignorato dagli attuali amministratori del predetto Istituto, giova evidenziare che il "percorso" in commento altro non è che una proposta formulata dall'Amministrazione Comunale che prevedeva da un lato le dimissioni di tutti gli attuali membri del Consiglio Direttivo della Casa, con rinuncia altresì da parte degli stessi a ricoprire in futuro detto ruolo, e dall'altro, la sostituzione del Sindaco quale membro di diritto del Consiglio Direttivo dell'Istituto, con un altro soggetto designato dallo stesso Sindaco.

Detto "percorso" non poteva certo essere condiviso, giacché gli attuali membri del Consiglio Direttivo della casa della Divina Provvidenza sono stati democraticamente eletti dall'assemblea dei soci dell'Istituto, a seguito di nuove elezioni indette proprio in virtù della pronuncia del Tribunale di Orvieto richiamata dal gruppo di maggioranza, al fine di rimuovere l'impasse creatasi, sì da garantire la legittima rappresentanza dell'Istituto ed il corretto espletamento dell'attività propria dello stesso.

Alla luce di quanto sopra, appare evidente che condividere il "percorso" proposto dall'Amministrazione Comunale avrebbe allora significato non solo frustrare e tradire la fiducia mostrata dai soci della Casa della Divina Provvidenza agli attuali amministratori, ma avrebbe significato al contempo e per assurdo vietare a questi ultimi anche qualsiasi ulteriore eventuale partecipazione futura all'amministrazione dell'Istituto.
Alle pretese di cui sopra, avrebbe dovuto fare da contraltare la rinuncia da parte del Sindaco a ricoprire direttamente il ruolo di membro del Consiglio Direttivo dell'Istituto, ruolo che avrebbe però dovuto essere svolto da altro soggetto, sempre dal primo designato.

Concludendo, per perseguire il fine evidenziato dal gruppo di maggioranza in seno alla propria lettera, condiviso da questo Consiglio, ovverosia la tutela del nostro territorio e della comunità locale, nell'ambito dei quali un ruolo di primo piano è ricoperto dalla Casa della Divina Provvidenza, si auspica allora che tra gli Amministratori dell'Istituto ed i rappresentanti dell'Amministrazione Comunale, possano esser concordati e condivisi "percorsi" meno impervi e più ragionevoli di quelli attualmente da quest'ultima proposti, nel rispetto dell'esigenza fondamentale di garantire il perfetto funzionamento di una struttura che rappresenta una delle eccellenze della nostra comunità locale, senza dover a tal fine frustrare la volontà legittimamente e democraticamente espressa dall'assemblea dei soci della Casa della Divina Provvidenza (unico consesso a ciò deputato), in merito alla scelta dei soggetti delegati ad amministrare e rappresentare detto Istituto".

Il Consiglio Direttivo della Casa della Divina Provvidenza per il Riposo della Vecchiaia

Commenta su Facebook

Accadeva il 23 marzo

"Corri sulle strade dell'Ottobrata Orvietana", ai nastri di partenza la sesta edizione

Asia Argento e Filippo Dini al Mancinelli con "Rosalind Franklin. Il segreto della vita"

Giornata Mondiale della Poesia, presentato il libro "Dall'esperienza al racconto"

Casa di Riposo, indetta la gara per la gestione transitoria

"Medaglie al Merito" in Prefettura, tra gli insigniti c'è anche Pietro Federico

A Palazzo Simoncelli, l'omaggio a Leopardi di Diana Iaconetti e Nuccia Martire

Luca Fringuello e i Giovanissimi di Orvieto Fc: "Contento dei risultati fin qui ottenuti"

Unipoptus, ecco a chi andranno gli attestati di benemerenza 2017

Orvieto tra le 13 stazioni appaltanti per l'individuazione di soggetti da invitare alle procedure negoziate

"L'Umbria si rimette in moto", Lugnano in Teverina consegna ulivi collezione mondiale

Al Palazzo del Gusto, mini-corso di caffetteria gratuito per gli imprenditori del territorio

Provincia, assemblea Upi Umbria e mobilitazione per fondi scuole

Al Teatro Boni cala il sipario su una stagione da applausi. Nardi: "Puntiamo sulla qualità"

Sabbia d'estate

Riduzione del rischio da catastrofi, gli impegni del Comitato delle Regioni d'Europa

Impatto ambientale, Università della Tuscia e Comune sottoscrivono la convenzione

Mezzo secolo di storia, l'Avis cresce e si prepara ai festeggiamenti

"Shiatsu&Alzheimer": attraverso il corpo una via per entrare in relazione

L'Alto Orvietano "In marcia per le donne" verso la Panchina Rossa

A Todi, sarà aperto per la prima volta al pubblico Palazzo Atti-Pensi

Karate, gli atleti della Scuola Keikenkai in Marocco per l'Open di Tangeri Wkf

Il X Congresso della Fnp Cisl Umbria conferma Giorgio Menghini alla guida dei pensionati

La Sagra della Primavera all'Hosteria di Villalba. Sabato 25 marzo, da mattina a sera

Disciplina della viabilità, ecco cosa cambia

Ippolito Scalza, un orvietano nel solco di Michelangelo

Fate morire in voi gli atteggiamenti

Il giardino delle ortensie

Operaio non pagato, si barrica sul tetto di un'abitazione in costruzione

Zambelli Orvieto sempre più apprezzata, lo dice Martina Sabbatini

Attentati a Bruxelles, bandiere a mezz'asta e un invito a reagire con determinazione

La mostra-mercato di prodotti agroalimentari e artigianali di Città della Pieve compie vent'anni

Materiale per la biblioteca dalla raccolta degli oli esausti di origine vegetale

Il Coordinamento dei ristoratori orvietani dice no a Orvieto pattumiera dell'Umbria

L'Archivio di Stato lascia Piazza Duomo e trasloca nell'ex tribunale

Audizione con i vertici di Cosp per analizzare i primi risultati della differenziata

Bocciata la mozione sulla discarica, in aula scoppia il caos

Dal dibattito tutti contro l'inefficienza della raccolta differenziata nel ternano

Sì alla risoluzione geotermia, sull'Alfina si può sperare in un futuro senza speculazioni

Il messaggio del vescovo Tuzia in occasione della Pasqua: "Vigilate e pregate"

Gnagnarini replica alla minoranza: "Picconati tasse e deficit comunale"

"La Pasqua tra sacro e profano". Concerto con gli allievi del maestro Davide Rocca

Nuovo orario e una ricorrenza particolare per il Museo Etrusco "Claudio Faina"

Discarica, De Sio (FdI-An) attacca l'esecutivo: "La Regione ha la memoria corta"

Materazzo Vs Tatta, la sfida tra Comunista e Democristiano. Arbitra Conticelli

Protesta in Regione contro l'ampliamento della discarica: le immagini

Lo strano caso dei lavori sul torrente Carcaione. Italia Nostra: "Nessuna partecipazione"

A proposito di ambiente, le priorità dei Giovani democratici: "Cosa serve all'Orvietano"

Hosteria di Villalba, uno sviluppo "Coeso" per la valorizzazione delle aree montane

Fiorini e Mancini (Lega Nord): "Il Pd trasforma Orvieto in pattumiera dell'Umbria"

Dopo il documento, i venti sindaci dell'Area Interna icontreranno la Marini

Corso di lingua italiana per stranieri e laboratorio di disegno per studenti

Nel pomeriggio di Pasqua alla Chiesa dei Servi torna la messa in latino

Processioni e rievocazioni storiche della Passione in tutto l'Orvietano

In corso la campagna di tesseramento 2016 dell'associazione "Lea Pacini"

Fascino e suggestione a Palazzo Orca, con i "Quadri Viventi" del Terziere Borgo Dentro

La rievocazione della Passione nei borghi della Tuscia viterbese

"Orvieto per tutti" svela il logo. Ad aprile la presentazione ufficiale

Successo per la mostra "Omaggio a Francesco" e il libro "Dialoghi nell'Immenso"

"The art of the brick". I mattoncini Lego vanno in mostra e diventano opera

"Blowing Art. Se a Orvieto ci fosse il mare…". In mostra, le visioni di Carlo Rognoni

Rifondazione Comunista propone un percorso comune a sinistra del PD

In tilt da tre giorni le linee telefoniche di Ospedaletto. Protestano gli abitanti isolati anche dalla neve

38 mila euro di contributi per lo spettacolo dalla Provincia. Lo annuncia l'assessore alla cultura Sganappa

Conviviale d'eccezione del Rotary Orvieto: ospite d'onore la dott.ssa Rita Valecchi con un'interessante relazione sul futuro dell'Ospedale di Orvieto

La relazione della dott.ssa Valecchi: 'Ospedale di Orvieto: Innovazione e progettualità'

La Filarmonica Mancinelli inaugura a Montefiascone 'Primavera in Etruria'. Solista al pianoforte il maestro Riccardo Cambri

Accessibile al pubblico il Fondo bibliotecario Renato Bonelli. Domenica 25 marzo l'inaugurazione

Mondovino: quando il tempo premia l'Orvieto. A Roma Palazzone in verticale: 15 anni di Campo del Guardiano

Non si placano gli animi sulla delibera della Corte dei conti. AN e Altra Città chiedono un Consiglio Comunale in seduta segreta per discutere il comportamento del Presidente

Una giornata di studi dedicata alle novità della legge Finanziaria. Seminario di studi della Presidenza del Consiglio di Orvieto e della Fondazione PROMO P.A.

Scontro a sinistra sulla ripubblicizzazione dell'acqua. Un polemico intervento del consigliere Imbastoni: 'Battaglia per l’acqua pubblica: basta con i verniciatori'

La lettera del Comitato Promotore Regionale Umbro per la ripubblicizzazione dell'acqua agli eletti dell'Umbria

'Un dibattito serrato ma franco' tiene impegnata la direzione DS al completo fino alle due di notte