sociale

Ore 16, Campo 6 Finale Emilia "un silenzio assordante"

domenica 21 ottobre 2012
di Giuliano Santelli - Campo 6
Ore 16, Campo 6 Finale Emilia "un silenzio assordante"

Il Campo 6 ha chiuso questa mattina alle ore 10 quando gli ultimi ospiti della tendopoli sono saliti sugli autobus per andare verso gli alberghi di destinazione. E' sempre difficile descrivere una partenza, specialmente dopo che sei convissuto per 5 mesi con delle persone che con te si sono confidate, ti hanno raccontato dei loro problemi delle loro paure, delle loro felicità per un nuovo figlio nato, per un figlio che nel frattempo si è sposato, per qualcuno che se ne andato.

Dentro la testa ti corrono immagini, volti, storie che ti hanno coinvolto, nomi. Lorenzo, Samir, Maruan, Carmelina, Scerkaui, Khalil. Inshallah, ciao, arrivederci, ognuno a salutarti con la su lingua la sua tradizione.
Reggere la commozione non è semplice. Eppure in questo micro mondo che è il campo 6 abbiamo imparato che la convivenza tra diverse culture, modi, religioni è possibile.

Pare che gli uomini riescano a dare il meglio di se solo quando ci sono sciagure come i terremoti o le alluvioni.
Ripercorro con la testa questi mesi e penso a come si sia riusciti a cucinare, pregare, suonare musiche, ballare, ognuno con il proprio bagaglio culturale.

Questo è valso anche per i volontari, un miscuglio di dialetti, emiliano, romagnolo, orvietano, ternano, perugino, eugubino-gualdese, misto a veneto, calbrese e siciliano.

Divise diverse, blu e rosso dell'ANC, giallo e blu di alcune associazione di volontariato, solo blu dei Regionali, e poi quelli della F.E.D.R.V.A.B., razza a parte, organizzatissimi, grandi logisti, gente da montaggio tende in poco più di mezz'ora. Storie anche di vini di culture enogastronomiche.

E poi i racconti di chi è arrivato dieci o più anni fa dal Magrbeb, dall'Albania o dal sud Italia e qui ha trovato lavoro e fortuna, fino a quel maledetto 22 maggio, dove sembrava che ogni prospettiva si fosse interrotta, ogni speranza spezzata. Dura ricominciare a vivere a 30 e più chilometri di distanza da Finale Emilia, con le alzatacce dei bambini alle 6 per andare a scuola, ma stare in tenda non era davvero più possibile. Posti di nebbia questi che ti entra nelle ossa, con l'umidità simile a pioggia.

Sono le 16 del 20 ottobre, in questo "silenzio assordante" senza il vociare dei bambini o delle donne Magrebine intorno alla saggia vecchia, restano i ricordi di una esperienza dura e meravigliosa, rapporti che nessuna lontananza saprà spezzare.

Adesso il rumore prevalente del campo 6 sono i ferri delle tende che cadono a terra, dei martelli che smontano i pali di sostegno dei teli ombreggianti, l'andare e rivieni del muletto manitù che trasporta ciò che resta del campo nei container. Avremo da fare per almeno altri 15 giorni per smontare e riporre tutto in ordine. Buona fortuna a tutti e tutte e che presto possano tornare alle loro case.
Inshallah, ciao, arrivederci.

Un grazie ai tanti volontari umbri che sono stati qui al Campo 6 di Finale Emilia, in particolare a tutti quelli del comprensorio orvietano; Orvieto, Baschi, Montecchio, Monteleone, Guardea, San Venanzo, a Mario Gaddi e Gianpaolo Pollini chi mi hanno supportato e sopportato nei momenti più difficili o di scoramento e grazie alle Amministrazioni Comunali che ci hanno permesso di vivere questa esperienza. Un abbraccio e un grazie a Ilario Morandi un vero uomo di Protezione Civile.

Commenta su Facebook

Accadeva il 20 febbraio

"Tuscia Etruria". Presentata la guida ai sapori e ai piaceri di Repubblica

Orvieto ai Campionati della Cucina Italiana, medaglia di bronzo per Consuelo Caiello e Angelo D'Acquisto

Al Teatro Santa Cristina, è di scena "Riccardo (Lunga Vita al Re)"

Tre ori per Emanuela Marchini ai campionati di nuoto FISDIR

Sentenza del Tar, incontro pubblico con i cittadini

Di fiori e di altri profumi

Musica e solidarietà in Carcere, con il concerto dei Maleminore

Cresce la richiesta per gli asili nido, liste d'attesa in aumento

Cala la popolazione, cala il numero delle pratiche

Una Zambelli Orvieto carica e determinata si reca alla corte del Chieri

"Alba Etrusca" al Museo "Claudio Faina". In mostra le pitture di Renato Ferretti

Il Comune annuncia l'arrivo della carta d'identità elettronica

Il vino è condivisione, gemellaggio tra "Wine Show" e "Due Mari WineFest"

Salto con l'asta, Eugenio Ceban (Libertas Orvieto) torna a volare ai Campionati italiani assoluti

"Il Forno" presenta "Due", il nuovo libro di Carlo Pellegrini

Riaperta al culto la chiesa parrocchiale di San Pancrazio

"Croce e delizia, signora mia", l'omaggio a Verdi di Simona Marchini

"Il Liceo Artistico non è merce politica di scambio"

Dopo "Frammenti d'un mosaicista morto dal freddo", "Inseguivo il vento pei campi"

A 12 anni dalla morte, i genitori di Luca Coscioni depositano il loro biotestamento ad Orvieto

La chiesa di San Pietro è di proprietà comunale. Grassotti: "Fatta luce dopo anni di incertezza"

"Orvieto in Danza". Prima rassegna nazionale al Teatro Mancinelli

Ferretti, Vezzosi e Bonifazi in cima alle classifiche 2017. Ricco di aspettative il 2018

Centro Congressi, incontro sul futuro del turismo congressuale a Orvieto

I tesori di Campo della Fiera in mostra in Lussemburgo

Luci spente e camminate per "M'illumino di meno 2018"

La Uil fa rete e si mobilita per i territori tagliati fuori dall'Alta Velocità