sociale

La cronaca della cerimonia e l'omelia del Cardinale Giovanni Battista Re

domenica 13 gennaio 2013
di Ufficio Stampa della Diocesi Orvieto-Todi
La cronaca della cerimonia e l'omelia del Cardinale Giovanni Battista Re

Oggi, alle ore 15,30, dal lato della "Porta Storica o del Corporale" della Basilica Cattedrale di Orvieto, il Cardinale Giovanni Battista Re, Prefetto emerito della Congregazione dei Vescovi, accolto da Mons. Benedetto Tuzia, Vescovo della Diocesi di Orvieto-Todi, dagli Arcivescovi Mons. Gualtiero Bassetti, Mons. Giovanni Marra, Mons. Marcello Bartolucci, dal Vescovo emerito Giovanni Scanavino, dalle autorità civili e militari del territorio, da una rappresentanza del Corteo Storico e da tanta gente, ha dato inizio al solenne rito di apertura della Porta Santa.
Qui, il Cardinale dopo aver salutato l'assemblea e dopo aver ascoltato la lettura del Rescritto del 13 marzo 2012 con il quale la Penitenzieria Apostolica, su mandato del Santo Padre Benedetto XVI, ha autorizzato la celebrazione di un Giubileo Eucaristico Straordinario biennale, il canto dell'Alleluia intonato dalla Schola diretta dal M° Stefano Benini, e il Vangelo proclamato dal Diacono, si è avviato in silenzio verso la Porta Santa che ha spalancato spingendola con le due mani.

Appena la porta è stata aperta e l'interno della Basilica è stato illuminato a giorno la Schola ha intonato l'Inno Giubilare Eucaristico A Cristo pane di vita, composto dal M° Don Mario Venturi, e le campane della Cattedrale hanno annunciato l'anno di grazia per tutta la Chiesa, il Cardinale Giovanni Battista Re si è inginocchiato sulla soglia ove è rimasto per alcuni minuti in raccoglimento.
Subito dopo la processione è entrata in Basilica. Giunti all'altare il Diacono ha intronizzato su apposito tronetto l'Evangeliario che è stato incensato dal Cardinale Re che subito dopo ha raggiunto la Cattedra mentre il Cancelliere ha dato lettura dei Decreti della Penitezieria Apostolica con i quali si concede al Vescovo o Cardinale che presiede la solenne liturgia, di apertura e di chiusura delle Porte Sante, di impartire la benedizione papale con annessa Indulgenza plenaria alle consuete condizioni: confessione sacramentale, comunione eucaristica e preghiera secondo le intenzioni del Sommo Pontefice. Indulgenza che suppone un desiderio di vera conversione e di cambiamento di vita
Al termine della proclamazione la Schola e l'assemblea hanno cantato l'inno del Gloria in excelsis Deo e la solenne concelebrazione eucaristica ha avuto inizio.
All'altare assistevano il Cardinale Re le Ecc.ze Reverendissime Mons. Benedetto Tuzia Vescovo di Orvieto-Todi e Mons. Giovanni Marra, già Amministratore Apostolico della Diocesi.

All'omelia il Cardinale Giovanni Battista Re ha detto: "L'apertura della "Porta del Giubileo" qui a Orvieto questa sera, come già il 6 Gennaio a Bolsena, è ricca di significato e ci invita a vivere questo periodo giubilare, aprendo le menti ed i cuori al grande mistero dell'Eucaristia. Siamo chiamati a celebrare con fede l'incomparabile dono della presenza di Cristo sotto i veli del pane e del vino. L'Eucaristia è Cristo che si dona a noi e che ci consente di entrare in comunione con lui...
Ebbene, mediante il Sacramento dell'Eucaristia Dio è sempre con noi: abita in mezzo a noi. La fede ci assicura che Cristo, mediante i segni del pane e del vino, è realmente con noi in corpo, sangue, anima e divinità. Questa non è una affermazione vuota, non è suggestione; non è fantasia: è realtà. Sì, una realtà misteriosa, cioè di ordine diverso da quello della conoscenza derivata dall'esperienza dei sensi, ma è realtà garantita dalla parola di Dio. E' una realtà che è raggiungibile soltanto mediante la fede. L'Eucaristia è mistero di fede.
E' il mistero più ineffabile della fede cristiana ed è memoriale della passione e morte di Cristo per la nostra redenzione.
In pari tempo l'Eucaristia è dono e segno di amore.
La Chiesa ha sempre considerato l'Eucaristia come il dono più prezioso di cui è stata arricchita. Il mistero eucaristico è la massima espressione del dono che Cristo fa a noi di se stesso e della sua opera di salvezza.
Parlando dell'Eucaristia - ha ricordato il Cardinale Re - il Concilio Vaticano Il afferma che essa è "il centro e il vertice dell'azione della Chiesa" (Ad Gentes, 9); "la fonte e il culmine di tutta la vita cristiana"( Lumen gentium,1 1)...
Nella società secolarizzata di oggi, purtroppo, la fede in Dio - ha soggiunto - è esposta a forti venti contrari e tende ad affievolirsi come una fiamma che non è alimentata.
Il Papa Benedetto XVI ha parlato più volte della drammaticità della situazione della fede nel nostro tempo. Correnti di pensiero e stili di vita vanno in senso opposto alla concezione cristiana della vita e della società, modificando pian piano mentalità, sensibilità e costumi, e mettendo a dura prova la fede, i cui contenuti da molti non sono più conosciuti. Col venir meno della luce che viene da Dio, l'umanità rimane senza orientamento...
L'iniziativa del Papa concernente l'Anno della Fede è pertanto particolarmente felice, perché viene incontro alla più grave esigenza e necessità del nostro tempo e perché offre una risposta alla sfida della secolarizzazione.
Per le nostre comunità di antica tradizione cristiana, l'Anno della Fede vuole essere un caloroso invito e un forte richiamo innanzitutto a irrobustire e rivitalizzare la propria fede. L'Anno della Fede è uno squillo di tromba che vuole risvegliarci a vivere la fede in modo nuovo, facendola diventare veramente la forza trasformante della nostra vita...
Questo Giubileo Eucaristico, che tocca da vicino e in profondità la vostra Diocesi di Orvieto-Todi, e l'Anno della Fede che ci riguarda tutti come appartenenti alla Chiesa cattolica, aiutino ad alimentare la fede con la preghiera, con la frequenza ai sacramenti, con l'ascolto o la lettura della Parola di Dio, con la fedele partecipazione alla Messa domenicale. ...
La Porta del Giubileo di Orvieto, che questa sera è stata aperta, come quella di Bolsena, rimangono aperte per tutti. Esse sono invito a ripartire verso un nuovo futuro, animati dall'impegno di rafforzare, in chi crede, la fede e per annunciarne il valore a chi non ha questo dono".

All' Offertorio La Schola diretta dal M° Benini ha eseguito il canto "O Dio dell' Universo" mentre alla Comunione, largamente partecipata, ha eseguito i canti "Ave Verum" e "Lauda Sion".

Al termine della solenne concelebrazione eucaristica dopo un breve indirizzo di ringraziamento di Mons. Benedetto Tuzia, Vescovo di Orvieto-Todi, il Cardinale Giovanni Battista Re a nome del Santo Padre Benedetto XVI ha impartito la benedizione Apostolica con la relativa indulgenza plenaria.


Questa notizia è correlata a:

Una folla di popolo accorre all'apertura della Porta Santa del Duomo di Orvieto

Commenta su Facebook

Accadeva il 21 gennaio

Complanare, nuova fase di spinta oleodinamica del ponte in acciaio

"Le Grandi Firme della Tuscia". In distribuzione il terzo numero dell'aperiodico di Letteralbar

Azzurra Ceprini A1. Palla a due al PalaPorano con San Martino di Lupari

Montelone, la Provincia scioglie il silenzio. La prossima settimana, il bando per i lavori stradali

In manette 22enne, rubò chioccia con tutti i pulcini

Larocca interrompe lo sciopero: "L'amministrazione continuerà a vigilare"

Approvato l'odg per inserire il "reato di tortura" nell'ordinamento italiano. Il plauso di Amnesty International

Esce "Studi Interrotti", l'album d'esordio de "Gli Scontati". Il 28 gennaio al Valvola

Sfilata di maschere e carri allegorici per la "Festa di Carnevale" di Porano

Torna a luglio la seconda edizione del Premio Letterario "Città di Lugnano"

Tir si ribalta in Autostrada, code e disagi bloccano il traffico

Due ristoranti "nostrani" alla sfida Tv di Alessandro Borghese

Lasciavano le auto su "quattro ceppi" e scappavano, beccata la banda del cric

Regione contro l’inceneritore in Umbria, ma i comitati chiedono garanzie sulle discariche

Garbini lascia, si dimette il sindaco di Castel Giorgio

Bollo per i veicoli di interesse storico o collezionistico: dal primo gennaio riduzione del 10 per cento

Auto alluvionate, Sacripanti (FdI-An) sollecita un nuovo bando per il risarcimento dei danni

Consiglio regionale, respinta la mozione sul "sostegno alla famiglia naturale"

Punti nascita, la presidente Marini rassicura: “Non sono previste altre chiusure”

"Ravensbrück. Il lager delle donne", gli scatti di Ambra Laurenzi al Palazzo del Popolo per il Giorno della Memoria

A Città della Pieve nasce il liceo musicale. Open Day di presentazione

"Internet e le nuove generazioni: ripartiamo dalla famiglia". Incontro conclusivo per "Famiglie al centro"

Differenziata lumaca, ora la Regione corre ai ripari: obiettivo 60% entro l'anno

Piano comunale di classificazione acustica, nulla di fatto. In standby le controdeduzioni

Kino-Workshop al Centro Viva. A lezione di linguaggio cinematografico

Incontro informativo sull'iniziativa comunitaria "Garanzia Giovani"

Jasmine Rossini: "Per la Zambelli Orvieto il campionato è aperto"

Cardinali al Sindaco: "Sul parco del Paglia ci dica cosa bolle in pentola"

Sanità, la giunta regionale umbra sospende il ticket intramoenia

Folklore e tradizione si incontrano per la seconda "Giornata delle Pasquarelle"

Il vescovo presiede i funerali di don Adelmo Ciurletti

Sacripanti (FdI-An) propone l'istituzione di un forum civico in materia di assistenza socio-sanitaria

Dall'orto al piatto. Dalla collaborazione fra le scuole, un progetto sperimentale

La Regione investe quasi 3 milioni di euro per finanziare la competitività delle aziende vitivinicole

Centro Studi, via allo "Spring Semester" della Kansas State University e della University of Arizona

Orvieto tra le sezioni Cai che hanno collaborato alla rete sentieristica-escursionistica umbra

Furti e atti vandalici al Fanello. Tardani: "L'amministrazione si attivi per garantire la sicurezza ai cittadini"

Il Consiglio dei Ministri commissaria L'Umbria e decide per la chiusura anticipata della caccia

Ballo in maschera al Teatro Boni. Musica e divertimento, come in una favola

Luciani sollecita la riqualificazione di Piazza del Commercio: "Come si sta muovendo il Comune?"

Il Comune ricorrerà al Consiglio di Stato, Germani: "Il terzo calanco non si farà"

Lo Sportello del Consumatore chiude i battenti: riflessioni sulla conclusione di un'esperienza

Rometti: "Per la Regione su Orvieto non ci sono assolutamente esigenze di ampliamento della discarica al terzo calanco"

L'assessore Cecchini: "Si è fatta ricadere sulle Regioni l’incongruenza fra le norme nazionali ed europee"

Contratti di Fiume, Minervini chiarisce la posizione delle associazioni private: "Fuori dalla Cabina di Regia".

Galanello Pd: "No al terzo calanco, l'obiettivo dell'Umbria è la minimizzazione dello smaltimento in discarica"

Il Circolo Pd di Orvieto Scalo al lavoro per la riqualificazione del quartiere

Scopetti e Taddei Pd: "No categorico al terzo calanco, Comune e Regione non devono mollare"

Il teatro amatoriale colora Monteleone. La rassegna al Teatro dei Rustici compie vent'anni