sociale

Trenitalia pronta ad attivare il "Piano Neve e Gelo"

domenica 13 gennaio 2013
Trenitalia pronta ad attivare il "Piano Neve e Gelo"

In previsione di una nuova ondata di neve e gelo, Trenitalia fa sapere che in analogia a quanto già fatto in occasione delle ultime ondate di maltempo è pronta ad attivare il "Piano Neve e Gelo". 

Il Piano - informa - prevede un programma di riduzione progressiva dei treni in circolazione, in stretta relazione all'andamento delle condizioni meteorologiche, oltre a specifiche misure tecniche e organizzative per garantire la regolarità del servizio ripianificato, preservare l'efficienza di locomotori e automotrici e il regolare funzionamento dei sistemi di sicurezza, delle porte di accesso alle vetture, degli impianti di riscaldamento.

La riduzione dell'offerta sarà attuata - in base a piani già predisposti in dettaglio - sulla base del continuo monitoraggio sia delle previsioni meteo e delle condizioni oggettive (quantità delle precipitazioni nevose, diminuzione delle temperature) sia dello stato di efficienza e disponibilità dell'infrastruttura (funzionalità di stazioni, scambi, binari, linea elettrica aerea), sulla base delle indicazioni di RFI, Gestore dell'infrastruttura ferroviaria nazionale.

Questa riduzione produrrà una rimodulazione dei flussi in transito sulle linee e nei nodi tale da assicurare la continuità della mobilità ferroviaria, unita a un'accettabile regolarità della circolazione. La rimodulazione dell'offerta sarà anche finalizzata a preservare un'ottimale efficienza della flotta, così da poter assicurare, a emergenza finita, una più rapida ripresa del regolare servizio.

Le variazioni a quanto previsto dall'orario ufficiale saranno tempestivamente comunicate ai clienti, utilizzando tutti i media del Gruppo FS (siti web trenitalia.com e fsnews.it, @LeFrecce; @Fsnews_it; e FSNewsRadio e LaFreccia.TV dal sito web fsitaliane.it), a cui si aggiungono i tradizionali canali delle biglietterie, degli Uffici di Assistenza di Trenitalia, dei tabelloni elettronici e delle locandine affisse nelle stazioni.

Commenta su Facebook